Passa ai contenuti principali

Agorà Teatro e Musica alle Radici - 25/26 settembre Teatro Patologico

                           

                            AGORA' TEATRO E MUSICA ALLE RADICI


TEATRO PATOLOGICO – ROMA 

25 E 26 SETTEMBRE H 21


25 SETTEMBRE 2020

TRAPUNTO DI STELLE

OMAGGIO A DOMENICO MODUGNO

CON I RADICANTO

Giuseppe De Trizio (chitarre, mandola e mandolino); 

Maria Giaquinto (canto e recitazione);

Adolfo La Volpe (chitarre, oud); 

Francesco De Palma(batteria, percussioni)


26 SETTEMBRE 2020 

MATRIOSKA

CON CHIARA CASARICO E TIZIANA SCROCCA

insieme Rita Superbi, Emanuela Bolco e Catia Castagna

accompagnate dalle chitarre di Simone Perra Giuseppe De Trizio. 


Giunge alla sua nona edizione Agorà Teatro e Musica alle Radici, il festival organizzato dalla compagnia IlNaufragarMèDolce che da circa venti anni porta lo spettacolo dal vivo fuori dai consueti spazi teatrali. Per ben otto anni la storica manifestazione ha avuto una durata di tre settimane al Colosseo di Pietralata, ma quest'anno qualcosa è cambiato. I fondi che hanno sempre sostenuto l'Associazione sono venuti meno ma non di certo la grinta, la determinazione e la voglia di far teatro e cultura che da sempre caratterizza IlNaufragarMèDolce.

Per questo, completamente autoprodotta, la compagnia non demorde e porta in scena una versione ridotta dalla rassegna con due spettacoli che si terranno al Teatro Patologico di Roma. Venerdì 25 in scena Trapunto di Stelle omaggio a Domenico Modugno con I Radicanto, il gruppo musicale che da anni fa parte del cartellone di Agorà. Un concerto spettacolo che unisce la narrazione di alcuni episodi della vita di Modugno, con un repertorio delle sue canzoni più famose, quello che lo hanno reso il papà della canzone d'autore italiana, capace di far conoscere in tutto il mondo la nostra tradizione.
I successi dello straordinario artista originario di Polignano a Mare saranno alternati a racconti della vita del cantautore e del suo percorso artistico. Si andrà dal folk in dialetto salentino dell'inizio del suo percorso, fino alla vittoria all'8° Festival di Sanremo, nel 1958, quando trionfò con il brano "Nel blu dipinto di blu", diventato celebre nel mondo grazie al suo ritornello. Non è un concerto da cover ma una reinterpretazione dei brani di Modugno in stile Radicanto.

Il 26 settembre Matrioska lo spettacolo teatrale con Chiara Casarico e Tiziana Scrocca che, insieme a Rita Superbi, Emanuela Bolco e Catia Castagna portano in scena uno lavoro teatrale collettivo, un cerchio magico di donne che raccontando, ritmando e giocando, spargono semi...." accompagnate dalle chitarre di Simone Perra e Giuseppe De Trizio.

I cavalli di battaglia di ognuna delle attrici in scena saranno al centro dello spettacolo. Bratti tratti da I Monologhi della Vagina o da Ratatouille per creare uno lavoro dove le storie si intrecciano e proprio come le Matrioske all'interno di ogni racconto se ne apre un altro ad esso collegato. Fondamentale è il gioco, il ritmo che tiene il tempo delle storie narrate dal taglio decisamente comico.

Teatro Patologico
via Cassia 472
Venerdì 25 e Sabato 26 settembre ore 21:00
ingresso 12€
Prenotazione obbligatoria:
info@ilnaufragarmedolce.it
331 6175 118

In ottemperanza alle norme anti-Covid per partecipare all'evento sarà obbligatoria la mascherina e il rispetto delle norme di distanziamento

Commenti

Post popolari in questo blog

Torna a Milano la Baltic Sea Youth Philharmonic

Torna a Milano la Baltic Sea Youth Philharmonic, l'orchestra che unisce le diverse tradizioni musicali dei paesi che circondano il Mar Baltico, nella convinzione che la musica non conosca né confini né limiti, sia di natura geografica che di genere. Il tour, realizzato grazie al sostegno di Saipem, debutterà il 10 settembre a Heiden, in Germania, e toccherà, in dieci giorni, nove differenti città in Svizzera, Italia, Danimarca e Polonia. In Italia la Baltic Sea Youth Philharmonic sarà a Milano il 14 settembre nel suggestivo contesto della Basilica di Santa Maria delle Grazie, ospite dell’Associazione Musicale ArteViva, e a Verona il 15 settembre al Teatro Filarmonico per il festival “Settembre dell’Accademia” dove si esibirà per il secondo anno consecutivo. Il pubblico milanese avrà il piacere di applaudire i giovani artisti della Baltic Sea Youth Philharmonic per la quarta volta. L’orchestra, fondata nel 2008 da Kristjan Järvi (affiancato da un prestigioso consiglio di consulent

Rugantino - dal 10 marzo al Sistina!

  Per la gioia del pubblico rivive una pagina indimenticabile della lunga e gloriosa storia del Teatro Sistina: dopo lo stop forzato dovuto alla pandemia, dal prossimo giovedì 10, e fino al 27 marzo, sarà di nuovo in scena, con la supervisione di Massimo Romeo Piparo, la maschera amara e dissacrante di "Rugantino" dei mitici Garinei & Giovannini. Lo spettacolo, che fonde mirabilmente tradizione e modernità, viene presentato nella sua versione storica originale, con la regia di Pietro Garinei, le splendide musiche del M° Armando Trovajoli, le preziose scene e i bellissimi costumi originali firmati da Giulio Coltellacci: un imperdibile ritorno alle radici e un'occasione per riscoprire un classico del teatro musicale italiano. Sul palco, la splendida Serena Autieri, ancora una volta straordinaria interprete dell'intrigante personaggio di Rosetta, donna bella altera e irraggiungibile, che fa battere il cuore di Rugantino, un ruolo in cui l’attrice napoletana dà prova

Torna in scena "The Boys in the band". Gabrio Gentilini sarà ancora Donald.

Gabrio Gentilini sarà in scena sabato 26 marzo al Teatro Nuovo di San Marino con lo spettacolo “The Boys in the Band”, di cui è co-protagonista dalla prima messa in scena italiana del 2019. Nella piece, proposta al pubblico italiano grazie alla traduzione e all’adattamento di Costantino della Gherardesca, che la produce accanto a Giorgio Bozzo, il regista, Gabrio ricopre il ruolo di Donald, un ragazzo di 28 anni, americano e gay, che con la sua presenza a una festa di compleanno tra amici omosessuali in un appartamento di New York a fine anni '60, creerà varie dinamiche all’interno del gruppo, in un crescendo di colpi di scena, tensione, umorismo feroce e riflessioni profonde. Gabrio ha nel suo curriculum esperienze molto importanti nel teatro di prosa e musicale oltre che ruoli in produzioni cinematografiche e televisive nazionali. “Sono veramente contento di portare questo spettacolo nella mia Romagna. Ne amo il testo, così come la sintonia che si crea con i mie colleghi ogni vol