Passa ai contenuti principali

WALKING ON THE MOON - OSTIA ANTICA FESTIVAL


OSTIA ANTICA FESTIVAL – IL MITO E IL SOGNO
Sabato 20 luglio – ore 21 – ingresso 15 euro (+d.p.)
In occasione del Cinquantesimo Anniversario dell’allunaggio
Fabio Morgan
presenta
WALKING ON THE MOON

Uno spettacolo della Compagnia del Teatro dell’Orologio
regia di Leonardo Ferrari Carissimi
 con Graziano Piazza, Matteo Cirillo e Anna Favella
e con Susanna Laurenti, Andrea Mastrotto, Benedetta Russo,
Enrico Torzillo, Riccardo Viola, Pietro Virdis

scene e costumi Alessandra Muschella
disegno luci: Martin Emanuel Palma
esperienza multimediale: Oniride s.r.l. 

organizzazione: Gianni Parrella
comunicazione e promozione: E45

testo di Leonardo Ferrari Carissimi e Fabio Morgan

In occasione del cinquantesimo anniversario dell’allunaggio la compagnia del Teatro dell’orologio, all’Ostia antica Festival – Il Mito e il Sogno, presenta il 20 luglio Walking on the moon, uno spettacolo dedicato alla figura dell’astronauta Michael Collins, interpretato da Graziano Piazza.

Lo spettacolo scritto da Fabio Morgan e diretto da Leonardo Ferrari Carissimi è una favola contemporanea a tre personaggi in cui mondo digitale, mondo letterario e mondo dei ricordi s’intrecciano in una sinfonia a 9 attori dal sapore magico, dove si ride, si piange e si sogna. Uno spettacolo dove la tecnologia incontra una narrazione poetica: uno spaccato surreale ma concreto sulla comunicazione odierna, su come la realizzazione dei propri desideri personali, la soddisfazione del proprio io, possa fagocitare l’individuo e la sua umanità. Lo spettacolo è patrocinato dall’Istituto Nazionale di Astrofisica.

Walking on the moon è una favola a tre personaggi: Elia, un giovane startupper digitale timido ed impreparato al mondo, Alice, una studentessa fuori dal mondo appassionata di poemi cavallereschi, e Michael Collins, astronauta della mitica missione Apollo 11, ormai invecchiato, personaggio bizzarro e polemico, figura di rottura tra il mondo del presente e il mondo del passato. Mondo digitale, mondo letterario e mondo dei ricordi s’intrecciano in una sinfonia a 9 attori dal sapore magico dove si ride, si piange e si sogna.

Uno spettacolo dove la tecnologia incontra una narrazione poetica: uno spaccato surreale ma concreto sulla comunicazione odierna, su come la realizzazione dei propri desideri personali, la soddisfazione del proprio io, possa fagocitare l’individuo e la sua umanità.


NOTE DI REGIA Leonardo Ferrari Carissimi

Walking on the moon parla di sogni.
I sogni, personali o collettivi, della storia dell’uomo sono soggetti ad un insieme innumerevole di fattori (storici, culturali, economici) che li rende tanto differenti tra loro che il sogno di un uomo del 1016 potrebbe facilmente corrispondere ad un incubo di un uomo del 2016. Al di là di di ciò però esistono dei topoi nell’universo onirico umano, delle costanti che uniscono non solo comunità, culture e religioni differenti (spazio) ma anche epoche storiche molto distanti tra loro (tempo). Una di queste costanti è la Luna. Per lungo tempo soggetto popolare di aspirazioni personali e viaggi immaginari della letteratura mondiale fino a diventare un chiodo fisso della rivoluzione scientifica occidentale, la luna è stata esplorata dall’uomo il 20 luglio del 1969, data che segna l’apice di una gara spaziale de- cennale ispirata dalla guerra fredda tra l’URSS e gli Stati Uniti. Da questo punto di vista l’allunaggio dell’Apollo 11 segna la realizzazione di un sogno collettivo e, di conseguenza, la fine, perché una delle componenti di più forte fascinazione del sogno è la sua irrealizzabilità.

Walking on the moon parla di solitudine.
Lo spettacolo racconta la solitudine cosmica provata da Michael Collins durante l’allunaggio del 1969. Mentre Armstrong ed Aldrin passavano alla storia per essere stati i primi due uomini a calpestare la superficie lunare, Collins, in attesa del loro rientro, orbitò per 3 ore intorno alla luna e per mezz’ora perse ogni contatto radio con la terra. Fu l’uomo più solo dell’universo. Alla solitudine si aggiungeva il dramma esistenziale di essere arrivato vicino alla realizzazione del proprio sogno ma, per il compito a cui era chiamato, impossibilitato a realizzarlo.

Walking on the moon parla di tecnologia.
Gli spettatori avranno la possibilità di vivere individualmente l’esperienza del walking-out in prima persona. Attraverso un applicativo appositamente sviluppato, chiunque sia dotato di uno smartphone e dei cardboard box (da noi forniti) potrà vivere un’esperienza immersiva a 360° avendo la sensazione di camminare sulla luna. Nel corso del tour europeo di residenze creative dello spettacolo ho sempre chiesto agli spettatori: la tecnologia è davvero una possibilità concreta di realizzazione dei nostri sogni? Walking on the moon pone costantemente questa domanda e lascia la risposta a tutti i suoi spettatori.
---------------------------------
 Produzione Progetto Goldstein
in co-produzione con CapoTrave / Kilowatt
nell’ambito del progetto europeo Be SpectACTive! – CapoTrave/Kilowatt Sansepolcro (IT), 
Bakelit Multi Art Center Budapest (HU), B-51 Ljubljana (SI), Domino Zagreb (HR), LIFT London (UK), Tanec Praha (CZ),
Teatrul National Radu Stanca Sibiu (RO), York Theatre Royal (UK)

Uno spettacolo patrocinato dall’Istituto Nazionale di Astrofisica


TEATRO ROMANO / OSTIA ANTICA FESTIVAL 2019 - "IL MITO E IL SOGNO - IVa EDIZIONE"
PARCO ARCHEOLOGICO - VIALE DEI ROMAGNOLI 717 - 00119 - OSTIA ANTICA - ROMA
Biglietti su Ticketone.it e rivendite autorizzate

Commenti

Post popolari in questo blog

Torna a Milano la Baltic Sea Youth Philharmonic

Torna a Milano la Baltic Sea Youth Philharmonic, l'orchestra che unisce le diverse tradizioni musicali dei paesi che circondano il Mar Baltico, nella convinzione che la musica non conosca né confini né limiti, sia di natura geografica che di genere. Il tour, realizzato grazie al sostegno di Saipem, debutterà il 10 settembre a Heiden, in Germania, e toccherà, in dieci giorni, nove differenti città in Svizzera, Italia, Danimarca e Polonia. In Italia la Baltic Sea Youth Philharmonic sarà a Milano il 14 settembre nel suggestivo contesto della Basilica di Santa Maria delle Grazie, ospite dell’Associazione Musicale ArteViva, e a Verona il 15 settembre al Teatro Filarmonico per il festival “Settembre dell’Accademia” dove si esibirà per il secondo anno consecutivo. Il pubblico milanese avrà il piacere di applaudire i giovani artisti della Baltic Sea Youth Philharmonic per la quarta volta. L’orchestra, fondata nel 2008 da Kristjan Järvi (affiancato da un prestigioso consiglio di consulent

Rugantino - dal 10 marzo al Sistina!

  Per la gioia del pubblico rivive una pagina indimenticabile della lunga e gloriosa storia del Teatro Sistina: dopo lo stop forzato dovuto alla pandemia, dal prossimo giovedì 10, e fino al 27 marzo, sarà di nuovo in scena, con la supervisione di Massimo Romeo Piparo, la maschera amara e dissacrante di "Rugantino" dei mitici Garinei & Giovannini. Lo spettacolo, che fonde mirabilmente tradizione e modernità, viene presentato nella sua versione storica originale, con la regia di Pietro Garinei, le splendide musiche del M° Armando Trovajoli, le preziose scene e i bellissimi costumi originali firmati da Giulio Coltellacci: un imperdibile ritorno alle radici e un'occasione per riscoprire un classico del teatro musicale italiano. Sul palco, la splendida Serena Autieri, ancora una volta straordinaria interprete dell'intrigante personaggio di Rosetta, donna bella altera e irraggiungibile, che fa battere il cuore di Rugantino, un ruolo in cui l’attrice napoletana dà prova

Torna in scena "The Boys in the band". Gabrio Gentilini sarà ancora Donald.

Gabrio Gentilini sarà in scena sabato 26 marzo al Teatro Nuovo di San Marino con lo spettacolo “The Boys in the Band”, di cui è co-protagonista dalla prima messa in scena italiana del 2019. Nella piece, proposta al pubblico italiano grazie alla traduzione e all’adattamento di Costantino della Gherardesca, che la produce accanto a Giorgio Bozzo, il regista, Gabrio ricopre il ruolo di Donald, un ragazzo di 28 anni, americano e gay, che con la sua presenza a una festa di compleanno tra amici omosessuali in un appartamento di New York a fine anni '60, creerà varie dinamiche all’interno del gruppo, in un crescendo di colpi di scena, tensione, umorismo feroce e riflessioni profonde. Gabrio ha nel suo curriculum esperienze molto importanti nel teatro di prosa e musicale oltre che ruoli in produzioni cinematografiche e televisive nazionali. “Sono veramente contento di portare questo spettacolo nella mia Romagna. Ne amo il testo, così come la sintonia che si crea con i mie colleghi ogni vol