Passa ai contenuti principali

MILANO OFF FRINGE FESTIVAL TERZA EDIZIONE - ECCO IL PROGRAMMA


MILANO OFF FRINGE FESTIVAL
il Festival del Teatro OFF e delle arti performative, dal 17 al 22 settembre 2019 la terza edizione
- 26 compagnie - 6 location - 81 repliche in 6 giorni
Con una speciale dedica ai 50 anni dall’allunaggio, sottolineata da una precisa sceltagrafica che si ispira alla conquista dello spazio, luogo/non-luogo in cui tutto è possibile, il progetto artistico territoriale diffuso, organizzato dall’Associazione Culturale Milano Off, è giunto alla sua terza edizione, confermando la prestigiosa collaborazione con Avignon Le Off ed entrando di diritto nella World Fringe Community.


Fondata nel 2016 da Renato Lombardo da oltre trent’anni organizzatore di eventi legati
al teatro e da Francesca Vitale (già promotori della rassegna PALCO OFF di Catania)
l’Associazione Milano Off ha perseguito sin da subito l’obiettivo di creare un festival
ispirato al modello di Avignone, gemello di quello francese che raccogliesse la filosofia e
gli obiettivi che distinguono i Festival Off: la valorizzazione di un teatro di qualità,
d'attualità sociale e d'innovazione dei linguaggi, la creazione di una rete innovativa per la
creazione artistica, la rivitalizzazione culturale di quartieri e spazi cittadini.

Anche quest’anno, con il Patrocinio del Comune di Milano e importanti partner come
Avignon Le Off, Torino Fringe Festival, Palco Off, Clan Off Teatro, Palco 5, Nouveau
Clown Institute, Teatro Libero, Milano Off vuole raccogliere migliaia di persone intorno a
un ambiente di scambio e convivialità, con la possibilità di riscoprire e riconoscere
l’identità culturale contemporanea di Milano.

Presso la Fabbrica del Vapore, cuore del Festival, nascerà il Village Off, una vera e
propria Stazione artistica da cui partire per nuove destinazioni teatrali: mostre, incontri tra artigiani e operatori delle arti performative, workshop e performance itineranti ed
estemporanee. Qui i testimonial, artisti di fama nazionale e internazionale, dialogheranno
col pubblico, regalando performance originali e diventando modelli di carriera per le
compagnie che partecipano al MI OFF 19.


Il fitto programma di monologhi e spettacoli di ogni genere a cui quest’anno, con la
direzione di Marco Caselle, si è aggiunta anche la sezione Musical Off, andrà in scena
alla Fabbrica del Vapore (Sound Off Space – Sala Musical e One Off Space – Sala
Monologhi), al Teatro Libero (via Savona 10), al Teatro della Cooperativa, (Via
Hermada 8) e a Isolacasateatro (via J. Dal Verme 16).

Inoltre con il MI OFF dell’OFF, performance estemporanee popoleranno il Village Off e gli
esercizi commerciali affiliati nelle zone limitrofe a Fabbrica del Vapore e alle Strutture
Teatrali associate.

Durante le sei giornate del Festival, dalla mattina alle 10,30 fino alla sera (dalle 22,30 in
poi Lounge DJ Bar) tramite esposizioni, mostre, workshop e incontri tra operatori dei
diversi settori teatrali verranno affrontati temi quali: drammaturgia, scenografia,
costumistica, attrezzeria, light designing.

Nel Village verranno condivise riflessioni sullo stato attuale del teatro Off, grazie ai focus
condotti dai partner: i Festival nazionali e internazionali, i Musical che non rientrano nei
grandi circuiti e le nuove frontiere del teatro sociale e civile.
Si parlerà di nouvelle clownerie e di cabaret, nonché di musica che invade lo spazio
teatrale: artisti di fama riconosciuta saranno testimonial prestigiosi per le compagnie
partecipanti: Raul Cremona, che parlarlerà dell’arte della magia e di stand-up comedy,
Jango Edwards, uno dei padri della clownerie moderna, Moni Ovadia, leader della
scena culturale IN, ma che rimane un artista OFF e Mario Incudine, uno dei personaggi
più rappresentativi della nuova world music italiana. Alle compagnie saranno dedicati
anche gli Speed Date, incontri brevi per presentare i loro progetti a direttori artistici e
operatori del settore.

Il MI OFF 19 è anche competizione. Una giuria tecnica coordinata da Francesca Vitale e
formata da importanti professionisti del settore teatrale come: Tommaso Chimenti
(Critico teatrale), Marion Folliasson (Amministratrice generale Avignon Le Off Festival)
Fabio Alessandrini (Regista, attore, autore, docente alla Nico Pepe di Udine), Philippe
Venturino (Distributore teatrale in Francia), Claudia Lombardi (Fondazione Claudia
Lombardi per il teatro), Gigi Spedale (Presidente Rete Teatrale Latitudini - Nuova
Drammaturgia siciliana), Mauro Failla (Direttore Artistico Clan OFF Messina), Giovanni
Maria Currò (Direttore Artistico Clan OFF Messina), Pierpaolo Congiu (Direttore Torino
Fringe Festival) e Dominique Fiorentino (Spettatrice teatrale assidua), tenendo conto
anche delle preferenze espresse dalla Giuria web e live, sceglierà gli spettacoli che
avranno l’opportunità grazie ai Premi Selezione Scena Off Nazionale, Scena Off
Internazionale, Scena Off Musical e “Nose It All”– Speciale Formazione, di circuitare
nei Festival e nelle rassegne di prestigiosi partner: Festival Avignon Le Off, Palco Off,
Palco 5, Clan Off Teatro, Teatro Libero, Torino Fringe Festival, Nouveau Clown Institute.

Alle compagnie che otterranno i PREMI SELEZIONE MI OFF 19 sarà destinata la somma
raccolta tramite la campagna di crowdfunding attivata dall’Associazione Milano Off, per
sostenere, in quota parte rispetto alle spese previste, le loro partecipazioni ai Festival e
alle Stagioni partner.

Per assistere alle rappresentazioni sono stati predisposti vari carnet, card, biglietti con
riduzioni che possono essere acquistati: sul sito www.milanooff.com, tramite l’APP

MILANOOFF, presso il Village Off (Fabbrica del Vapore) e i singoli biglietti anche negli altri
spazi che ospitano il Festival.
-------------------------------------

Sito internet: www.milanooff.com

Pagina Facebook: @milanoofffestival

Instagram: @milanooff_fringe_festival


Commenti

Post popolari in questo blog

UNA PIATTAFORMA PER PORTARE IN ITALIA OCCASIONI DI STUDIO CON PROFESSIONISTI DA TUTTO IL MONDO

7 marzo workshop di danza con LAYTON WILLIAMS 14 marzo workshop acting through song con JOE VETCH Nasce TAB “The Artist Bridge” un ponte per rendere accessibile la comunicazione tra studenti e artisti italiani con performers e creativi da Broadway e dal West End. Il progetto TAB nasce dall’idea di Giorgio Camandona, (protagonista di musical di successo come Peter Pan il Musical, A Chorus Line, Grease), il regista e performer Mauro Simone (Robin Hood, Grease, performer per Singing In The Rain, Pinocchio il grande musical) Martina Ciabatti Mennell, performer italiana dalla carriera internazionale (We Will Rock You, Trioperas, The Mission) e dal performer inglese Phil Mennell (Aladdin - West End, The Bodyguard, Saturday Night Fever, Newsies) in un periodo in cui la formazione e lo studio delle discipline artistiche e teatrali sono limitati a causa delle restrizioni che impediscono gli spostamenti e quindi lo scambio che spesso è linfa vitale per chi si approccia al m

Teatro Trastevere: Nuovo Progetto Artistico

                                                                                           Associazione Culturale Teatro Trastevere presenta il Nuovo Progetto Artistico   GERMOGLI Esperimenti Teatrali, per artisti e spettatori   COS'E'   È la nostra personale risposta alla riapertura delle strutture teatrali a ridosso della stagione estiva. Un percorso di RICERCA, sia del Teatro Trastevere che degli artisti coinvolti, per riabituare gli spettatori a frequentare gli spazi di condivisione artistica, riabbracciandoci, seppur simbolicamente, attraverso l'arte, portatrice di sana socialità.   MA IN PRATICA   In pratica apriamo il Teatro alle compagnie e ai singoli artisti che, dopo mesi di elaborazione di nuovi contenuti, vogliano finalmente dare viva realtà al proprio progetto. Offriamo 50 ore di RESIDENZA CREATIVA e 2 giorni di restituzione al pubblico non solo in forma di spettacolo, ma anche di semplice studio:  “...Faremo le cose in sicurezza, seguendo i protocolli e metter

MEDAGLIA D'ONORE A LUCIANO SALCE: FU DEPORTATO NEI LAGER NAZISTI

Per anni è gli è stata attribuita l'adesione alla Repubblica di Salò. Luciano Salce non è mai stato un repubblichino. Una battaglia condotta dal figlio Emanuele per portare alla luce la verità che si conclude con una Medaglia D'Onore. Sono state consegnate il 28 gennaio dal prefetto di Roma dott. Matteo Piantedosi, presso la sala “Di Liegro” di Palazzo Valentini, le Medaglie d'Onore ai cittadini italiani, militari e civili, che durante il secondo conflitto mondiale hanno subito la deportazione e l'internamento nei campi nazisti dal 1943 al 1945. Tra questi Luciano Salce il regista, attore e autore scomparso nel 1989 e protagonista di una delle epoche più feconde dello spettacolo italiano. Un riconoscimento di grande valore che rappresenta l'ultimo tassello di una ricerca di verità che si è contrapposta all’informazione disinformata di alcuni settori dell’opinione pubblica che negli ultimi tempi, evitando accuratamente di confrontarsi con fonti e documentazioni evide