Passa ai contenuti principali

2 giugno 2020 – Atir Teatro Ringhiera FAB10. Festa della Repubblica di Fabio

Ogni anno da dieci anni festeggiamo la Festa della Repubblica.La nostra è una festa “partecipata”, all’aperto, in un luogo che è diventato un simbolo per noi, la Piana ovvero Piazza Fabio Chiesa, attore e artista di strada, compagno di ATIR, morto in bicicletta sulle strade della nostra città.
La nostra Festa della Repubblica si chiama Festa della Repubblica di Fabio.

Un modo per ricordarlo, un modo per ricordarci quello in cui crediamo, un teatro che è cura della persona, azione culturale, servizio sociale.

Quest’anno è un anno “speciale”. Lo è perché è il decennale e lo è perchè cade nel pieno di una pandemia.

Avremmo potuto rassegnarci al divieto di assembramento, annullando una manifestazione che per noi è così importante. Avremmo potuto, certo, nell’attesa che tutto fosse tornato alla “normalità”.

Ma non abbiamo voluto.

Ancora più di prima oggi occorre trovare nuove idee e nuove strade per ribadire l’urgenza sanitaria della prossimità sociale.

L’idea di tornare alla “normalità” non ci convince. Quale normalità? La società pre-covid non era mica tanto normale!

Ieri come oggi sentiamo il bisogno di contatto e di relazione, di inclusione e di condivisione. E sappiamo che il teatro, in ogni sua forma, è uno strumento formidabile.

Per questo abbiamo deciso di cambiare il mezzo ma non lo spirito e il senso della nostra festa.

Il 2 Giugno saremo in onda! Un altro modo di esserci, un modo che siamo curiosi di esplorare e di contaminare con la nostra arte.

Saremo in diretta su facebook e sul nostro canale youtube.

Gli attori di ATIR, che in tanti avete imparato a conoscere ed amare, condurranno sei ore di festa virtuale dalla Piana, raccontando, immaginando, sognando.

Trasformeremo computer e video in piazze virtuali dove sia possibile sentirsi vicini, tutti sulla Piana, come è sempre stato e come presto tornerà ad essere.

Moltissimi i contributi video preparati da amici e artisti per la giornata. E poi giochi a premi, balli, persino un flash mob, tutto attraverso la strumentazione digitale.

Avremo importanti “saluti dal fronte”, una serie di testimonianze di amici che in questi mesi sono stati in prima linea, medici, infermieri, farmacisti, psicologi, volontari. A loro abbiamo chiesto di raccontarci, col respiro di un breve istante, cosa hanno vissuto. Per cominciare a fare memoria, per lasciare traccia, per cominciare a scrivere la storia di questi mesi terribili e paradossali.

Avremo contributi musicali che intoneranno e rivisiteranno il nostro inno nazionale.

Avremo favole per bambini.

Avremo una tombolata Drag queen e king, con ricchi premi, sulla piattaforma partecipativa Zoom.

Avremo il “Qui(z) Atir Ci Covid”. In palio il vestito della Repubblica di Fabio, disegnato e realizzato da Katarina Vukcevic e i suoi compagni.

Avremo la preparazione e la degustazione di una sangria collettiva, sempre su Zoom.

E molto altro ancora, dalle 15 alle 21.00, per sei ore ininterrottamente.

Ma niente paura. Nel rispetto assoluto delle regole sanitarie. Tutto avverrà rigorosamente on line!!!

Quindi mi raccomando mettetevi comodi e sintonizzatevi!

Un abbraccio virtuale, Serena Sinigaglia e tutto l’ATIR
-----------------------------------------------------------------------
DALLA PIANA IN DIRETTA + CONTRIBUTI IN DIFFERITA+PIATTAFORME DI GIOCO+ZOOM

h 15/16 – PROLOGO, PARATA IMMAGINIFICA – Serena Sinigaglia in regia dalla Piana – conducono Nadia Fulco e Mila Boeri

h 16/17 – SALUTI, PAROLE D’ORDINE E RICORDI – conducono Mattia Fabris e Arianna Scommegna

h 17/18 – LA PAROLA AI BAMBINI – conducono Chiara Stoppa e Virginia Zini

h 18/19 – LA TOMBOLA QUEER – conducono Matilde Facheris e Stefano Orlandi

h 19/20 – APERITIVO PARTECIPATO “HORA FELIZ” – conduce Maria Pilar Perez Aspa

h 20/21 – EPILOGO, IL QUIZ – Gran Finale - conducono Omar Nedjari e Sandra Zoccolan

Queste sono le istruzioni per accedere alla diretta sia da Facebook sia da YouTube.

Per quanto riguarda le iscrizioni ai giochi, chi vorrà partecipare dovrà compilare il form sul nostro sito e al momento dell’iscrizione riceverà una mail di conferma con tutte le istruzioni.

Come vedere una diretta su Facebook:

1. Connettiti a Facebook. Nella home page, sul menu a sinistra clicca WATCH.
2. Sempre nella parte sinistra della pagina clicca IN DIRETTA.
3. Cerca il video della diretta ATIR scorrendo i contenuti della pagina oppure nella banner “cerca” scrivi ATIR Teatro Ringhiera.

Come vedere una diretta su YouTube:

1. Connettiti a YouTube. Nella home page nel menù a sinistra della pagina clicca DAL VIVO. 2. Cerca il video ATIR Teatro Ringhiera in diretta tra quelli proposti oppure nel banner “cerca” in alto nella pagina scrivi ATIR Teatro Ringhiera Live.

Per prenotarsi alla Tombola Queer o all’aperitivo Hora Feliz! visitare il nostro sito www.atirteatroringhiera.it e cercare il form d’iscrizione in home page.

Facebook https://www.facebook.com/atirteatroringhiera/

YouTube www.youtube.com ATIR TeatroRinghiera



info@atirteatroringhiera.it

Commenti

Post popolari in questo blog

Torna a Milano la Baltic Sea Youth Philharmonic

Torna a Milano la Baltic Sea Youth Philharmonic, l'orchestra che unisce le diverse tradizioni musicali dei paesi che circondano il Mar Baltico, nella convinzione che la musica non conosca né confini né limiti, sia di natura geografica che di genere. Il tour, realizzato grazie al sostegno di Saipem, debutterà il 10 settembre a Heiden, in Germania, e toccherà, in dieci giorni, nove differenti città in Svizzera, Italia, Danimarca e Polonia. In Italia la Baltic Sea Youth Philharmonic sarà a Milano il 14 settembre nel suggestivo contesto della Basilica di Santa Maria delle Grazie, ospite dell’Associazione Musicale ArteViva, e a Verona il 15 settembre al Teatro Filarmonico per il festival “Settembre dell’Accademia” dove si esibirà per il secondo anno consecutivo. Il pubblico milanese avrà il piacere di applaudire i giovani artisti della Baltic Sea Youth Philharmonic per la quarta volta. L’orchestra, fondata nel 2008 da Kristjan Järvi (affiancato da un prestigioso consiglio di consulent

Rugantino - dal 10 marzo al Sistina!

  Per la gioia del pubblico rivive una pagina indimenticabile della lunga e gloriosa storia del Teatro Sistina: dopo lo stop forzato dovuto alla pandemia, dal prossimo giovedì 10, e fino al 27 marzo, sarà di nuovo in scena, con la supervisione di Massimo Romeo Piparo, la maschera amara e dissacrante di "Rugantino" dei mitici Garinei & Giovannini. Lo spettacolo, che fonde mirabilmente tradizione e modernità, viene presentato nella sua versione storica originale, con la regia di Pietro Garinei, le splendide musiche del M° Armando Trovajoli, le preziose scene e i bellissimi costumi originali firmati da Giulio Coltellacci: un imperdibile ritorno alle radici e un'occasione per riscoprire un classico del teatro musicale italiano. Sul palco, la splendida Serena Autieri, ancora una volta straordinaria interprete dell'intrigante personaggio di Rosetta, donna bella altera e irraggiungibile, che fa battere il cuore di Rugantino, un ruolo in cui l’attrice napoletana dà prova

Torna in scena "The Boys in the band". Gabrio Gentilini sarà ancora Donald.

Gabrio Gentilini sarà in scena sabato 26 marzo al Teatro Nuovo di San Marino con lo spettacolo “The Boys in the Band”, di cui è co-protagonista dalla prima messa in scena italiana del 2019. Nella piece, proposta al pubblico italiano grazie alla traduzione e all’adattamento di Costantino della Gherardesca, che la produce accanto a Giorgio Bozzo, il regista, Gabrio ricopre il ruolo di Donald, un ragazzo di 28 anni, americano e gay, che con la sua presenza a una festa di compleanno tra amici omosessuali in un appartamento di New York a fine anni '60, creerà varie dinamiche all’interno del gruppo, in un crescendo di colpi di scena, tensione, umorismo feroce e riflessioni profonde. Gabrio ha nel suo curriculum esperienze molto importanti nel teatro di prosa e musicale oltre che ruoli in produzioni cinematografiche e televisive nazionali. “Sono veramente contento di portare questo spettacolo nella mia Romagna. Ne amo il testo, così come la sintonia che si crea con i mie colleghi ogni vol