Passa ai contenuti principali

Claudio Insegno parla di Sweeney Todd - "ho esasperato nel teatro quello che c'è di horror nel film."

SWEENEY TODD Il Diabolico Barbiere di Fleet Street sta per debuttare in Italia, prodotto da Dimensione Eventi, diritti della produzione originale di Broadway dall’MTI Europe, adattamento liriche di Emiliano Palmieri e direttore della Ensemble Symphony Orchestra, il Maestro Giacomo Lo Prieno, regia di Claudio Insegno.
Leggete cosa mi ha raccontato...








Sweeney Todd è uno spettacolo molto diverso dai musical che hai diretto negli ultimo anni. Che impronta hai dato alla regia?

L'impronta che ho dato alla regia non è né quella originale né quella di Tim Burton naturalmente, si avvicina molto di più a un'impronta un po' moderna rimanendo sempre nella stessa epoca con costumi e scenografie di quel tempo. Ho dato un ritmo più moderno, con modi di cantare e recitati più vicini a noi. C'è la parte lirica ovviamente ma si avvicina molto di più al musical che và tanto di moda in questo momento. E' molto ironico sopratutto dal punto di vista di Gran Guignol perché amo l'horror e quindi ho esasperato nel teatro quello che c'è di horror nel film.

Che cosa ti piace di più di questa storia?
Quello che mi piace di più di questa storia, come dicevo prima, è che si avvicina molto al Grand Guignol, c'è molto sangue, è molto drammatica ma c'è una sottile vena ironica dietro questo dramma, l'esasperazione, l'esagerazione dei personaggi... sembrano quasi delle macchiette, dei burattini, e hanno un aspetto completamente diverso dai personaggi da musical che abbiamo visto fino ad ora. L'ironia che si mescola con la drammaticità è la cosa che mi piace più di tutto. E' stato molto difficile. Un performer, bene o male, è capace in tutte e tre le discipline, ma qui servivano canto e recitazione perfetti.

E' stato difficile trovare il cast adatto?

Trovate il cast adatto è stato difficilissimo perché naturalmente serviva qualcuno che sapesse cantare benissimo questi brani, amarli al punto di sentirseli dentro perché sono molto difficili da cantare. Il performer sì, ma qui serviva un cantante attore, bisognava trovare una persona con le caratteriste di un attore teatrale al 1000% e con una bravura tecnica superiore alle aspettative, perfetto dal punto di vista canora che attoriale, qui la danza non ci interessa.

Ci sono differenze tra l'originale e l'adattamento italiano?

Ci sono delle parole che non equivalgono molto bene, non sono facile da tradurre per quanto riguarda la lingua italiana, però Emiliano Palmieri è stato talmente bravo da riuscire a fare un qualcosa di originale, di bello che ha sicuramente lo stesso effetto dell'originale.

Invita il pubblico a venire a vedere Sweeney Todd.
Venite a vedere questo musical diverso in tutti i sensi. Prima si diceva che Kinky Boots e Priscilla erano dei musical diversi, ma questo è ancora più diverso anche perché è quasi all'80% cantato. Venite a vedere questo musical perché si vedranno cose che non si sono viste fino ad ora. Non parlo di effetti speciali ma di sensazioni canore e visive. Ne vedrete sicuramente delle belle!!!



Commenti

Post popolari in questo blog

UNA PIATTAFORMA PER PORTARE IN ITALIA OCCASIONI DI STUDIO CON PROFESSIONISTI DA TUTTO IL MONDO

7 marzo workshop di danza con LAYTON WILLIAMS 14 marzo workshop acting through song con JOE VETCH Nasce TAB “The Artist Bridge” un ponte per rendere accessibile la comunicazione tra studenti e artisti italiani con performers e creativi da Broadway e dal West End. Il progetto TAB nasce dall’idea di Giorgio Camandona, (protagonista di musical di successo come Peter Pan il Musical, A Chorus Line, Grease), il regista e performer Mauro Simone (Robin Hood, Grease, performer per Singing In The Rain, Pinocchio il grande musical) Martina Ciabatti Mennell, performer italiana dalla carriera internazionale (We Will Rock You, Trioperas, The Mission) e dal performer inglese Phil Mennell (Aladdin - West End, The Bodyguard, Saturday Night Fever, Newsies) in un periodo in cui la formazione e lo studio delle discipline artistiche e teatrali sono limitati a causa delle restrizioni che impediscono gli spostamenti e quindi lo scambio che spesso è linfa vitale per chi si approccia al m

Teatro Trastevere: Nuovo Progetto Artistico

                                                                                           Associazione Culturale Teatro Trastevere presenta il Nuovo Progetto Artistico   GERMOGLI Esperimenti Teatrali, per artisti e spettatori   COS'E'   È la nostra personale risposta alla riapertura delle strutture teatrali a ridosso della stagione estiva. Un percorso di RICERCA, sia del Teatro Trastevere che degli artisti coinvolti, per riabituare gli spettatori a frequentare gli spazi di condivisione artistica, riabbracciandoci, seppur simbolicamente, attraverso l'arte, portatrice di sana socialità.   MA IN PRATICA   In pratica apriamo il Teatro alle compagnie e ai singoli artisti che, dopo mesi di elaborazione di nuovi contenuti, vogliano finalmente dare viva realtà al proprio progetto. Offriamo 50 ore di RESIDENZA CREATIVA e 2 giorni di restituzione al pubblico non solo in forma di spettacolo, ma anche di semplice studio:  “...Faremo le cose in sicurezza, seguendo i protocolli e metter

MEDAGLIA D'ONORE A LUCIANO SALCE: FU DEPORTATO NEI LAGER NAZISTI

Per anni è gli è stata attribuita l'adesione alla Repubblica di Salò. Luciano Salce non è mai stato un repubblichino. Una battaglia condotta dal figlio Emanuele per portare alla luce la verità che si conclude con una Medaglia D'Onore. Sono state consegnate il 28 gennaio dal prefetto di Roma dott. Matteo Piantedosi, presso la sala “Di Liegro” di Palazzo Valentini, le Medaglie d'Onore ai cittadini italiani, militari e civili, che durante il secondo conflitto mondiale hanno subito la deportazione e l'internamento nei campi nazisti dal 1943 al 1945. Tra questi Luciano Salce il regista, attore e autore scomparso nel 1989 e protagonista di una delle epoche più feconde dello spettacolo italiano. Un riconoscimento di grande valore che rappresenta l'ultimo tassello di una ricerca di verità che si è contrapposta all’informazione disinformata di alcuni settori dell’opinione pubblica che negli ultimi tempi, evitando accuratamente di confrontarsi con fonti e documentazioni evide