Passa ai contenuti principali

FASE1. METTERSI LA CAMICIA. Il lock down raccontato in chiave ironica e toccante




Il video di Emilio Gatto, autore e regista. Uno sguardo ironico sulla Fase 1. Un momento che ha segnato la vita di tutti ma che sembra già così lontano.

L'isolamento, la paura, l'adattamento e la capacità di reagire, ognuno a proprio modo.

Lui, per farlo, “si è messo la camicia”Questa è la storia di quella volta in cui siamo rimasti chiusi in casa per due mesi. Sembra già passato un secolo eppure era solo ieri. Ma si sa, l'essere umano per andare avanti tende a dimenticare i passaggi difficili della propria vita. Emilio Gatto, autore e regista, ha sentito l'esigenza di documentare tutto per evitare che quei momenti dapprima percepiti come straordinari e poi diventati, per un certo periodo, la nuova normalità, venissero dimenticati.

Emilio Gatto, già autore per “Mai Dire” di serie comiche come Lettera22, il primo reality ambientato in una macchina da scrivere, o L’ottavo Sigillo, rivisitazione in chiave comica della famosa partita a scacchi con la morte di Bergman, ha sentito l'esigenza di racchiudere in pochi minuti una storia che conosciamo tutti.

Ognuno di noi ha la propria particolare visione del lock down, questa, nello specifico, ha la vista sul Naviglio Grande di Milano e lo sguardo sensibile di una persona che con le immagini e i racconti ha sempre mostrato un punto di vista inedito e ironico sulla realtà.

Durante la quarantena il mondo lavorativo dell'autore, come quello di tanti, si è fermato.

Ha iniziato così a registrare dalla propria finestra e tra le mura domestiche piccoli e grandi accadimenti. Dopo che la tempesta è passata ha rimesso mano a quel materiale e, con il giusto distacco, ne ha fatto un racconto che si presta benissimo a diventare memoria storica di quanto accaduto.

“Fase1. Mettersi la camicia” è uno sguardo ironico, ma anche toccante, in cui tutti si possono ritrovare. Un racconto personale e al contempo dannatamente globale. L'isolamento, la paura, il senso di solitudine, l'adattamento, la resilienza e la straordinaria capacità di reagire.

Stati d’animo e situazioni che tutti hanno vissuto e, proprio per questo, travolgono lo spettatore facendogli rivivere con un sorriso le sensazioni di quegli strani giorni.

“Sono stati mesi complicati. Spesso mi chiedevo se ci saremmo fatti sopraffare dalla paura e dalla noia o se avremmo provato a reagire. Lo abbiamo fatto in tutti i modi. Dall' “andrà tutto bene” che ha ricoperto i nostri balconi a quell'incoraggiante “Ce la faremo” a volte strillato in maniera improbabile. Il mio modo di reagire è stato “mettere la camicia”, afferma l'autore.

Quelli raccontati nel video sono stati giorni che già ci appaiono lontani e chissà che effetto farà riparlarne tra dieci anni. Intanto, ora che sono passati meno di due mesi dalla fine della Fase1, vediamo che effetto farà.


FASE1. Mettersi la camicia.

https://youtu.be/OG2JYbhgoVA


Emilio Gatto

Nel 2003 vince il Festival di cortometraggi “Cortissimo” indetto dalla Colorado film e dalla Gialappa's band. Ha collaborato per anni con la Gialappa’s Band come autore e interprete di serie comiche ed è stato autore per Striscia la notizia.

Nel 2016 vince il premio Best Movie all'interno della terza edizione dell'Infinity Film Festival con la webserie Axel Bros.

E’ autore televisivo ed è attivo come regista nel campo della comunicazione aziendale. Covid permettendo.

Commenti

Post popolari in questo blog

UNA PIATTAFORMA PER PORTARE IN ITALIA OCCASIONI DI STUDIO CON PROFESSIONISTI DA TUTTO IL MONDO

7 marzo workshop di danza con LAYTON WILLIAMS 14 marzo workshop acting through song con JOE VETCH Nasce TAB “The Artist Bridge” un ponte per rendere accessibile la comunicazione tra studenti e artisti italiani con performers e creativi da Broadway e dal West End. Il progetto TAB nasce dall’idea di Giorgio Camandona, (protagonista di musical di successo come Peter Pan il Musical, A Chorus Line, Grease), il regista e performer Mauro Simone (Robin Hood, Grease, performer per Singing In The Rain, Pinocchio il grande musical) Martina Ciabatti Mennell, performer italiana dalla carriera internazionale (We Will Rock You, Trioperas, The Mission) e dal performer inglese Phil Mennell (Aladdin - West End, The Bodyguard, Saturday Night Fever, Newsies) in un periodo in cui la formazione e lo studio delle discipline artistiche e teatrali sono limitati a causa delle restrizioni che impediscono gli spostamenti e quindi lo scambio che spesso è linfa vitale per chi si approccia al m

Teatro Trastevere: Nuovo Progetto Artistico

                                                                                           Associazione Culturale Teatro Trastevere presenta il Nuovo Progetto Artistico   GERMOGLI Esperimenti Teatrali, per artisti e spettatori   COS'E'   È la nostra personale risposta alla riapertura delle strutture teatrali a ridosso della stagione estiva. Un percorso di RICERCA, sia del Teatro Trastevere che degli artisti coinvolti, per riabituare gli spettatori a frequentare gli spazi di condivisione artistica, riabbracciandoci, seppur simbolicamente, attraverso l'arte, portatrice di sana socialità.   MA IN PRATICA   In pratica apriamo il Teatro alle compagnie e ai singoli artisti che, dopo mesi di elaborazione di nuovi contenuti, vogliano finalmente dare viva realtà al proprio progetto. Offriamo 50 ore di RESIDENZA CREATIVA e 2 giorni di restituzione al pubblico non solo in forma di spettacolo, ma anche di semplice studio:  “...Faremo le cose in sicurezza, seguendo i protocolli e metter

MEDAGLIA D'ONORE A LUCIANO SALCE: FU DEPORTATO NEI LAGER NAZISTI

Per anni è gli è stata attribuita l'adesione alla Repubblica di Salò. Luciano Salce non è mai stato un repubblichino. Una battaglia condotta dal figlio Emanuele per portare alla luce la verità che si conclude con una Medaglia D'Onore. Sono state consegnate il 28 gennaio dal prefetto di Roma dott. Matteo Piantedosi, presso la sala “Di Liegro” di Palazzo Valentini, le Medaglie d'Onore ai cittadini italiani, militari e civili, che durante il secondo conflitto mondiale hanno subito la deportazione e l'internamento nei campi nazisti dal 1943 al 1945. Tra questi Luciano Salce il regista, attore e autore scomparso nel 1989 e protagonista di una delle epoche più feconde dello spettacolo italiano. Un riconoscimento di grande valore che rappresenta l'ultimo tassello di una ricerca di verità che si è contrapposta all’informazione disinformata di alcuni settori dell’opinione pubblica che negli ultimi tempi, evitando accuratamente di confrontarsi con fonti e documentazioni evide