Passa ai contenuti principali

TANTO PER RICOMINCIARE - AR.MA TEATRO

          TANTO PER RICOMINCIARE

Di Alessandro Iori , Andrea Crudo

Con Marco Majello, Daniela Bartolomei, Laura Ranghi, Isabella Picchione, Stefano Santini, Vincenzo Sartini, Cristina Lottini

Regia Alessandro Iori, Stefano Santini, Carlo Cianfarini

 

AR.MA TEATRO

Via Ruggero Lauria, 22  

28/29/30 maggio  ore 18:00

 

Dal 28 al 30 maggio al Teatro Ar.Ma di Roma è in scena  Tanto per ricominciare una miscellanea di performance teatrali diretta da Alessandro Iori, Stefano Santini e Carlo Cianfarini,.

Sul palco del teatro alle spalle del Vaticano,  Marco Majello, Daniela Bartolomei, Laura Ranghi, Isabella Picchione, Stefano Santini, Vincenzo Sartini e Cristina Lottini. Cinque i lavori teatrali: In principio, Ora che papà è morto, Perché, La parola al diavolo, Terzo Round.

Il primo è In Principio il monologo, scritto e diretto da Alessandro Iori con Marco Majello,  attraverso  una metafora sull’eterno conflitto tra ragione e sentimento, narra la creazione dell’Universo, dall’inizio alla fine dei tempi, dal primo Big Bang alla creazione dei buchi neri. Come si è generato l’Universo? Chi o cosa fu a dare origine alla materia, così come la conosciamo? Cosa regola il movimento dal macro al microcosmo? Ci fu il Big Bang? E i buchi neri?

Ora che papà è morto è il secondo spettacolo che vede in scena Daniela Bartolomei  e  Laura Ranghi. Una madre torna a casa con sua figlia dal funerale del marito. Tra le due donne è subito scontro. Si scagliano l’una contro l’altra rinfacciandosi le proprie inadempienze nei confronti del defunto che ha lasciato loro una fortuna. Il ricordo delle sofferenze subite da entrambe tornerà  alla memoria incidendo dolorosamente il loro animo travagliato. Un corto  “noir” basato sull’incomunicabilità di  un rapporto tra madre-figlia e sull’aridità sentimentale che pesa su di loro come un macigno. Colpo di scena finale.

Perchè scritto da Alessandro Iori e diretto da Stefano Santini vede in scena Isabella Picchione. La fine di un amore. Il pensiero fisso dell’amore perduto che non abbandona la memoria di chi è stato lasciato. La paura di ricominciare come se una parte fosse stata asportata. Chi non ci è passato almeno una volta? Le riflessioni, le sensazioni, gli stati d’animo di una donna che, lasciata dal suo compagno, deve ricominciare a vivere una volta elaborato il lutto dell’abbandono

La Parola al Diavolo scritto e diretto da Alessandro Iori con  Stefano Santini. Il Diavolo. Lo conosciamo, ne conosciamo i pensieri, le volontà, i programmi e i progetti? Se potesse parlarci, cosa ci direbbe? Finalmente, potremo valutare le cose dal suo punto di vista, su Dio, su Gesù sulle altre religioni e soprattutto sugli umani. Infatti in questo monologo tragicomico, Satana potrà dire la sua.

Terzo Round. Scritto da Andrea Crudo e diretto da Carlo Cianfarini, Interpretato da Vincenzo Sartini  Daniela Bartolomei E Cristina  Lottini Terzo round comprende  una parte di uno spettacolo dal titolo “TRE ROUND”  che andrà in scena prossimamente. I tre round non sono altro che tre momenti della vita di Stefano Dionisi, un uomo qualunque di cui il mondo è pieno. Nel primo round lo vediamo ventenne pieno di speranze con grandi e presuntuose ambizioni. La vita gli riserverà il successo. Nel secondo round lo incontriamo a 40 anni. Le sue aspettative non si sono concretizzate. Fa un lavoro che non lo gratifica ed è in crisi con il suo matrimonio. Unica consolazione, riesce a coltivare la sua grande passione per la fotografia e la scrittura. Nel terzo round Stefano ha 82 anni, è sul finire della sua vita e fa un resoconto di quello  che sarebbe dovuto diventare e non è stato.

 

TANTO PER RICOMINCIARE

Di Alessandro Iori , Andrea Crudo

Con Marco Majello, Daniela Bartolomei, Laura Ranghi, Isabella Picchione, Stefano Santini, Vincenzo Sartini, Cristina Lottini

Regia Alessandro Iori, Stefano Santini, Carlo Cianfarini

 

AR.MA Teatro

via Ruggero di Lauria 22

dal 28 al 30 maggio 2021

ore 18.00

Biglietti 10€
Info e prenotazioni:   3339329662  / infoarmateatro@gmail.com

Commenti

Post popolari in questo blog

Torna a Milano la Baltic Sea Youth Philharmonic

Torna a Milano la Baltic Sea Youth Philharmonic, l'orchestra che unisce le diverse tradizioni musicali dei paesi che circondano il Mar Baltico, nella convinzione che la musica non conosca né confini né limiti, sia di natura geografica che di genere. Il tour, realizzato grazie al sostegno di Saipem, debutterà il 10 settembre a Heiden, in Germania, e toccherà, in dieci giorni, nove differenti città in Svizzera, Italia, Danimarca e Polonia. In Italia la Baltic Sea Youth Philharmonic sarà a Milano il 14 settembre nel suggestivo contesto della Basilica di Santa Maria delle Grazie, ospite dell’Associazione Musicale ArteViva, e a Verona il 15 settembre al Teatro Filarmonico per il festival “Settembre dell’Accademia” dove si esibirà per il secondo anno consecutivo. Il pubblico milanese avrà il piacere di applaudire i giovani artisti della Baltic Sea Youth Philharmonic per la quarta volta. L’orchestra, fondata nel 2008 da Kristjan Järvi (affiancato da un prestigioso consiglio di consulent

Rugantino - dal 10 marzo al Sistina!

  Per la gioia del pubblico rivive una pagina indimenticabile della lunga e gloriosa storia del Teatro Sistina: dopo lo stop forzato dovuto alla pandemia, dal prossimo giovedì 10, e fino al 27 marzo, sarà di nuovo in scena, con la supervisione di Massimo Romeo Piparo, la maschera amara e dissacrante di "Rugantino" dei mitici Garinei & Giovannini. Lo spettacolo, che fonde mirabilmente tradizione e modernità, viene presentato nella sua versione storica originale, con la regia di Pietro Garinei, le splendide musiche del M° Armando Trovajoli, le preziose scene e i bellissimi costumi originali firmati da Giulio Coltellacci: un imperdibile ritorno alle radici e un'occasione per riscoprire un classico del teatro musicale italiano. Sul palco, la splendida Serena Autieri, ancora una volta straordinaria interprete dell'intrigante personaggio di Rosetta, donna bella altera e irraggiungibile, che fa battere il cuore di Rugantino, un ruolo in cui l’attrice napoletana dà prova

Torna in scena "The Boys in the band". Gabrio Gentilini sarà ancora Donald.

Gabrio Gentilini sarà in scena sabato 26 marzo al Teatro Nuovo di San Marino con lo spettacolo “The Boys in the Band”, di cui è co-protagonista dalla prima messa in scena italiana del 2019. Nella piece, proposta al pubblico italiano grazie alla traduzione e all’adattamento di Costantino della Gherardesca, che la produce accanto a Giorgio Bozzo, il regista, Gabrio ricopre il ruolo di Donald, un ragazzo di 28 anni, americano e gay, che con la sua presenza a una festa di compleanno tra amici omosessuali in un appartamento di New York a fine anni '60, creerà varie dinamiche all’interno del gruppo, in un crescendo di colpi di scena, tensione, umorismo feroce e riflessioni profonde. Gabrio ha nel suo curriculum esperienze molto importanti nel teatro di prosa e musicale oltre che ruoli in produzioni cinematografiche e televisive nazionali. “Sono veramente contento di portare questo spettacolo nella mia Romagna. Ne amo il testo, così come la sintonia che si crea con i mie colleghi ogni vol