Passa ai contenuti principali

ALICE UNDERGROUND - Intervista a Miriam Tocci


Mancano pochi giorni all'appuntamento con "Alice Underground il musical", esattamente il 3 giugno al Babau Club di Sforzacosta in provincia di Macerata. Una serata all'insegna del musical, di performance artistiche e dj set di techno music. 
Dopo l'intervista a Maria Laura PlataniaFrancesco Properzi Roberto Rossetti, oggi parliamo di Alice con Miriam Tocci, autrice dell'adattamento teatrale.


Che rapporto hai con la storia di Alice?

Quella di Alice è una storia che mi è rimasta nel cuore da quando ero una bambina e che resta ancora adesso una delle mie preferite. Come Alice, mi perdevo nei mondi creati dalla mia fantasia, fatti di canzoni strambe, rime, posti e personaggi assurdi e in verità non ho mai smesso del tutto di farlo, visto che anche adesso scrivo storie! Trovavo molto di me in lei. Forse anche io creavo le mie storie per uscire dalla realtà o forse, aggiungo ora con una diversa consapevolezza, lo facevo per capirla meglio, la realtà.


Cosa vuol dire scrivere l'adattamento teatrale di un testo così importante?

Di sicuro è una grande responsabilità e un onore ancor più grande. Quello di Alice non è un sogno a occhi aperti, una favoletta per intrattenere. È un viaggio, un viaggio nella testa fra le idee e le antitesi, i sensi e i non sensi. È un test continuo per saggiare quanto il reale sia irreale e viceversa. Alice è lo specchio della nostra personale conquista della coscienza di adulti e, oltrepassato il portale che conduce al suo mondo, è possibile guardare noi stessi dalla giusta prospettiva. Diciamo che ci si rimette mano con una certa reverenza, inoltre è stato molto emozionante per me poter diventare uno dei personaggi sulla scena: la Lepre Marzolina.


Che differenze ci sono tra lo spettacolo e il testo?

Il filo conduttore dell’adattamento teatrale è rimasto quello della storia originale, anche il titolo lo è: Alice Underground. Ma nell’idea di Maria Laura Platania e Brunella Platania c’era una trasposizione di personaggi e situazioni ai giorni nostri, con un occhio particolare alle problematiche psicologiche e sociali che affliggono il nostro tempo. Abbiamo quindi un Brucaliffo spacciatore, che fruga e devasta i cervelli di chi si fa abbindolare, una Duchessa, donna pentita della maternità, che tenta di riappropriarsi del suo mondo anche a costo di uccidere, abbiamo dei Fiori che si sono “persi per sempre” e che vivono sui marciapiedi aspettando un Re che li porti via, dei Matti che in realtà sono disadattati dalle mille dipendenze: alcool, farmaci, vizi vari ma che tentano di mantenere una parvenza di normalità con il tè delle cinque, oltre a Ostrichette bambine cadute nelle mani di un orrendo Tricheco che promette loro meraviglie, e così via. E poi una Alice adulta che ha ricordi confusi della se stessa bambina, innocente e curiosa, che si sente smarrita, inadeguata davanti alla volontà dispotica di una Regina che, come ogni potente che si rispetti, mira ad appiattire le menti per assicurarsi fedeli seguaci. Una Alice che rincorre il Tempo e si fa irretire dai suoi demoni rinunciando alla bellezza delle cose che un tempo amava. Ma davvero rinuncerà?


Che cosa colpisce di più agli occhi del pubblico secondo te?

L’intensità del messaggio che si fa spazio fra la musica e le situazioni a volte crude, a volte ironiche o oniriche: quando perdiamo l’innocenza, spesso perdiamo l’essenza di noi stessi. Ci vuole quindi una gran forza per restare bambini, per non perdere la capacità di sognare.

Questo è in buona sostanza il riscontro avuto sullo spettacolo nel corso delle repliche romane di Alice Underground, e ne sono assolutamente orgogliosa!


Come definiresti questo spettacolo con una sola frase?

Un viaggio nel Tempo fra i non sensi del nostro essere, per capirne il senso.


Il 3 giugno “Alice Underground” sarà in scena in una nuova location. Invita il pubblico a venire al Babau Club di Macerata.

Cosa aspettate ad entrare nel Sottomondo di Alice Underground? Di nuovo in scena il 3 giugno con Accademia Platafisica al Babau Club!

Pagina facebook evento
Rexanthony Remember 90 Techno Night Alice Underground Il Musical

PRENOTAZIONI:

TEL 3498051483
accademiaplatafisica@gmail.com


TEL3285459226
info@babauclub.com


Commenti

Post popolari in questo blog

UNA PIATTAFORMA PER PORTARE IN ITALIA OCCASIONI DI STUDIO CON PROFESSIONISTI DA TUTTO IL MONDO

7 marzo workshop di danza con LAYTON WILLIAMS 14 marzo workshop acting through song con JOE VETCH Nasce TAB “The Artist Bridge” un ponte per rendere accessibile la comunicazione tra studenti e artisti italiani con performers e creativi da Broadway e dal West End. Il progetto TAB nasce dall’idea di Giorgio Camandona, (protagonista di musical di successo come Peter Pan il Musical, A Chorus Line, Grease), il regista e performer Mauro Simone (Robin Hood, Grease, performer per Singing In The Rain, Pinocchio il grande musical) Martina Ciabatti Mennell, performer italiana dalla carriera internazionale (We Will Rock You, Trioperas, The Mission) e dal performer inglese Phil Mennell (Aladdin - West End, The Bodyguard, Saturday Night Fever, Newsies) in un periodo in cui la formazione e lo studio delle discipline artistiche e teatrali sono limitati a causa delle restrizioni che impediscono gli spostamenti e quindi lo scambio che spesso è linfa vitale per chi si approccia al m

Teatro Trastevere: Nuovo Progetto Artistico

                                                                                           Associazione Culturale Teatro Trastevere presenta il Nuovo Progetto Artistico   GERMOGLI Esperimenti Teatrali, per artisti e spettatori   COS'E'   È la nostra personale risposta alla riapertura delle strutture teatrali a ridosso della stagione estiva. Un percorso di RICERCA, sia del Teatro Trastevere che degli artisti coinvolti, per riabituare gli spettatori a frequentare gli spazi di condivisione artistica, riabbracciandoci, seppur simbolicamente, attraverso l'arte, portatrice di sana socialità.   MA IN PRATICA   In pratica apriamo il Teatro alle compagnie e ai singoli artisti che, dopo mesi di elaborazione di nuovi contenuti, vogliano finalmente dare viva realtà al proprio progetto. Offriamo 50 ore di RESIDENZA CREATIVA e 2 giorni di restituzione al pubblico non solo in forma di spettacolo, ma anche di semplice studio:  “...Faremo le cose in sicurezza, seguendo i protocolli e metter

MEDAGLIA D'ONORE A LUCIANO SALCE: FU DEPORTATO NEI LAGER NAZISTI

Per anni è gli è stata attribuita l'adesione alla Repubblica di Salò. Luciano Salce non è mai stato un repubblichino. Una battaglia condotta dal figlio Emanuele per portare alla luce la verità che si conclude con una Medaglia D'Onore. Sono state consegnate il 28 gennaio dal prefetto di Roma dott. Matteo Piantedosi, presso la sala “Di Liegro” di Palazzo Valentini, le Medaglie d'Onore ai cittadini italiani, militari e civili, che durante il secondo conflitto mondiale hanno subito la deportazione e l'internamento nei campi nazisti dal 1943 al 1945. Tra questi Luciano Salce il regista, attore e autore scomparso nel 1989 e protagonista di una delle epoche più feconde dello spettacolo italiano. Un riconoscimento di grande valore che rappresenta l'ultimo tassello di una ricerca di verità che si è contrapposta all’informazione disinformata di alcuni settori dell’opinione pubblica che negli ultimi tempi, evitando accuratamente di confrontarsi con fonti e documentazioni evide