Passa ai contenuti principali

Oklahoma! - ultimo titolo dell’VIII edizione di “A Summer Musical Festival”




Giovedì 6, venerdì 7 e sabato 8 agosto

spazio BSMT Open Air

Via Paolo Nanni Costa 12/6 - Bologna


Debutta il 6 agosto l’ultimo titolo dell’VIII edizione di “A Summer Musical Festival” organizzato dalla Bernstein School of Musical Theater.

Oklahoma! sarà in scena per tre repliche consecutive presso lo spazio Open Air della BSMT con la regia di Saverio Marconi, le coreografie di Gillian Bruce e la direzione musicale di Shawna Farrell.

Oklahoma! è la prima opera della proficua collaborazione della coppia di autori Rodgers & Hammerstein, ed è considerato anche lo spettacolo che ha gettato le basi del moderno teatro musicale americano, dove le canzoni e i balletti sono perfettamente integrati nella trama. Il musical ha debuttato a Broadway nel 1943 rimanendo in scena con grande successo per oltre 2.200 repliche.

La storia è ambientata nel 1906 e racconta la nascita dello stato dell’Oklahoma attraverso le vicende di una piccola comunità.

Al centro della narrazione la storia d'amore tra due coppie di giovani innamorati: il cowboy Curly McLain con la giovane Laurey Williams, una ragazza che vive in una fattoria e la storia d'amore secondaria tra Ado Annie ed il suo fidanzato di vecchia data Will. In questo contesto si innesta la figura del cattivo, un fattore che non riesce ad inserirsi nella comunità, un emarginato che alla fine muore. Una morte che, per certi aspetti, rimette a posto gli equilibri affinché il bene trionfi.

Saverio Marconi firma una regia rispettosa del testo originale, che mette in luce il grande orgoglio dell’Oklahoma che sogna di diventare uno stato e l’entusiasmo di una giovane comunità che sta crescendo, oltre alla romantica e storia d’amore dei protagonisti. Il cast formato da oltre 40 performer della BSMT, si muoverà sul palcoscenico, creato per l’occasione nello spazio esterno all’Accademia, ma il regista ha deciso di utilizzare anche gli spazi davanti al palco per creare diversi punti di vista su vari livelli. Le norme anti-covid hanno imposto delle scelte che non possono essere considerate registiche, ma solo obbligate dai tempi: pochi oggetti di scena fissi che connotano i simboli del piccolo paese del west - il granturco, uno steccato, le balle di fieno e delle cassette di legno - l’uso dei guanti bianchi per permettere ai performer di toccare gli oggetti, e il plexiglass perché sarebbe stato impossibile rinunciare del tutto alle scene con i baci.

Firma le coreografie Gillian Bruce che si è trovata di fronte alla grande sfida di raccontare una storia d’amore senza far toccare i protagonisti. La coreografa ha cercato nuovi linguaggi: per il numero del sogno, alla fine del primo atto in cui Curly e Laurey raccontano il loro amore profondo, verrà utilizzato un pannello di plexiglass su ruote che diventerà parte integrante della coreografia. L’apertura del secondo atto con “The farmer and the cowboy”, normalmente un ballo di coppia con le prese tipiche del two step, darà comunque il senso della grande festa attraverso l’uso di continui cambi di formazione. Per il pubblico sarà come guardare un caleidoscopio che continua a cambiare colori e forme grazie anche alle acrobazie dei cowboy e all’energia delle fanciulle.

La Direzione musicale di Shawna Farrell ha cercato di valorizzare le bellissime liriche di Hammerstein; le musiche di Rodgers sono impregnate di sole, calore, umorismo e ottimismo con un sapore folk e country, insieme a tutti gli stili dell’epoca, per rappresentare il momento storico in cui si trovava lo stato dell’Oklahoma. Nei musical più recenti siamo abituati ad una narrazione portata avanti sia nel cantato oltre che nella recitazione, ma negli anni 40, Oklahoma! ha rappresentato una vera rivoluzione: le canzoni saltano fuori dal copione con naturalezza tanto da sembrare dialoghi, solo Hammerstein poteva dare alle parole un valore così naturale e descrittivo come per esempio nell’espressione “As high as an elephant’s eye”. Nello spettacolo di grande impatto sono i brani corali maestosamente armonizzati.: ci sono quelli solo femminili o solo maschili, e quelli dove cantano tutti, come da tradizione dell’americano west.

An amateur production by arrangement with Concord Theatricals Ltd.
on behalf of Tams-Witmark LLC
---------------------------------------

Prevendite su vivaticket.com

Prezzo biglietti (posto unico):

INTERO: 10 € - RIDOTTO: 5 € (under 12)

BSMT Open Air – Via Paolo Nanni Costa 12/6

Orari spettacoli:
6, 7 e 8 agosto ore 21.00

Commenti

Post popolari in questo blog

Torna a Milano la Baltic Sea Youth Philharmonic

Torna a Milano la Baltic Sea Youth Philharmonic, l'orchestra che unisce le diverse tradizioni musicali dei paesi che circondano il Mar Baltico, nella convinzione che la musica non conosca né confini né limiti, sia di natura geografica che di genere. Il tour, realizzato grazie al sostegno di Saipem, debutterà il 10 settembre a Heiden, in Germania, e toccherà, in dieci giorni, nove differenti città in Svizzera, Italia, Danimarca e Polonia. In Italia la Baltic Sea Youth Philharmonic sarà a Milano il 14 settembre nel suggestivo contesto della Basilica di Santa Maria delle Grazie, ospite dell’Associazione Musicale ArteViva, e a Verona il 15 settembre al Teatro Filarmonico per il festival “Settembre dell’Accademia” dove si esibirà per il secondo anno consecutivo. Il pubblico milanese avrà il piacere di applaudire i giovani artisti della Baltic Sea Youth Philharmonic per la quarta volta. L’orchestra, fondata nel 2008 da Kristjan Järvi (affiancato da un prestigioso consiglio di consulent

Rugantino - dal 10 marzo al Sistina!

  Per la gioia del pubblico rivive una pagina indimenticabile della lunga e gloriosa storia del Teatro Sistina: dopo lo stop forzato dovuto alla pandemia, dal prossimo giovedì 10, e fino al 27 marzo, sarà di nuovo in scena, con la supervisione di Massimo Romeo Piparo, la maschera amara e dissacrante di "Rugantino" dei mitici Garinei & Giovannini. Lo spettacolo, che fonde mirabilmente tradizione e modernità, viene presentato nella sua versione storica originale, con la regia di Pietro Garinei, le splendide musiche del M° Armando Trovajoli, le preziose scene e i bellissimi costumi originali firmati da Giulio Coltellacci: un imperdibile ritorno alle radici e un'occasione per riscoprire un classico del teatro musicale italiano. Sul palco, la splendida Serena Autieri, ancora una volta straordinaria interprete dell'intrigante personaggio di Rosetta, donna bella altera e irraggiungibile, che fa battere il cuore di Rugantino, un ruolo in cui l’attrice napoletana dà prova

Torna in scena "The Boys in the band". Gabrio Gentilini sarà ancora Donald.

Gabrio Gentilini sarà in scena sabato 26 marzo al Teatro Nuovo di San Marino con lo spettacolo “The Boys in the Band”, di cui è co-protagonista dalla prima messa in scena italiana del 2019. Nella piece, proposta al pubblico italiano grazie alla traduzione e all’adattamento di Costantino della Gherardesca, che la produce accanto a Giorgio Bozzo, il regista, Gabrio ricopre il ruolo di Donald, un ragazzo di 28 anni, americano e gay, che con la sua presenza a una festa di compleanno tra amici omosessuali in un appartamento di New York a fine anni '60, creerà varie dinamiche all’interno del gruppo, in un crescendo di colpi di scena, tensione, umorismo feroce e riflessioni profonde. Gabrio ha nel suo curriculum esperienze molto importanti nel teatro di prosa e musicale oltre che ruoli in produzioni cinematografiche e televisive nazionali. “Sono veramente contento di portare questo spettacolo nella mia Romagna. Ne amo il testo, così come la sintonia che si crea con i mie colleghi ogni vol