Passa ai contenuti principali

In primo piano

Trani Teatro Clown. L'Intervista al direttore artistico Santo Nicito.

  E' stata una prima edizione di grande successo quella del Trani Teatro Clown Festival Internazionale che dal 6 all'11 luglio ha rallegrato la città di Trani con spettacoli, incontri, laboratori e workshop tutti incentrati sulla figura del Clown. Tantissimi i partecipanti per un'edizione che ha rappresentato solo l'inizio di una nuova avventura che continuerà anche d'inverno nella bellissima città pugliese. Abbiamo intervistato Santo Nicito direttore artistico della Rassegna.       E' terminato da poco il Trani Teatro Clown qual è il bilancio di questa esperienza? Assolutamente positiva! I numeri sono dalla nostra parte, questo dimostra che l’offerta messa in campo ha   suscitato curiosità e interesse. Questa prima edizione del Trani Teatro Clown Festival Internazionale è stata la realizzazione di un sogno. Un vero miracolo! Abbiamo gettato le basi per quello che già da settembre, per la seconda edizione, speriamo e vogliamo sia un progetto molto più

SMISURATA PREGHIERA e un ridere rauco, ricordi tanti e nemmeno un rimpianto


ESTATE SFORZESCA 2019

Lunedì 8 luglio 2019 h 21.15
SMISURATA PREGHIERA
e un ridere rauco, ricordi tanti e nemmeno un rimpianto
Omaggio a Fabrizio De Andrè
di e con Stefano Orlandi
chitarra Massimo Betti / fisarmonica Giulia Bertasi / percussioni Giulio Bortolato /
contrabbasso Stefano Fascioli / fiati classici ed etnici Ermanno Librasi /
arrangiamenti originali di Massimo Betti e Dario Bortolato
produzione ATIR Teatro Ringhiera


Lo spettacolo è un viaggio attraverso l’opera di Fabrizio De André, e di conseguenza un viaggio attraverso i temi a lui cari: gli ultimi, i diseredati, la guerra, la libertà, la giustizia sociale, il potere, la morte, l’amore, la terra... In una sola parola: l’uomo.

Tra le canzoni rimbalzano qua e là, come un’eco, le parole di poeti, scrittori, commediografi che per assonanza ne allargano lo sguardo come a renderlo - se possibile - ancora più universale: Baudelaire, Caproni, Rostand, Saba, Romana, Jammes...

La scelta del titolo, ripreso da una canzone dall’album “Anime salve”, nasce da una osservazione semplice e singolare, e cioè che sia la prima canzone del primo album (“Preghiera in gennaio”) sia l’ultima canzone dell’ultimo album (“Smisurata preghiera”) sono invocazioni a Dio. É curioso constatare che il percorso artistico di un ateo, anticlericale e anarchico si apra e si chiuda con una preghiera. Ma, ripercorrendo tutta l’opera, è evidente e lampante la forte spiritualità che ha segnato l’artista, una spiritualità laica di chi crede fortemente nell’uomo e nel suo desiderio di giustizia, un uomo legato alla terra ma con lo sguardo e il cuore bramoso di infinito.



DURATA 75 minuti
PREZZO biglietto intero 10,00€ + 1,00€ prevendita
ACQUISTO ONLINE https://www.vivaticket.it
INFO tel. 02 87390039 – info@atirteatroringhiera.itwww.atirteatroringhiera.it



Evento all'interno del programma Estate Sforzesca 2019

Commenti