Passa ai contenuti principali

"4 Ristoranti e 1 Funerale" diretto da Claudio Insegno in prima assoluta.



"4 Ristoranti e 1 Funerale" in prima assoluta al Teatro Cardinal Massaia

Una commedia magica dai risvolti noir tra colpi di scena, giochi di prestigio, passi di tip tap, giocoleria, incursioni circensi e risate garantite

Sabato 30 novembre ore 21.00 debutta in prima assoluta al Teatro Cardinal Massaia “4 ristoranti e 1 funerale”, una commedia teatrale con incursioni circensi e contaminazioni magiche, scritta da Alberto Barbi e Davide Nevoso, che riserva una continua serie di colpi di scena, anche grazie alla brillante regia di Claudio Insegno. “4 ristoranti e 1 funerale è una commedia diversa e innovativa. La immagino come una cipolla, la si può leggere a strati – racconta Claudio Insegno - Mi ha divertito curarne la regia perché unisce un black humor, adatto a tutti, al circo, al clown e all’illusionismo. I numeri si inseriscono nella trama della commedia arricchendola. Si ride tanto. Sicuramente questo lavoro è figlio di un mondo dove la Cucina è diventata un pilastro fondamentale dell’intrattenimento”.

Ed è proprio nella cucina del ristorante “La Bella Trofia” che si svolge la storia: un luogo in cui dinamiche possono risultare veramente complicate, soprattutto quando lo chef Antonio si ritrova a dirigere una brigata che è interamente nella propria testa, aiutato da un sous chef timoroso di tutto. Riusciranno i due a risollevare le sorti del locale, sottraendolo alle grinfie di Wanda la ex moglie di Antonio? E che ruolo avrà in tutto ciò il magico chef stellato Augusto? Chi fermerà Frida, software di cucina, dal carattere aggressivo, con tendenze misogine e naziste? E soprattutto di chi è il funerale del titolo? Tutte domande che possono trovare risposta solo dopo essersi gustati questa pièce, leggera e divertente che propone una formula originale che fa dialogare l’arte della scrittura e della recitazione, con le discipline circensi e il linguaggio della magia. Una serata di sorprese e risate dal ritmo incalzante, tra cibo che scompare, cucine che parlano, frigoriferi che tagliano e ricompongono le persone, piatti che volano e nuoto sincronizzato nelle pentole.

In scena un cast molto versatile guidato da Alberto Barbi (anche autore del soggetto) con alle spalle una intensa carriera di attore, artista circense e regista di prosa e lirica; al suo fianco Paolo Latorre (che con Barbi condivide la storia della compagnia I Fratelli Ochner), attore e giocoliere in perfetto equilibrio tra il serio e il faceto; Marco Aimone, illusionista laureato alla Silvan Academy nonché presidente del Circolo Amici della Magia di Torino alle prese con un personaggio decisamente sorprendente, Riccardo Fusero, attore e musical performer, il vulcanico sous chef che sorprenderà con la personalità pirotecnica ed Elisabetta Gullì, attrice e cantante, già voce e volto di Zelig Tv, a cui spetta l’ingrato (e non facile!) compito di distruggere “La Bella Trofia”.

LA STORIA

Il ristorante "La Bella Trofia" è gestito da Antonio esuberante Chef e proprietario del ristorante; il locale ha vissuto giorni di gloria, ormai lontani. Una soluzione per ridare lustro al locale viene dal concorso indetto dal super chef Augusto, cuoco di fama internazionale, che ha deciso di affiancare il suo nome a quello di un ristorante per il lancio di un nuovo incredibile piatto. Mentre Antonio già pregusta la vittoria, Wanda, la sua ex moglie, decide di mettergli i bastoni tra le ruote con l'intento sia di vincere il concorso del super chef sia di impossessarsi del locale dell’ex marito. Ne scaturisce una sfida all’ultimo fornello senza esclusione di colpi che rischia di diventare per qualcuno una sfida all'ultimo sangue. La gara ha inizio e ogni partecipante tenterà il tutto per tutto per decretare vincitori vinti ma, soprattutto, sopravvissuti.


Biglietti € 18,00 (ridotto: € 15,00). Info e biglietti prenotazioni@teatrocardinalmassaia.it o 011.2216128 oppure su teatrocardinalmassaia.com


IL CAST

Alberto Barbi, attore, autore è Antonio chef capo, garde-manger, e tutto il resto della brigata della cucina del ristorante La Bella Trofia. È affetto da multi personalità, ma le ama quasi tutte, infatti ci passa le serate chiacchierando ad alta voce e lamentandosi del declino della cucina. Una sola paura: Wanda, l’ex moglie.

Marco Aimone, prestigiatore tra i più riconosciuti a livello internazionale, presidente del Circolo Amici della Magia di Torino è il Super chef Augusto. Geniale, istrionico ha portato la cucina ad un altro livello spettacolare. Ogni sua presentazione è sorprendente, magica e soprattutto divertente.

Elisabetta Gullí, attrice, cantante e insegnante è Wanda, ricca figlia di papà, specialista nel far fallire ristoranti. Di professione vuole essere influencer. Ma per hobby, invece, vuole distruggere il ristorante La Bella Trofia. Ci riuscirà?

Riccardo Fusero, attore e musical performer, è Castor, sous chef ipocondriaco, fedele alla brigata del ristorante “La Bella Trofia”. I bookmakers quotano come bassissima la sua capacità di sopravvivenza all’interno della brigata di cucina. Anche per i molteplici risvolti della sua personalità che, senza svelare nulla… sarà sicuramente da ridere.

Paolo La Torre, attore, mimo e giocoliere, è Filippo. Il nuovo arrivato nella cucina del Ristorante “La Bella Trofia”. Ha un figlio da mantenere, che porta sempre con sé perché non può permettersi la baby sitter. Ha fatto qualsiasi mestiere che finisce per “er”. Dog sitter, cat sitter, fish sitter, setter sitter (sempre di corsa). Ma la sua specialità sono le zanzare. Come se la caverà nella brigata de “La Bella Trofia”?

Con Alberto Barbi, Elisabetta Gullì, Paolo La Torre, Riccardo Fusero e Marco Aimone

Scritto da Alberto Barbi e Davide Nevoso

Costumi Agostino Porchietto

Scenografia Massimiliano Todisco

Effetti magici Marco Aimone e Franco Sottile

Produzione Bar B/Fratelli Ochner

Regia Claudio Insegno

Commenti

Post popolari in questo blog

Torna a Milano la Baltic Sea Youth Philharmonic

Torna a Milano la Baltic Sea Youth Philharmonic, l'orchestra che unisce le diverse tradizioni musicali dei paesi che circondano il Mar Baltico, nella convinzione che la musica non conosca né confini né limiti, sia di natura geografica che di genere. Il tour, realizzato grazie al sostegno di Saipem, debutterà il 10 settembre a Heiden, in Germania, e toccherà, in dieci giorni, nove differenti città in Svizzera, Italia, Danimarca e Polonia. In Italia la Baltic Sea Youth Philharmonic sarà a Milano il 14 settembre nel suggestivo contesto della Basilica di Santa Maria delle Grazie, ospite dell’Associazione Musicale ArteViva, e a Verona il 15 settembre al Teatro Filarmonico per il festival “Settembre dell’Accademia” dove si esibirà per il secondo anno consecutivo. Il pubblico milanese avrà il piacere di applaudire i giovani artisti della Baltic Sea Youth Philharmonic per la quarta volta. L’orchestra, fondata nel 2008 da Kristjan Järvi (affiancato da un prestigioso consiglio di consulent

Rugantino - dal 10 marzo al Sistina!

  Per la gioia del pubblico rivive una pagina indimenticabile della lunga e gloriosa storia del Teatro Sistina: dopo lo stop forzato dovuto alla pandemia, dal prossimo giovedì 10, e fino al 27 marzo, sarà di nuovo in scena, con la supervisione di Massimo Romeo Piparo, la maschera amara e dissacrante di "Rugantino" dei mitici Garinei & Giovannini. Lo spettacolo, che fonde mirabilmente tradizione e modernità, viene presentato nella sua versione storica originale, con la regia di Pietro Garinei, le splendide musiche del M° Armando Trovajoli, le preziose scene e i bellissimi costumi originali firmati da Giulio Coltellacci: un imperdibile ritorno alle radici e un'occasione per riscoprire un classico del teatro musicale italiano. Sul palco, la splendida Serena Autieri, ancora una volta straordinaria interprete dell'intrigante personaggio di Rosetta, donna bella altera e irraggiungibile, che fa battere il cuore di Rugantino, un ruolo in cui l’attrice napoletana dà prova

Torna in scena "The Boys in the band". Gabrio Gentilini sarà ancora Donald.

Gabrio Gentilini sarà in scena sabato 26 marzo al Teatro Nuovo di San Marino con lo spettacolo “The Boys in the Band”, di cui è co-protagonista dalla prima messa in scena italiana del 2019. Nella piece, proposta al pubblico italiano grazie alla traduzione e all’adattamento di Costantino della Gherardesca, che la produce accanto a Giorgio Bozzo, il regista, Gabrio ricopre il ruolo di Donald, un ragazzo di 28 anni, americano e gay, che con la sua presenza a una festa di compleanno tra amici omosessuali in un appartamento di New York a fine anni '60, creerà varie dinamiche all’interno del gruppo, in un crescendo di colpi di scena, tensione, umorismo feroce e riflessioni profonde. Gabrio ha nel suo curriculum esperienze molto importanti nel teatro di prosa e musicale oltre che ruoli in produzioni cinematografiche e televisive nazionali. “Sono veramente contento di portare questo spettacolo nella mia Romagna. Ne amo il testo, così come la sintonia che si crea con i mie colleghi ogni vol