Passa ai contenuti principali

INTERVISTA A MARGHERITA ANTONELLI


Venerdì 23 Novembre al Teatro Pime di Milano, Margherita Antonelli, diventata celebre per il personaggio di Sofia a ZELIG (ma non solo), porta in scena "Secondo Orfea: Quando l'amore fa miracoli" diretto da Marco Amato. 
Per conosce qualcosa in più sullo spettacolo, e su di lei, vi lascio alla mia intervista.

Ciao Margherita ! Questo spettacolo è scritto e interpretato da te. Com'è nato questo testo?

L’idea è nata ai tempi della scuola di Teatro che feci negli anni 80. Formulai il personaggio per un convegno di Azione Cattolica, ma il testo consisteva in 7 minuti di performance. Poi il pezzo non lo ripresi più in mano sino alla notizia che la CEI indiceva un Festival del Sacro a cui partecipai , nel 2013, e vinsi il finanziamento per mettere in scena il progetto allora inviato, che consisteva ,appunto, in “Secondo Orfea: quando l’amore fa miracoli “. Ad oggi abbiamo girato l’Italia e siamo a un centinaio di repliche .

Orfea, una donna che vive a Gerusalemme nell’Anno 1, vedova di un centurione romano al seguito di Ponzio Pilato. Che tipo di donna oggi si può riconoscere in lei?

La donna del popolo, quella di buon senso, che vive la propria fede sui fatti e non sulle parole. Colei che vive una fede concreta, tangibile, fatta di vicinanza , di accoglienza … cosa rara ai nostri giorni, con un pizzico di ironia, di sagacia.


In quale momento della tua vita hai capito che dovevi intraprendere questo mestiere?

Sin da ragazza ero attratta dalle storie interessanti, toccanti ed a tratti poetiche delle persone, gente comune che non sarebbe mai salita su un palco a raccontarsi, mi sono presa la briga di andare ad una scuola di teatro per imparare meglio a raccontare le loro storie.

Teatro, televisione, cinema e anche scrittrice. Qual è il tuo sogno nel cassetto?

A parte il debellamento della fame nel mondo e la fine di tutti i conflitti a fuoco nel mondo... direi ! per volare più basso direi un nuovo spettacolo intitolato “l’albero delle Borsette “ scritto ed interpretato da me. Non ho più sogni da tempo, ma tanti obiettivi.

Prossimi progetti?

Il più imminenti è il debutto con un nuovo spettacolo con Claudio Batta e Giorgio Verduci intitolato “ANDIAMO DA DIO” – (abbiamo delle cose da dirgli ) che sarà il 9 marzo 2019.

Grazie Margherita.

Commenti

Post popolari in questo blog

Torna a Milano la Baltic Sea Youth Philharmonic

Torna a Milano la Baltic Sea Youth Philharmonic, l'orchestra che unisce le diverse tradizioni musicali dei paesi che circondano il Mar Baltico, nella convinzione che la musica non conosca né confini né limiti, sia di natura geografica che di genere. Il tour, realizzato grazie al sostegno di Saipem, debutterà il 10 settembre a Heiden, in Germania, e toccherà, in dieci giorni, nove differenti città in Svizzera, Italia, Danimarca e Polonia. In Italia la Baltic Sea Youth Philharmonic sarà a Milano il 14 settembre nel suggestivo contesto della Basilica di Santa Maria delle Grazie, ospite dell’Associazione Musicale ArteViva, e a Verona il 15 settembre al Teatro Filarmonico per il festival “Settembre dell’Accademia” dove si esibirà per il secondo anno consecutivo. Il pubblico milanese avrà il piacere di applaudire i giovani artisti della Baltic Sea Youth Philharmonic per la quarta volta. L’orchestra, fondata nel 2008 da Kristjan Järvi (affiancato da un prestigioso consiglio di consulent

Rugantino - dal 10 marzo al Sistina!

  Per la gioia del pubblico rivive una pagina indimenticabile della lunga e gloriosa storia del Teatro Sistina: dopo lo stop forzato dovuto alla pandemia, dal prossimo giovedì 10, e fino al 27 marzo, sarà di nuovo in scena, con la supervisione di Massimo Romeo Piparo, la maschera amara e dissacrante di "Rugantino" dei mitici Garinei & Giovannini. Lo spettacolo, che fonde mirabilmente tradizione e modernità, viene presentato nella sua versione storica originale, con la regia di Pietro Garinei, le splendide musiche del M° Armando Trovajoli, le preziose scene e i bellissimi costumi originali firmati da Giulio Coltellacci: un imperdibile ritorno alle radici e un'occasione per riscoprire un classico del teatro musicale italiano. Sul palco, la splendida Serena Autieri, ancora una volta straordinaria interprete dell'intrigante personaggio di Rosetta, donna bella altera e irraggiungibile, che fa battere il cuore di Rugantino, un ruolo in cui l’attrice napoletana dà prova

Torna in scena "The Boys in the band". Gabrio Gentilini sarà ancora Donald.

Gabrio Gentilini sarà in scena sabato 26 marzo al Teatro Nuovo di San Marino con lo spettacolo “The Boys in the Band”, di cui è co-protagonista dalla prima messa in scena italiana del 2019. Nella piece, proposta al pubblico italiano grazie alla traduzione e all’adattamento di Costantino della Gherardesca, che la produce accanto a Giorgio Bozzo, il regista, Gabrio ricopre il ruolo di Donald, un ragazzo di 28 anni, americano e gay, che con la sua presenza a una festa di compleanno tra amici omosessuali in un appartamento di New York a fine anni '60, creerà varie dinamiche all’interno del gruppo, in un crescendo di colpi di scena, tensione, umorismo feroce e riflessioni profonde. Gabrio ha nel suo curriculum esperienze molto importanti nel teatro di prosa e musicale oltre che ruoli in produzioni cinematografiche e televisive nazionali. “Sono veramente contento di portare questo spettacolo nella mia Romagna. Ne amo il testo, così come la sintonia che si crea con i mie colleghi ogni vol