Passa ai contenuti principali

I DIALOGHI DELLE CORTIGIANE

 


Sabato 3 ottobre 2020 - ore 16:00 e 21:00

Alta Luce Teatro - Milano

di Luciano di Samosata

regia Francesca Prandelli

con Gea Rambelli, Emanuela Volpe, James Foschi, Giuseppe Massarelli


Sabato 3 ottobre 2020 con doppio spettacolo alle ore 16 e alle ore 21 ad Alta Luce Teatro, Milano debutta I DIALOGHI DELLE CORTIGIANE di Luciano di Samosata, portati in scena dalla Compagnia Sorelle Afa. La regia è di Francesca Prandelli e la traduzione di Francesco Chiossone. Gli interpreti sono Gea Rambelli, Emanuela Volpe, James Foschi, Giuseppe Massarelli

Un altro spettacolo incentrato sulla complessa psicologia femminile per la giovane compagnia milanese Sorelle Afa. Dopo il thriller psicologico L’ora del the di Letizia Sperzaga (2017) e Canti erotici femminili della Nuova Tribù, drammaturgia collettiva (2019) è ora la volta di un testo antico e particolarissimo, che rappresenta a tutti gli effetti un ritratto femminile di grande modernità.

I Dialoghi delle cortigiane sono quindici brevi discorsi di genere erotico-comico scritti da Luciano di Samosata nel II secolo dopo Cristo. Le narrazioni ruotano attorno alle vicende amorose di alcune prostitute della Grecia antica, agli incontri piccanti con i clienti, ai successi e alle difficoltà legate all'esercizio del loro mestiere. Giornate all'insegna di banchetti, di pettegolezzi, di scenate di gelosia, di riflessioni serie davanti allo specchio. Queste donne, oltre alle prestazioni sessuali, offrono compagnia e hanno spesso relazioni prolungate con la clientela, hanno ricevuto o si sono procurate un'istruzione, hanno accesso e un controllo autonomo al denaro. Costituiscono quindi l'unica tipologia femminile realmente indipendente della società greca.

Luciano di Samosata (Samosata, 120 circa – Atene, tra il 180 e il 192) è stato uno scrittore, retore e filosofo siro di lingua greca antica, autore di irriverenti e arguti scritti satirici. Celebri soprattutto i suoi dialoghi, alcuni dei quali sono raggruppati in serie organiche (I Dialoghi degli dei, I Dialoghi marini, I Dialoghi dei morti e, appunto, I Dialoghi delle cortigiane)

Sorelle Afa è una giovane e dinamica compagnia teatrale nata a Milano nel 2016, che opera nel settore della prosa. Le fondatrici sono Francesca Prandelli, Antonella De Iorio e Agnese Zappini.

Francesca Prandelli si è diplomata come Filmmaker all’Accademia dello Spettacolo a Milano. In teatro è stata assistente alla regia di Antonio Syxty, Renato Sarti, Serena Sinigaglia. Ha lavorato come regista presso Teatro Impasto. Ha fondato la compagnia Sorelle Afa, della quale è regista. Lavora come operatrice teatrale presso Diversamente Teatro.

Antonella De Iorio si è diplomata all’Accademia di Belle Arti di Brera a Milano e in seguito anche in modellistica sartoriale. Ha collaborato con realtà quali l’Accademia Nazionale D’Arte Drammatica Silvio d’Amico a Roma e il Teatro dell’Opera di Roma. Lavora come costumista per varie compagnie teatrali.

Agnese Zappini ha conseguito la laurea di primo livello presso la Nuova Accademia di Belle Arti “NABA” di Milano. Le prime esperienze lavorative si sono divise tra palchi teatrali e set pubblicitari. Dopo la laurea, ha lavorato come scenografa presso il Teatro Civico di Vercelli. E’ scenografa presso Sorelle Afa.
-----------------------------------------------------

Sabato 3 ottobre 2020 doppio spettacolo ore 16:00 e 21:00

Alta Luce Teatro Alzaia Naviglio Grande 190, 20144 Milano

DIALOGHI DELLE CORTIGIANE di Luciano di Samosata / traduzione Francesco Chiossone / regia Francesca Prandelli / con Gea Rambelli, Emanuela Volpe, James Foschi, Giuseppe Massarelli / scene Agnese Zappini / costumi Antonella De Iorio / produzione Sorelle Afa

Biglietti: intero 12 euro; ridotto soci Sorelle Afa 10 euro

Prenotazioni: sorelleafa@gmail.com




Come arrivare ad Alta Luce Teatro:

Tram (fermata Via Ludovico Il Moro/Cavalcavia Don Milani): 2

Autobus (fermata Via Ludovico Il Moro/Cavalcavia Don Milani): 98, 164, 325, 351

M2 Romolo

Commenti

Post popolari in questo blog

Torna a Milano la Baltic Sea Youth Philharmonic

Torna a Milano la Baltic Sea Youth Philharmonic, l'orchestra che unisce le diverse tradizioni musicali dei paesi che circondano il Mar Baltico, nella convinzione che la musica non conosca né confini né limiti, sia di natura geografica che di genere. Il tour, realizzato grazie al sostegno di Saipem, debutterà il 10 settembre a Heiden, in Germania, e toccherà, in dieci giorni, nove differenti città in Svizzera, Italia, Danimarca e Polonia. In Italia la Baltic Sea Youth Philharmonic sarà a Milano il 14 settembre nel suggestivo contesto della Basilica di Santa Maria delle Grazie, ospite dell’Associazione Musicale ArteViva, e a Verona il 15 settembre al Teatro Filarmonico per il festival “Settembre dell’Accademia” dove si esibirà per il secondo anno consecutivo. Il pubblico milanese avrà il piacere di applaudire i giovani artisti della Baltic Sea Youth Philharmonic per la quarta volta. L’orchestra, fondata nel 2008 da Kristjan Järvi (affiancato da un prestigioso consiglio di consulent

Rugantino - dal 10 marzo al Sistina!

  Per la gioia del pubblico rivive una pagina indimenticabile della lunga e gloriosa storia del Teatro Sistina: dopo lo stop forzato dovuto alla pandemia, dal prossimo giovedì 10, e fino al 27 marzo, sarà di nuovo in scena, con la supervisione di Massimo Romeo Piparo, la maschera amara e dissacrante di "Rugantino" dei mitici Garinei & Giovannini. Lo spettacolo, che fonde mirabilmente tradizione e modernità, viene presentato nella sua versione storica originale, con la regia di Pietro Garinei, le splendide musiche del M° Armando Trovajoli, le preziose scene e i bellissimi costumi originali firmati da Giulio Coltellacci: un imperdibile ritorno alle radici e un'occasione per riscoprire un classico del teatro musicale italiano. Sul palco, la splendida Serena Autieri, ancora una volta straordinaria interprete dell'intrigante personaggio di Rosetta, donna bella altera e irraggiungibile, che fa battere il cuore di Rugantino, un ruolo in cui l’attrice napoletana dà prova

Torna in scena "The Boys in the band". Gabrio Gentilini sarà ancora Donald.

Gabrio Gentilini sarà in scena sabato 26 marzo al Teatro Nuovo di San Marino con lo spettacolo “The Boys in the Band”, di cui è co-protagonista dalla prima messa in scena italiana del 2019. Nella piece, proposta al pubblico italiano grazie alla traduzione e all’adattamento di Costantino della Gherardesca, che la produce accanto a Giorgio Bozzo, il regista, Gabrio ricopre il ruolo di Donald, un ragazzo di 28 anni, americano e gay, che con la sua presenza a una festa di compleanno tra amici omosessuali in un appartamento di New York a fine anni '60, creerà varie dinamiche all’interno del gruppo, in un crescendo di colpi di scena, tensione, umorismo feroce e riflessioni profonde. Gabrio ha nel suo curriculum esperienze molto importanti nel teatro di prosa e musicale oltre che ruoli in produzioni cinematografiche e televisive nazionali. “Sono veramente contento di portare questo spettacolo nella mia Romagna. Ne amo il testo, così come la sintonia che si crea con i mie colleghi ogni vol