Passa ai contenuti principali

SOLEDONNE - Sei atti unici, scritti e diretti da Fabrizio Ansaldo


SOLEDONNE
Sei atti unici, scritti e diretti da Fabrizio Ansaldo
Con Annachiara Mantovani, Alessia Fabiani,
Diana Forlani e Cristina Frioni

TEATRO LE SALETTE
Dal 23 al 26 Maggio 2019

Dal 23 al 26 maggio al Teatro Le Salette di Roma sarà in scena SoleDonne, sei atti unici scritti e diretti da Fabrizio Ansaldo, che vedono protagoniste Annachiara Mantovani, Alessia Fabiani, Diana Forlani e Cristina Frioni.

Amanda, Il cerbiatto o la vendetta del Demone, Ricordati, La voliera, Il biglietto e Mascia Reese - la signora degli scarafaggi: questi i titoli dei sei racconti che verranno messi in scena.

Amanda è stato Premio Fersen nel 2007. Nella memoria di una donna il racconto della sua vita avventurosa costellata di delitti contro chi provava per lei sentimenti umani.

Il cerbiatto o la vendetta del Demone dove una donna ricca e smaniosa racconta alla sua sarta l’incontro con un giovane conosciuto al mercato.

In Ricordati due donne delle pulizie riordinano la camera di un albergo dove la sera prima è morto un uomo.

Ne La voliera, premiato nel 2005 alla rassegna del Teatro Integrato Internazionale di Roma, racconta la storia di una donna che minaccia di gettarsi dalla terrazza di un attico per protestare contro il ritorno in vita di un personaggio di una fiction televisiva.

Ne Il Biglietto, che nasce da un’idea di Cristiania Gaggioli, una donna irrompe in un teatro per cercare l’autore di un anonimo biglietto d’amore.

Infine, in Mascia Reese - La signora degli scarafaggi, liberamente ispirato al racconto “The roaches” di Thomas M. Disch, racconta una città in fermento per i moti di protesta giovanili, il raduno musicale di Woodstock e la guerra del Vietnam. Siamo nel 1969 e una giovane donna americana si trasferisce a New York per cercare lavoro.

Donne che raccontano storie di donne ai limiti, che hanno commesso crimini, veri o presunti, ma che raccontano anche emozioni, affetti, sentimenti e limiti umani.

Note di regia

Amanda, Cloe, Marta, Mascia, e le altre.

Amanda uccide chiunque nutra per lei sentimenti terreni. Cloe si vendica di un giovane conosciuto al mercato che si rifiuta di baciarla. Due donne delle pulizie si affrontano nella camera di un albergo, dove un uomo è morto d’infarto. Marta, indignata per la risurrezione di un personaggio di una fiction, minaccia di gettarsi dalla terrazza di un attico. Una donna irrompe in un teatro nella disperata ricerca dell’autore di un anonimo biglietto d’amore. Mascia, nella New York degli anni sessanta, lotta contro gli scarafaggi che le hanno invaso la casa.

Queste donne hanno commesso crimini veri o presunti.

L’immaginazione, la vendetta, i sensi di colpa, il tradimento, il potere, la vanità, il risentimento, l’America, la follia, sono i temi che caratterizzano questi personaggi. Elementi chiave per comprendere queste donne senza uomini e senza figli.

SoleDonne è il canto, il soliloquio, di donne ai limiti. È dove non vorremmo trovarci o essere.

Ma è dove invece ci troviamo e di cui siamo fatti: emozioni, sentimenti e amore assoluto.


Fabrizio Ansaldo
---------------------
SOLE DONNE

Sei atti unici, scritti e diretti da Fabrizio Ansaldo

Con Annachiara Mantovani, Alessia Fabiani, Diana Forlani e Cristina Frioni

Luci: Daniele Di Nezza

Realizzazione grafica: Antonella Segreto

Ufficio stampa: Rocchina Ceglia



Dal 23 al 26 Maggio 2019

Giovedì - Venerdì – Sabato 25 ore 21:00

Domenica ore 18:00

TEATRO LE SALETTE

Vicolo del Campanile, 14 Roma –

Info e prenotazioni: 06 83961836

Biglietti:

Intero Euro 14+2 tessera

Ridotto Euro 10 + 2 tessera

Commenti

Post popolari in questo blog

Torna a Milano la Baltic Sea Youth Philharmonic

Torna a Milano la Baltic Sea Youth Philharmonic, l'orchestra che unisce le diverse tradizioni musicali dei paesi che circondano il Mar Baltico, nella convinzione che la musica non conosca né confini né limiti, sia di natura geografica che di genere. Il tour, realizzato grazie al sostegno di Saipem, debutterà il 10 settembre a Heiden, in Germania, e toccherà, in dieci giorni, nove differenti città in Svizzera, Italia, Danimarca e Polonia. In Italia la Baltic Sea Youth Philharmonic sarà a Milano il 14 settembre nel suggestivo contesto della Basilica di Santa Maria delle Grazie, ospite dell’Associazione Musicale ArteViva, e a Verona il 15 settembre al Teatro Filarmonico per il festival “Settembre dell’Accademia” dove si esibirà per il secondo anno consecutivo. Il pubblico milanese avrà il piacere di applaudire i giovani artisti della Baltic Sea Youth Philharmonic per la quarta volta. L’orchestra, fondata nel 2008 da Kristjan Järvi (affiancato da un prestigioso consiglio di consulent

Rugantino - dal 10 marzo al Sistina!

  Per la gioia del pubblico rivive una pagina indimenticabile della lunga e gloriosa storia del Teatro Sistina: dopo lo stop forzato dovuto alla pandemia, dal prossimo giovedì 10, e fino al 27 marzo, sarà di nuovo in scena, con la supervisione di Massimo Romeo Piparo, la maschera amara e dissacrante di "Rugantino" dei mitici Garinei & Giovannini. Lo spettacolo, che fonde mirabilmente tradizione e modernità, viene presentato nella sua versione storica originale, con la regia di Pietro Garinei, le splendide musiche del M° Armando Trovajoli, le preziose scene e i bellissimi costumi originali firmati da Giulio Coltellacci: un imperdibile ritorno alle radici e un'occasione per riscoprire un classico del teatro musicale italiano. Sul palco, la splendida Serena Autieri, ancora una volta straordinaria interprete dell'intrigante personaggio di Rosetta, donna bella altera e irraggiungibile, che fa battere il cuore di Rugantino, un ruolo in cui l’attrice napoletana dà prova

Torna in scena "The Boys in the band". Gabrio Gentilini sarà ancora Donald.

Gabrio Gentilini sarà in scena sabato 26 marzo al Teatro Nuovo di San Marino con lo spettacolo “The Boys in the Band”, di cui è co-protagonista dalla prima messa in scena italiana del 2019. Nella piece, proposta al pubblico italiano grazie alla traduzione e all’adattamento di Costantino della Gherardesca, che la produce accanto a Giorgio Bozzo, il regista, Gabrio ricopre il ruolo di Donald, un ragazzo di 28 anni, americano e gay, che con la sua presenza a una festa di compleanno tra amici omosessuali in un appartamento di New York a fine anni '60, creerà varie dinamiche all’interno del gruppo, in un crescendo di colpi di scena, tensione, umorismo feroce e riflessioni profonde. Gabrio ha nel suo curriculum esperienze molto importanti nel teatro di prosa e musicale oltre che ruoli in produzioni cinematografiche e televisive nazionali. “Sono veramente contento di portare questo spettacolo nella mia Romagna. Ne amo il testo, così come la sintonia che si crea con i mie colleghi ogni vol