Passa ai contenuti principali

ENRICO DALCERI, la MABILIA de I LEGNANESI, NOMINATO CAVALIERE DELLA REPUBBLICA


Il decreto del Presidente della Repubblica è stato firmato il 27 dicembre 2019, pubblicato poi sulla Gazzetta Ufficiale del 27 aprile scorso, e la notizia non sorprende ma emoziona, considerando l'impegno ultratrentennale profuso in scena, dietro le quinte e nel resto dell'esperienza lavorativa presso un'importante maison di moda che lo ha impegnato fino a qualche mese fa.

Enrico Dalceri, monzese, classe 1962, conosciuto ed amato dal grande pubblico come la Mabilia de I Legnanesi, è stato insignito dal Presidente Sergio Mattarella della prestigiosa onorificenza di Cavaliere dell’Ordine al Merito della Repubblica, su proposta del Presidente del Consiglio Giuseppe Conte. Una lunga esperienza professionale a tutto tondo in cui arte e moda, impegnandosi a trasmettere e valorizzare la cultura e le tradizioni italiane, si sono fuse con rigore e professionalità.

Nel 1986, i due percorsi prendono il via parallelamente, raccogliendo in scena negli anni a seguire il testimone della Mabilia - portata in scena per la prima volta da Tony Barlocco - la figlia maggiorenne e da sempre “zitella” della famiglia Colombo; oltre ad interpretare la figlia soubrette di Teresa (Antonio Provasio) e Giovanni (Lorenzo Cordara), cura anche gli straordinari costumi di scena, rigorosamente made in Italy, che incantano gli spettatori con tulle, lustrini e paillettes, spesso indossando o restaurando i costumi originali di Tony Barlocco. Ma, dietro le quinte, per I Legnanesi Dalceri si occupa anche delle musiche, delle scenografie e della supervisione delle coreografie.



Nel ricevere questa onorificenza, torna forte il legame con Tony Barlocco, anch'egli proclamato Cavaliere della Repubblica nel 1975, con Presidente della Repubblica Giovanni Leone e Presidente del Consiglio Aldo Moro.




L’Ordine al Merito della Repubblica Italiana, primo fra gli Ordini Nazionali, è stato istituito nel 1951, con la finalità di “ricompensare benemerenze acquisite verso la Nazione nel campo delle lettere, delle arti, della economia e nel disimpegno di pubbliche cariche e di attività svolte a fini sociali, filantropici ed umanitari, nonché per lunghi e segnalati servizi nelle carriere civili e militari”.

Commenti

Post popolari in questo blog

Torna a Milano la Baltic Sea Youth Philharmonic

Torna a Milano la Baltic Sea Youth Philharmonic, l'orchestra che unisce le diverse tradizioni musicali dei paesi che circondano il Mar Baltico, nella convinzione che la musica non conosca né confini né limiti, sia di natura geografica che di genere. Il tour, realizzato grazie al sostegno di Saipem, debutterà il 10 settembre a Heiden, in Germania, e toccherà, in dieci giorni, nove differenti città in Svizzera, Italia, Danimarca e Polonia. In Italia la Baltic Sea Youth Philharmonic sarà a Milano il 14 settembre nel suggestivo contesto della Basilica di Santa Maria delle Grazie, ospite dell’Associazione Musicale ArteViva, e a Verona il 15 settembre al Teatro Filarmonico per il festival “Settembre dell’Accademia” dove si esibirà per il secondo anno consecutivo. Il pubblico milanese avrà il piacere di applaudire i giovani artisti della Baltic Sea Youth Philharmonic per la quarta volta. L’orchestra, fondata nel 2008 da Kristjan Järvi (affiancato da un prestigioso consiglio di consulent

Rugantino - dal 10 marzo al Sistina!

  Per la gioia del pubblico rivive una pagina indimenticabile della lunga e gloriosa storia del Teatro Sistina: dopo lo stop forzato dovuto alla pandemia, dal prossimo giovedì 10, e fino al 27 marzo, sarà di nuovo in scena, con la supervisione di Massimo Romeo Piparo, la maschera amara e dissacrante di "Rugantino" dei mitici Garinei & Giovannini. Lo spettacolo, che fonde mirabilmente tradizione e modernità, viene presentato nella sua versione storica originale, con la regia di Pietro Garinei, le splendide musiche del M° Armando Trovajoli, le preziose scene e i bellissimi costumi originali firmati da Giulio Coltellacci: un imperdibile ritorno alle radici e un'occasione per riscoprire un classico del teatro musicale italiano. Sul palco, la splendida Serena Autieri, ancora una volta straordinaria interprete dell'intrigante personaggio di Rosetta, donna bella altera e irraggiungibile, che fa battere il cuore di Rugantino, un ruolo in cui l’attrice napoletana dà prova

Torna in scena "The Boys in the band". Gabrio Gentilini sarà ancora Donald.

Gabrio Gentilini sarà in scena sabato 26 marzo al Teatro Nuovo di San Marino con lo spettacolo “The Boys in the Band”, di cui è co-protagonista dalla prima messa in scena italiana del 2019. Nella piece, proposta al pubblico italiano grazie alla traduzione e all’adattamento di Costantino della Gherardesca, che la produce accanto a Giorgio Bozzo, il regista, Gabrio ricopre il ruolo di Donald, un ragazzo di 28 anni, americano e gay, che con la sua presenza a una festa di compleanno tra amici omosessuali in un appartamento di New York a fine anni '60, creerà varie dinamiche all’interno del gruppo, in un crescendo di colpi di scena, tensione, umorismo feroce e riflessioni profonde. Gabrio ha nel suo curriculum esperienze molto importanti nel teatro di prosa e musicale oltre che ruoli in produzioni cinematografiche e televisive nazionali. “Sono veramente contento di portare questo spettacolo nella mia Romagna. Ne amo il testo, così come la sintonia che si crea con i mie colleghi ogni vol