Passa ai contenuti principali

"Viva la Vida" all'Estate Sforzesca - artista ospite Ambra Angiolini

Foto Giuliano Grittini
Prosegue il viaggio del CETEC con Frida Kahlo arricchendosi di nuovi incontri.
Ambra Angiolini sarà l’artista ospite della magica tappa artistica e teatrale di venerdì 28 giugno per l’Estate Sforzesca. L’attrice sta compiendo da tempo una propria ricerca sull’artista messicana. La regista e direttrice artistica Donatella Massimilla spiega: «il lavoro autoriale delle attrici Fride detenute, conosciuto attraverso il racconto di un amico comune, Diego Sileo (curatore della mostra allestita al MUDEC “Frida. Oltre il mito”), ha emozionato Ambra ed è bastato un attimo perché si sentisse coinvolta, decidendo di esserci e condividere con noi la performance al Castello.

Insieme a lei ci vengono a trovare anche Elodie Lebigre della Compagnia del Carnevale di Viareggio (cantante e ideatrice con la sua famiglia del Carro ispirato alla pittrice messicana) e la Frida principale del carro di Viareggio “Adelante”, Sonia Cortopassi, che si muoverà danzando nella performance delle attrici detenute. Gilberta Crispino, attrice e cantante storica del CETEC, farà rivivere la voce di Chavela Vargas, cantante messicana originaria della Costa Rica tanto amata dalla pittrice».


Sul palco Ambra Angiolini, Gilberta Crispino e la stessa Massimilla daranno corpo a pagine dal Diario di Frida e voce a canzoni e poesie dedicate a Frida dalle detenute che ancora non hanno il permesso di uscire dal carcere. Insieme alle artiste, troveremo in scena oltre 16 persone, pronte a incarnare coppie di Fride, ammantate nei foulard scenografici del fotografo e artista Giuliano Grittini. Tocca a loro narrare le proprie pagine di diario dedicate a Frida, coinvolgendo parte del pubblico a partecipare alla performance. Il tutto in un’ottica di inclusione e abbattimento della quarta parete. Le Fride declameranno nelle loro lingue d’origine versi e dediche alla pittrice messicana, accompagnate dalla traduzione anche in LIS grazie al supporto del Pio Istituto dei Sordi.

“VIVA LA VIDA” in viaggio con FRIDA KAHLO vuole essere un nuovo e prezioso momento artistico e di incontro con la città, rinnovando l’inno alla vita e alla re-esistenza culturale del CETEC che festeggia nel 2019 trent’anni di attività artistica.

Per l’occasione una vera e propria chicca: a partire dalle 19 trucco a tema Frida con la make up artist Tania Sartini. Sarà presente anche lo stand coi lavori artistici dedicati a Frida Kahlo di Giuliano e Linda Grittini, i cui proventi andranno a sostegno dei laboratori teatrali tenuti dal CETEC.

Alla serata del 28 giugno presenzierà il direttore del carcere di San Vittore, il dott. Giacinto Siciliano. Si ringraziano per la collaborazione la Direzione e il personale del carcere di San Vittore e del carcere di Bollate e la Magistratura di Sorveglianza.

Un invito ai partecipanti: postate immagini e video della serata con #vivalavidafrida #estatesforzesca così da condividere ulteriormente quest’esperienza.
-----------------------------

“VIVA LA VIDA” in viaggio con FRIDA KAHLO Performance teatrale tributo a Frida Kahlo

diretta da Donatella Massimilla

con le attrici detenute ed ex detenute: Barbara Comisso, Jackson Do Leite, Mariangela Ginetti, Andrea Honsbourg, Ivna La Mart, Dalia Nieves, Betsy Subirana

Artista ospite: Ambra Angiolini

Cantante: Elodie Lebigre

Chavela Vargas/Tina Modotti: Gilberta Crispino

Frida che danza: Sonia Cortopassi

In video: Olga Vinyais Martori

Musiche dal vivo: Gianpietro Marazza e Paola D’Alessandro

Foulard scenografici d’arte: Giuliano e Linda Grittini

Make up artist: Tania Sartini

Elementi di costume: Susan Marshall

Interprete LIS: Mita Graziano

Collaborazione: Gaia Fossati, Vlad Scolari


Evento inserito nel programma di Milano Pride

Per informazioni: organizzazionecetecedge@gmail.com

Commenti

Post popolari in questo blog

Torna a Milano la Baltic Sea Youth Philharmonic

Torna a Milano la Baltic Sea Youth Philharmonic, l'orchestra che unisce le diverse tradizioni musicali dei paesi che circondano il Mar Baltico, nella convinzione che la musica non conosca né confini né limiti, sia di natura geografica che di genere. Il tour, realizzato grazie al sostegno di Saipem, debutterà il 10 settembre a Heiden, in Germania, e toccherà, in dieci giorni, nove differenti città in Svizzera, Italia, Danimarca e Polonia. In Italia la Baltic Sea Youth Philharmonic sarà a Milano il 14 settembre nel suggestivo contesto della Basilica di Santa Maria delle Grazie, ospite dell’Associazione Musicale ArteViva, e a Verona il 15 settembre al Teatro Filarmonico per il festival “Settembre dell’Accademia” dove si esibirà per il secondo anno consecutivo. Il pubblico milanese avrà il piacere di applaudire i giovani artisti della Baltic Sea Youth Philharmonic per la quarta volta. L’orchestra, fondata nel 2008 da Kristjan Järvi (affiancato da un prestigioso consiglio di consulent

Rugantino - dal 10 marzo al Sistina!

  Per la gioia del pubblico rivive una pagina indimenticabile della lunga e gloriosa storia del Teatro Sistina: dopo lo stop forzato dovuto alla pandemia, dal prossimo giovedì 10, e fino al 27 marzo, sarà di nuovo in scena, con la supervisione di Massimo Romeo Piparo, la maschera amara e dissacrante di "Rugantino" dei mitici Garinei & Giovannini. Lo spettacolo, che fonde mirabilmente tradizione e modernità, viene presentato nella sua versione storica originale, con la regia di Pietro Garinei, le splendide musiche del M° Armando Trovajoli, le preziose scene e i bellissimi costumi originali firmati da Giulio Coltellacci: un imperdibile ritorno alle radici e un'occasione per riscoprire un classico del teatro musicale italiano. Sul palco, la splendida Serena Autieri, ancora una volta straordinaria interprete dell'intrigante personaggio di Rosetta, donna bella altera e irraggiungibile, che fa battere il cuore di Rugantino, un ruolo in cui l’attrice napoletana dà prova

Torna in scena "The Boys in the band". Gabrio Gentilini sarà ancora Donald.

Gabrio Gentilini sarà in scena sabato 26 marzo al Teatro Nuovo di San Marino con lo spettacolo “The Boys in the Band”, di cui è co-protagonista dalla prima messa in scena italiana del 2019. Nella piece, proposta al pubblico italiano grazie alla traduzione e all’adattamento di Costantino della Gherardesca, che la produce accanto a Giorgio Bozzo, il regista, Gabrio ricopre il ruolo di Donald, un ragazzo di 28 anni, americano e gay, che con la sua presenza a una festa di compleanno tra amici omosessuali in un appartamento di New York a fine anni '60, creerà varie dinamiche all’interno del gruppo, in un crescendo di colpi di scena, tensione, umorismo feroce e riflessioni profonde. Gabrio ha nel suo curriculum esperienze molto importanti nel teatro di prosa e musicale oltre che ruoli in produzioni cinematografiche e televisive nazionali. “Sono veramente contento di portare questo spettacolo nella mia Romagna. Ne amo il testo, così come la sintonia che si crea con i mie colleghi ogni vol