Passa ai contenuti principali

BLISS - Prima Nazionale al Teatro Gerolamo


Venerdì 27 e Sabato 28 settembre 2019 ore 20.00 – TEATRO GEROLAMO

Prima nazionale

Anna Della Rosa – Federica Castellini
BLISS
al violoncello Antonio Cortesi
dramaturg Simone Faloppa
regia Simone Toni
produzione Gli Incauti

Venerdì 27 settembre (ore 20) si inaugura la nuova stagione del Teatro Gerolamo con l’anteprima nazionale di BLISS, tratto da Katherine Mansfield con Anna Della Rosa e Federica Castellini. La regia è a firma di Simone Toni, la drammaturgia di Simone Faloppa e la produzione Gli Incauti.


In una domesticissima sala dei giochi, alcune glamourose e comiche donne comuni - smunte e fragili come la porcellana - condividono le loro folli, infantili e cieche speranze come fossero crepe; la loro caotica emotività come fosse un sentiero.

Perché mai lo fanno ridendo? Perché si sentono così tenere verso lo spietato mondo intero?

Sono schiave di una condizione di perfetta felicità interiore, di uno stato di beautitudine (bliss). È questa forza a innalzarle a piccoli oracoli domestici, sospesi tra l’euforia e il vuoto tipico delle alte quote.


NOTE DI REGIA

Che tipo di colori vengono fuori da quest’autrice di un pugno di racconti brevi? Spremute, estratti, centrifughe di vita. La brevità di respiro di Katherine Mansfield ci è sembrata così familiare, così prossima da provarne quasi invidia e nostalgia. Come se da quelle immagini seppiate di primo Novecento una punta di colore facesse l’occhiolino a questi nostri tempi inquieti. BLISS - parola inglese, sanscrita e ayurvedica intraducibile correttamente - racconta la quotidiana parabola di beatitudine della 30enne Bertha Young, che brucia nei dettagli rari (quanto insignificanti) di una mondanissima cena tra amici. Per paura che ci sfuggisse una scrittura dell’esperienza così preziosa e insostenibilmente leggera, abbiamo tentato allora di mettere a dialogo questa ambiziosissima scrittrice con le varie parti di se stessa, come in una sinfonia della personalità. Perché ogni cosa ha la sua ombra. E non sono che le fiabe le cose che veramente viviamo.


IL CAST

Anna Della Rosa

Diplomata alla scuola d’arte drammatica Paolo Grassi, ha la fortuna e la gioia di lavorare, fra gli altri, con Toni Servillo, Lluis Pasqual, Pascal Rambert, Martin Kusej e Valter Malosti. Ha vinto il premio Duse e il premio Eti Gli Olimpici del teatro come migliore attrice emergente. È la ragazza esangue nel film premio Oscar La grande bellezza di Paolo Sorrentino.


Federica Castellini

Si diploma alla scuola del Piccolo Teatro di Milano. Lavora con Luca Ronconi. Fonda e co-dirige dal 2008 la compagnia de Gli Incauti. È attrice protagonista per M. Castri, F. Branciaroli, F. Bruni-Teatro dell’Elfo e B. Fornasari.


Simone Toni

Si diploma alla scuola del Piccolo Teatro di Milano. Lavora con Luca Ronconi (come attore e assistente alla regia) in oltre 14 produzioni, dal ’99 al ’08. Fonda e dirige dal 2008 la compagnia de Gli Incauti, alternandosi con ruoli di primo piano con registi quali G.Lavia, R.Castellucci, M.Sciaccaluga. È regista-ospite dal 2017 del Teatro Nazionale di Genova.


Simone Faloppa

È attore di prosa, dramaturg e storyteller, alternandosi tra prosa e teatro musicale. Collaboratore a progetto per il Teatro Nazionale della Toscana, come educatore e maestro di strada sviluppa progetti sul territorio nazionale per combattere il fenomeno della dispersione scolastica. È umanista, e bibliofilo.


Antonio Cortesi

Diplomato in violoncello e musica da camera. Primo violoncello per La Corelli di Ravenna, partecipa a festival e rassegne italiane e europee, collaborando con Giuliano Scabia. Suona un violoncello Custode Marcucci del 1920.


Katherine Mansfield

Scrittrice, poetessa e violoncellista neozelandese, Kathleen Beauchamp cresce anticonformista e appassionata, dominata da una furia isterica di vivere. Nel 1902 lascia la nativa Wellington in cerca della propria voce di scrittrice nella Londra più bohemienne e contestatrice, battezzandosi Katherine Mansfield. Qui incontra e sposa il critico letterario John Middleton Murry - vicino al Bloomsbury Group - che diventerà il biografo e curatore post-mortem dei suoi preziosissimi diari minuti e dei suoi epistolari. Nel 1915 la morte al fronte dell’adorato fratello Leslie le provoca il primo tracollo psico-fisico. Nel 1916 incontra Virginia Woolf, che rimane stregata dalla sua dostoevskiana innocenza ferita e la introduce alla prestigiosa casa editrice Hogarth Press. A 29 anni, le viene diagnosticata la tubercolosi. Sola, malata e libera, viaggia, provando terapie e cure alternative nei vari sanatori europei, fino ad arrivare a Fontainbleau-Avon, presso l’Istituto Per lo Sviluppo Armonico dell’Uomo fondato da G.I. Gurdjieff. Muore tre mesi dopo, 34enne, la notte del Natale ortodosso del 1923. Lascia scritto in cirillico, su un piccolo taccuino: “carta, cenere, legna”. Dal 1945 ad oggi l’edizione completa dei suoi racconti brevi di persone comuni sono annoverati, insieme a D.H. Lawrence, Virginia Woolf e James Joyce, tra i capisaldi della moderna letteratura inglese.
----------------------------------------------------------------------------------------

durata spettacolo: 60 minuti

RIDUZIONI e CONVENZIONI
Il Teatro Gerolamo aderisce al programma ‘Teatro, Cinema, Concerti... in BICI biglietto ridotto’: chi dimostra di essere venuto a teatro in bicicletta ha diritto a un biglietto al prezzo di 8,00 euro.

Carnet del Teatro Gerolamo: 4 ingressi a 68 euro o 6 ingressi a 96 euro.
Continuano infine le riduzioni abituali.
Tutte le info sul sito www.teatrogerolamo.it.

PREZZI: da 6 a 25 euro


INFORMAZIONI

Prenotazioni: 02 36590120 / 122 | 02 45388221 | biglietteria@teatrogerolamo.it

Scuole e Università / Gruppi organizzati: chiara.scordamaglia@teatrogerolamo.it



TEATRO GEROLAMO

Piazza Cesare Beccaria 8 – 20122 Milano

Tel. 02 36590120 / 122 (uffici) | 02 45388221 (biglietteria)

Email info@teatrogerolamo.it

www.teatrogerolamo.it

Commenti

Post popolari in questo blog

UNA PIATTAFORMA PER PORTARE IN ITALIA OCCASIONI DI STUDIO CON PROFESSIONISTI DA TUTTO IL MONDO

7 marzo workshop di danza con LAYTON WILLIAMS 14 marzo workshop acting through song con JOE VETCH Nasce TAB “The Artist Bridge” un ponte per rendere accessibile la comunicazione tra studenti e artisti italiani con performers e creativi da Broadway e dal West End. Il progetto TAB nasce dall’idea di Giorgio Camandona, (protagonista di musical di successo come Peter Pan il Musical, A Chorus Line, Grease), il regista e performer Mauro Simone (Robin Hood, Grease, performer per Singing In The Rain, Pinocchio il grande musical) Martina Ciabatti Mennell, performer italiana dalla carriera internazionale (We Will Rock You, Trioperas, The Mission) e dal performer inglese Phil Mennell (Aladdin - West End, The Bodyguard, Saturday Night Fever, Newsies) in un periodo in cui la formazione e lo studio delle discipline artistiche e teatrali sono limitati a causa delle restrizioni che impediscono gli spostamenti e quindi lo scambio che spesso è linfa vitale per chi si approccia al m

Teatro Trastevere: Nuovo Progetto Artistico

                                                                                           Associazione Culturale Teatro Trastevere presenta il Nuovo Progetto Artistico   GERMOGLI Esperimenti Teatrali, per artisti e spettatori   COS'E'   È la nostra personale risposta alla riapertura delle strutture teatrali a ridosso della stagione estiva. Un percorso di RICERCA, sia del Teatro Trastevere che degli artisti coinvolti, per riabituare gli spettatori a frequentare gli spazi di condivisione artistica, riabbracciandoci, seppur simbolicamente, attraverso l'arte, portatrice di sana socialità.   MA IN PRATICA   In pratica apriamo il Teatro alle compagnie e ai singoli artisti che, dopo mesi di elaborazione di nuovi contenuti, vogliano finalmente dare viva realtà al proprio progetto. Offriamo 50 ore di RESIDENZA CREATIVA e 2 giorni di restituzione al pubblico non solo in forma di spettacolo, ma anche di semplice studio:  “...Faremo le cose in sicurezza, seguendo i protocolli e metter

MEDAGLIA D'ONORE A LUCIANO SALCE: FU DEPORTATO NEI LAGER NAZISTI

Per anni è gli è stata attribuita l'adesione alla Repubblica di Salò. Luciano Salce non è mai stato un repubblichino. Una battaglia condotta dal figlio Emanuele per portare alla luce la verità che si conclude con una Medaglia D'Onore. Sono state consegnate il 28 gennaio dal prefetto di Roma dott. Matteo Piantedosi, presso la sala “Di Liegro” di Palazzo Valentini, le Medaglie d'Onore ai cittadini italiani, militari e civili, che durante il secondo conflitto mondiale hanno subito la deportazione e l'internamento nei campi nazisti dal 1943 al 1945. Tra questi Luciano Salce il regista, attore e autore scomparso nel 1989 e protagonista di una delle epoche più feconde dello spettacolo italiano. Un riconoscimento di grande valore che rappresenta l'ultimo tassello di una ricerca di verità che si è contrapposta all’informazione disinformata di alcuni settori dell’opinione pubblica che negli ultimi tempi, evitando accuratamente di confrontarsi con fonti e documentazioni evide