Passa ai contenuti principali

Sweeney Todd - The Dark Side of the Musical

Il mio collaboratore su Roma, Claudio Crocetti, ha assistito all'ultima replica romana al Teatro Olimpico SWEENEY TODD Il Diabolico Barbiere di Fleet Street prodotto da Dimensione Eventi e diretto da Claudio Insegno.
Buona lettura!





Fotografie Marioluca Bariona

Quando entro in un teatro e mi appresto a vedere un Musical, purtroppo non riesco a scindere lo spettatore dal ”tecnico” che è in me.

Vorrei tanto potermi “solo” lasciare trasportate dalle emozioni per 2 ore o più ma inevitabilmente in me ci sono aspetti organizzativi e di produzione che purtroppo mi fanno assistere agli eventi in modo diverso da quello che farebbe un “normale” spettatore.


E allora entro nella platea del Teatro Olimpico, mi siedo e la mia mente comincia a viaggiare.

La prima cosa che noto è la buca con il Direttore d’Orchestra ed i 13 Maestri. Potrò ascoltare le musiche di Sondheim dal vivo e non dovermi accontentare per una volta delle basi!?

Forse uno spettatore “normale” da per scontato una cosa del genere o forse potrebbe non apprezzarla in pieno. 

Per me è pura gioia!!! E comincio a pensare allo sforzo produttivo dietro una scelta simile e sono felice... felice che si riesca ancora a portare una Orchestra in uno spettacolo musicale e che ci sia ancora qualcuno che possa permettersi di farlo. 
Mi sento già predisposto positivamente a questo spettacolo.
Poi faccio un altro pensiero... ma riusciremo ad apprezzare le liriche di Sondheim adattate in italiano? No perché lui è semplicemente un pazzo ed ascoltarle in inglese è già complesso, figuriamoci in una lingua totalmente diversa come quella nostrana.

Ho capito allora che in Italia siamo pieni di pazzi anche noi! Non oso pensare Emiliano Palmieri cosa abbia dovuto passare, quali tormenti interiori per trovare un senso che fosse metricamente corretto. Ho provato a immedesimarmi in lui….ho preferito pensare ad altro!!!

Ricapitolando, orchestra dal vivo e adattamenti convincenti che valgono già un applauso per il coraggio e la professionalità che si percepisce e che non posso non tenere in considerazione. Questa è professionalità mista a pazzia e amore per il rischio! Splendido, mi ci trovo in pieno!

Devo raccontarvi la storia di Sweeney Todd? Non credo proprio. Vi basta googolare o se non trovate scene del Musical del 1979 e superiori, vi basterà riguardarvi il vostro pirata preferito con il rasoio in mano al posto della spada. Veramente pensavate che questo musical fosse nato con la pellicola del 2008 con il bel Johnny? Ecco sappiate che ha compiuto 40 anni e che personaggi del calibro di Angela Lansbury ed Emma Thompson sono state tra le interpreti di questo Musical.

E quindi ora la tormentata domanda! Il Cast italiano sarà all’altezza di così altisonanti nomi che hanno interpretato nel corso degli anni questi difficilissimi personaggi?

Mentre leggevo i nomi degli Artisti in scena, mi tornava stranamente in mente la formazione della Nazionale di calcio del 1982: Zoff, Cabrini, Scirea, Gentile, Bergomi... come per dire... beh con questi nomi ti piace vincere facile!!! Ma in realtà è proprio questo il punto. Nel 1982 abbiamo vinto non perché singolarmente eravamo tutti dei fuoriclasse ma perché insieme eravamo una squadra ben orchestrata e soprattutto diretta da un Coach che in questo caso ha il nome di Claudio Insegno.

Osservo tutto con attenzione... più passano i minuti e più mi convinco che lo Sweeney Todd di Claudio Insegno è oggettivamente bello!

La storia è bella, dark, thriller e avvincente, le musiche sono straordinarie per la loro difficoltà (vi prego non andate a vederlo pensando di sentire “canzoni orecchiabili”), i Performers sono tra il meglio che il teatro musicale italiano possiede… vorrei conoscere il produttore e stringergli la mano e farmi spiegare il suo segreto e chiedergli di parlarmi dello sforzo produttivo che c’è dietro una operazione come questa. Gli sono vicino... perchè so cosa vuol dire!

Tornando al cast, ho trovato outstanding la Mrs Lovett di Francesca Taverni. Perché fare confronti con mostri sacri come Angela Lansbury, Emma Thompson o Imelda Staunton che hanno interpretato questo ruolo a teatro. Semplicemente Francesca Taverni è una Mrs Lovett perfettamente a proprio agio nel ruolo e straordinaria partner del barbiere assassino Sweeney Todd nei suoi delitti, sbarazzandosi dei corpi delle innocenti vittime usando la loro carne come ripieno per i suoi pasticci di carni, che vende nel suo negozio in Fleet Street. Cinica e sadica al punto giusto con quel tocco di ironia che Francesca sa gestire alla perfezione con tempi a tratti comici perfetti.

Menzione d’Onore a Tobias Ragg, giovane ritardato sfruttato da Pirelli e garzone di Mrs. Lovett. Ci ho messo mezz’ora a riconoscere in Tobias, voce e corpo di Michelangelo Nari. Gran bella trasformazione a riprova ulteriore della sua bravura e professionalità.

La vera sorpresa per me è indubbiamente Johanna, la figlia di Todd/Barker. Ricordo di aver pensato prima dell’inizio... ma Johanna è un soprano... che paura! E poi mi vedo spuntare questa piccola Federica De Riggi e mi chiedo…dove l’avevano nascosta? E soprattutto come fa ad essere così perfetta essendo praticamente al suo debutto? Bravo Giulio Pangi (Casting Director) per questa scelta. La ragazza merita e va tenuta d’occhio. 

Come dicevo prima al Casting Director piace vincere facile e allora perché non affidare a Luca Giacomelli Ferrarini il ruolo di Anthony Hope, il giovane innamorato di Johanna? Luca praticamente ineccepibile sotto tutti i punti di vista. Il ruolo è suo, punto.

Il Villan Giudice Turpin interpretato da Simone Leonardi è perverso e viscido quanto basta che mi fa ricordare un vecchio Duca di mia conoscenza. (ndr. Non tutti coglieranno la citazione).

Il Pirelli... come dimenticarlo! Veramente bravo Domenico Nappi, truffatore, bugiardo, vanitoso e pure Irlandese che si finge Italiano per darsi un tono! Domenico, per me è SI!

Veniamo ora al Barbiere vendicativo. Praticamente un deportato accusato ingiustamente e mandato in una colonia penale Australiana a scontare la pena, scappato e rientrato a Londra (ndr..Ma quante citazioni ci sono qui, mi sa che devo parlare con un piccolo signore giapponese, vero mio caro Conte Gerald?). 

Parliamo però ora di Lorenzo Tognocchi, un Benjamin Barker possente sia vocalmente che fisicamente. L’ho trovato giusto nel ruolo, cupo e vendicativo nei momenti esatti e più leggero in altre situazioni. Sinceramente non mi aspettavo qualcosa di diverso, l’ho trovato un degno erede di Mr. Ball.

Emozionante Annalisa Cucchiara nel ruolo della mendicante/Lucy e devo dire un Ensemble valido e capace di supportare coralmente le straordinarie musiche e le difficilissime liriche.

Ammiro e stimo chi ha il coraggio oggi di fare queste scelte e portare la cultura in Italia tramite questi titoli. Apprezzerei ancora di più chi ha il coraggio di proporre titoli nuovi italiani. A chi mi dice “tu sei un folle!” io rispondo “ E pensare che pensavo di essere uno Scorpione!”….e con questa citazione di Joker chiudo qui la mia recensione.

Sweeney Todd fai tremare Milano ora.

Grazie
Claudio Crocetti


SWEENEY TODD

Il Diabolico Barbiere di Fleet Street

  • dal 14 al 17 novembre: MILANO - Teatro Nuovo
  • dal 6 all'8 dicembre: VERONA – Teatro Nuovo

Commenti

Post popolari in questo blog

Torna a Milano la Baltic Sea Youth Philharmonic

Torna a Milano la Baltic Sea Youth Philharmonic, l'orchestra che unisce le diverse tradizioni musicali dei paesi che circondano il Mar Baltico, nella convinzione che la musica non conosca né confini né limiti, sia di natura geografica che di genere. Il tour, realizzato grazie al sostegno di Saipem, debutterà il 10 settembre a Heiden, in Germania, e toccherà, in dieci giorni, nove differenti città in Svizzera, Italia, Danimarca e Polonia. In Italia la Baltic Sea Youth Philharmonic sarà a Milano il 14 settembre nel suggestivo contesto della Basilica di Santa Maria delle Grazie, ospite dell’Associazione Musicale ArteViva, e a Verona il 15 settembre al Teatro Filarmonico per il festival “Settembre dell’Accademia” dove si esibirà per il secondo anno consecutivo. Il pubblico milanese avrà il piacere di applaudire i giovani artisti della Baltic Sea Youth Philharmonic per la quarta volta. L’orchestra, fondata nel 2008 da Kristjan Järvi (affiancato da un prestigioso consiglio di consulent

Rugantino - dal 10 marzo al Sistina!

  Per la gioia del pubblico rivive una pagina indimenticabile della lunga e gloriosa storia del Teatro Sistina: dopo lo stop forzato dovuto alla pandemia, dal prossimo giovedì 10, e fino al 27 marzo, sarà di nuovo in scena, con la supervisione di Massimo Romeo Piparo, la maschera amara e dissacrante di "Rugantino" dei mitici Garinei & Giovannini. Lo spettacolo, che fonde mirabilmente tradizione e modernità, viene presentato nella sua versione storica originale, con la regia di Pietro Garinei, le splendide musiche del M° Armando Trovajoli, le preziose scene e i bellissimi costumi originali firmati da Giulio Coltellacci: un imperdibile ritorno alle radici e un'occasione per riscoprire un classico del teatro musicale italiano. Sul palco, la splendida Serena Autieri, ancora una volta straordinaria interprete dell'intrigante personaggio di Rosetta, donna bella altera e irraggiungibile, che fa battere il cuore di Rugantino, un ruolo in cui l’attrice napoletana dà prova

Torna in scena "The Boys in the band". Gabrio Gentilini sarà ancora Donald.

Gabrio Gentilini sarà in scena sabato 26 marzo al Teatro Nuovo di San Marino con lo spettacolo “The Boys in the Band”, di cui è co-protagonista dalla prima messa in scena italiana del 2019. Nella piece, proposta al pubblico italiano grazie alla traduzione e all’adattamento di Costantino della Gherardesca, che la produce accanto a Giorgio Bozzo, il regista, Gabrio ricopre il ruolo di Donald, un ragazzo di 28 anni, americano e gay, che con la sua presenza a una festa di compleanno tra amici omosessuali in un appartamento di New York a fine anni '60, creerà varie dinamiche all’interno del gruppo, in un crescendo di colpi di scena, tensione, umorismo feroce e riflessioni profonde. Gabrio ha nel suo curriculum esperienze molto importanti nel teatro di prosa e musicale oltre che ruoli in produzioni cinematografiche e televisive nazionali. “Sono veramente contento di portare questo spettacolo nella mia Romagna. Ne amo il testo, così come la sintonia che si crea con i mie colleghi ogni vol