Passa ai contenuti principali

"City of Angels" secondo titolo del Summer Musical Festival


Debutta il 16 luglio il secondo titolo dell’VIII edizione di “A Summer Musical Festival” organizzato dalla Bernstein School of Musical Theater, con la Direzione Artistica di Shawna Farrell. 

City Of Angels sarà in scena per tre repliche consecutive presso lo spazio Open Air della BSMT con la regia e le coreografie di Fabrizio Angelini, Francesca Taverni come regista collaboratore e la direzione musicale di Vincenzo Li Causi.

Un musical del 1989 che racconta le vicende di uno scrittore di romanzi polizieschi e del suo eroe detective. Ambientato nella Hollywood anni quaranta con una accattivante colonna sonora jazz, lo spettacolo è stato vincitore di 6 Tony Awards fra cui quello per miglior musical, grazie al libretto di Larry Gelbart, le musiche del compositore e pianista Cy Coleman e testi di David Zippel.

Sul palcoscenico, creato per l’occasione nello spazio esterno all’Accademia, saliranno i giovani talenti della scuola, oltre 40 performer per uno spettacolo che racconta il “cinema nel teatro. Protagonista Stine, uno scrittore a cui viene offerta l'opportunità di adattare i suoi libri in un film per il grande schermo. Ha inizio per lui una strana avventura tra vita reale e vita cinematografica, in cui si alternano le vicende dei personaggi reali e quelli che prendono vita sul set.

Le musiche trovano nel jazz e nello swing il linguaggio fondamentale su cui si intersecano le vicende dei personaggi. City of Angels non è un musical corale, ma in scena il gruppo dei “City Angels” funge da interlocutore, come il coro della tragedia greca, fa da collante fra la parte cinematografica e la “realtà” teatrale del racconto rivolgendosi anche al pubblico. Vincenzo Li Causi è rimasto fedele alla partitura originale mantenendo, anche nella lingua italiana, lo stile jazzistico scritto da Cy Coleman.

I brani sono eseguiti dal vivo: Maria Galantino al pianoforte e direzione ensemble musicale, Claudio Bonora (batteria), Camilla Missio (basso acustico/elettrico) Alessio Alberghini (sax alto/tenore, flauto e clarinetto).

Note di regia


Parafrasando le frase “Teatro nel Teatro”, CITY OF ANGELS si potrebbe definire “Cinema nel Teatro”, dal momento che questo musical ci permette non solo di scrutare il dietro le quinte di un set cinematografico nella Hollywood degli anni ’40, ma anche letteralmente di vedere le scene del film in questione mentre vengono scritte, raccontate e persino corrette. L’artificio delle scene e dei costumi in bianco e nero (il film) oppure colorati (la vita reale) ci permette di seguire la non semplice trama delle due storie che alternativamente lo spettatore si trova di fronte.

Affrontare questo lavoro in un periodo di restrizioni e misure anti-Covid è stata una vera sfida: gli interpreti non possono toccarsi (salvo la presenza di guanti), e devono anzi stare a una distanza minima che aumenta nel momento in cui cantano l’uno verso l’altro le meravigliose melodie di Cy Coleman. Questo è stato contemporaneamente un limite e uno stimolo, perché ci ha costretto a trovare delle soluzioni diverse da quelle più immediate, insieme all’uso di un impianto minimalista per un lavoro che vedrebbe ben 40 cambi scena.

Siamo dunque in qualche modo andati all’essenza, sia estetica che interpretativa, per cercare di trasmettere allo spettatore certe emozioni e certe suggestioni delle quali c’è un gran bisogno in questo periodo non facile, nel quale regna una grande incertezza per ciò che riguarda il futuro del Teatro e di chi vi lavora.

Andare comunque in scena vuole essere un segnale positivo nel guardare oltre, con ottimismo e determinazione. Un grosso grazie dunque a Shawna Farrell e alla BSMT per avermi coinvolto in questo progetto e soprattutto per aver perseverato nel portarlo avanti in un momento così difficile e così delicato (Fabrizio Angelini).
-------------------------------------------------

An amateur production by arrangement with Concord Theatricals Ltd.

on behalf of Tams-Witmark LLC

L’VIII edizione di A Summer Musical Festival si concluderà con Oklahoma! in scena il 6, 7 e 8 agosto.

Prevendite su vivaticket.com

Prezzo biglietti (posto unico):

INTERO: 10 € - RIDOTTO: 5 € (under 12)

BSMT Open Air – Via Paolo Nanni Costa 12/6

Orari spettacoli:
16, 17 e 18 luglio ore 21.00

Commenti

Post popolari in questo blog

Torna a Milano la Baltic Sea Youth Philharmonic

Torna a Milano la Baltic Sea Youth Philharmonic, l'orchestra che unisce le diverse tradizioni musicali dei paesi che circondano il Mar Baltico, nella convinzione che la musica non conosca né confini né limiti, sia di natura geografica che di genere. Il tour, realizzato grazie al sostegno di Saipem, debutterà il 10 settembre a Heiden, in Germania, e toccherà, in dieci giorni, nove differenti città in Svizzera, Italia, Danimarca e Polonia. In Italia la Baltic Sea Youth Philharmonic sarà a Milano il 14 settembre nel suggestivo contesto della Basilica di Santa Maria delle Grazie, ospite dell’Associazione Musicale ArteViva, e a Verona il 15 settembre al Teatro Filarmonico per il festival “Settembre dell’Accademia” dove si esibirà per il secondo anno consecutivo. Il pubblico milanese avrà il piacere di applaudire i giovani artisti della Baltic Sea Youth Philharmonic per la quarta volta. L’orchestra, fondata nel 2008 da Kristjan Järvi (affiancato da un prestigioso consiglio di consulent

Rugantino - dal 10 marzo al Sistina!

  Per la gioia del pubblico rivive una pagina indimenticabile della lunga e gloriosa storia del Teatro Sistina: dopo lo stop forzato dovuto alla pandemia, dal prossimo giovedì 10, e fino al 27 marzo, sarà di nuovo in scena, con la supervisione di Massimo Romeo Piparo, la maschera amara e dissacrante di "Rugantino" dei mitici Garinei & Giovannini. Lo spettacolo, che fonde mirabilmente tradizione e modernità, viene presentato nella sua versione storica originale, con la regia di Pietro Garinei, le splendide musiche del M° Armando Trovajoli, le preziose scene e i bellissimi costumi originali firmati da Giulio Coltellacci: un imperdibile ritorno alle radici e un'occasione per riscoprire un classico del teatro musicale italiano. Sul palco, la splendida Serena Autieri, ancora una volta straordinaria interprete dell'intrigante personaggio di Rosetta, donna bella altera e irraggiungibile, che fa battere il cuore di Rugantino, un ruolo in cui l’attrice napoletana dà prova

Torna in scena "The Boys in the band". Gabrio Gentilini sarà ancora Donald.

Gabrio Gentilini sarà in scena sabato 26 marzo al Teatro Nuovo di San Marino con lo spettacolo “The Boys in the Band”, di cui è co-protagonista dalla prima messa in scena italiana del 2019. Nella piece, proposta al pubblico italiano grazie alla traduzione e all’adattamento di Costantino della Gherardesca, che la produce accanto a Giorgio Bozzo, il regista, Gabrio ricopre il ruolo di Donald, un ragazzo di 28 anni, americano e gay, che con la sua presenza a una festa di compleanno tra amici omosessuali in un appartamento di New York a fine anni '60, creerà varie dinamiche all’interno del gruppo, in un crescendo di colpi di scena, tensione, umorismo feroce e riflessioni profonde. Gabrio ha nel suo curriculum esperienze molto importanti nel teatro di prosa e musicale oltre che ruoli in produzioni cinematografiche e televisive nazionali. “Sono veramente contento di portare questo spettacolo nella mia Romagna. Ne amo il testo, così come la sintonia che si crea con i mie colleghi ogni vol