Passa ai contenuti principali

Max Pezzali, volto della nuova campagna di GSD Foundation




Il tuo 5X1000 va dritto al cuore”
la nuova campagna di GSD Foundation
a sostegno della ricerca sulle malattie cardiovascolari
per prevenire la malattia, migliorare la cura, preservare la vita
testimonial
Max Pezzali

Ancora oggi le malattie cardiovascolari rappresentano la prima causa di morte al mondo, con circa 17 milioni di decessi ogni anno. Anche in Italia le malattie cardiovascolari occupano i primi tre posti delle cause di morte.

GSD Foundation, l’organizzazione no profit del Gruppo Ospedaliero San Donato, da oltre 20 anni sostiene progetti di ricerca scientifica nel campo delle scienze biomediche, in particolare sulle malattie cardiovascolari. Perché è grazie ai progressi della ricerca e alle campagne di sensibilizzazione che si sono ottenuti risultati positivi nella lotta contro queste patologie, ma la strada è ancora lunga e i traguardi da raggiungere sono tanti.

Per sostenere la ricerca, fra le varie iniziative, ogni anno GSD Foundation promuove la campagna del 5X1000 che quest’anno ha come testimonial il cantautore Max Pezzali che ha accolto l’invito della Fondazione perché crede nell’importanza della ricerca scientifica e nella necessità di diffondere una cultura di prevenzione ai cittadini e che dichiara:

Il Gruppo San Donato è da sempre all’avanguardia nella ricerca e nella prevenzione delle malattie cardiovascolari, tra i peggiori killer che un essere umano possa incontrare sulla propria strada. Ho scelto di contribuire con il mio 5X1000, perché il futuro e le aspettative di vita dei nostri figli possiamo costruirli adesso anche grazie all'impegno della Fondazione del Gruppo San Donato.

Grazie alla donazione del 5x1000 il Gruppo San Donato porta avanti progetti per prevenire la malattia, migliorare la cura e preservare la vita, attraverso l’informazione, la sensibilizzazione ed educazione che limitano i fattori di rischio; soluzioni terapeutiche sempre più precise e personalizzate; riduzione della complicanze per migliorare la qualità e l’aspettativa di vita futura.

Uno dei progetti di eccellenza sostenuti con il 5X1000 è il Laboratorio di Simulazione Computazionale in 3D presso l’IRCCS Policlinico San Donato.

Tecnologie di precisione ingegneristica, sviluppate con la collaborazione del Politecnico di Milano e dell’Università degli Studi di Pavia, che applicate alle specialità mediche permettono di:


Sviluppare modelli matematici che analizzano l’evoluzione delle malattie dell’aorta;


Creare dei modelli 3D del cuore che ne rispecchiano fedelmente l’anatomia;


Conoscere con estrema precisione la conformazione di ogni cuore per trattare le cardiopatie congenite più complesse, sin dai primi giorni di vita di un bambino;


Simulare l’andamento di interventi di cardiochirurgia e cardiologia interventistica e predire i risultati sui singoli pazienti prima dell’ingresso in sala operatoria.

Max Pezzali ha potuto conoscere direttamente le straordinarie potenzialità di questo approccio ingegneristico alla medicina e ha visitato personalmente il reparto di cardiologia e cardiochirurgia pediatrica e quello di cardiochirurgia adulti del Policlinico San Donato, incontrando medici, ricercatori, pazienti e toccando con mano il grande lavoro che viene sostenuto grazie al contributo del 5X1000.

L’IRCCS Policlinico San Donato, è riconosciuto a livello nazionale e internazionale come centro di eccellenza specializzato nello studio e nel trattamento delle malattie cardiovascolari, congenite e acquisite. Una specializzazione testimoniata dagli oltre 50.000 interventi cardiochirurgici, 25.000 interventi di chirurgia vascolare e 60.000 studi e trattamenti emodinamici, realizzati dal 1988.

Donare è semplice e non costa niente: il 5×1000 è una quota delle tasse (IRPEF) che i contribuenti possono destinare a sostegno di una causa importante e che, in alternativa, verrebbe comunque trattenuta dallo Stato.

Basta una firma e l’inserimento del codice fiscale 01646320182 nel riquadro Finanziamento della ricerca scientifica e della università sul modulo della dichiarazione dei redditi (Certificazione Unica, 730, Unico) per permettere a GSD Foundation, l’eccellenza nella ricerca sul cuore, di progredire.

Commenti

Post popolari in questo blog

Torna a Milano la Baltic Sea Youth Philharmonic

Torna a Milano la Baltic Sea Youth Philharmonic, l'orchestra che unisce le diverse tradizioni musicali dei paesi che circondano il Mar Baltico, nella convinzione che la musica non conosca né confini né limiti, sia di natura geografica che di genere. Il tour, realizzato grazie al sostegno di Saipem, debutterà il 10 settembre a Heiden, in Germania, e toccherà, in dieci giorni, nove differenti città in Svizzera, Italia, Danimarca e Polonia. In Italia la Baltic Sea Youth Philharmonic sarà a Milano il 14 settembre nel suggestivo contesto della Basilica di Santa Maria delle Grazie, ospite dell’Associazione Musicale ArteViva, e a Verona il 15 settembre al Teatro Filarmonico per il festival “Settembre dell’Accademia” dove si esibirà per il secondo anno consecutivo. Il pubblico milanese avrà il piacere di applaudire i giovani artisti della Baltic Sea Youth Philharmonic per la quarta volta. L’orchestra, fondata nel 2008 da Kristjan Järvi (affiancato da un prestigioso consiglio di consulent

Rugantino - dal 10 marzo al Sistina!

  Per la gioia del pubblico rivive una pagina indimenticabile della lunga e gloriosa storia del Teatro Sistina: dopo lo stop forzato dovuto alla pandemia, dal prossimo giovedì 10, e fino al 27 marzo, sarà di nuovo in scena, con la supervisione di Massimo Romeo Piparo, la maschera amara e dissacrante di "Rugantino" dei mitici Garinei & Giovannini. Lo spettacolo, che fonde mirabilmente tradizione e modernità, viene presentato nella sua versione storica originale, con la regia di Pietro Garinei, le splendide musiche del M° Armando Trovajoli, le preziose scene e i bellissimi costumi originali firmati da Giulio Coltellacci: un imperdibile ritorno alle radici e un'occasione per riscoprire un classico del teatro musicale italiano. Sul palco, la splendida Serena Autieri, ancora una volta straordinaria interprete dell'intrigante personaggio di Rosetta, donna bella altera e irraggiungibile, che fa battere il cuore di Rugantino, un ruolo in cui l’attrice napoletana dà prova

Torna in scena "The Boys in the band". Gabrio Gentilini sarà ancora Donald.

Gabrio Gentilini sarà in scena sabato 26 marzo al Teatro Nuovo di San Marino con lo spettacolo “The Boys in the Band”, di cui è co-protagonista dalla prima messa in scena italiana del 2019. Nella piece, proposta al pubblico italiano grazie alla traduzione e all’adattamento di Costantino della Gherardesca, che la produce accanto a Giorgio Bozzo, il regista, Gabrio ricopre il ruolo di Donald, un ragazzo di 28 anni, americano e gay, che con la sua presenza a una festa di compleanno tra amici omosessuali in un appartamento di New York a fine anni '60, creerà varie dinamiche all’interno del gruppo, in un crescendo di colpi di scena, tensione, umorismo feroce e riflessioni profonde. Gabrio ha nel suo curriculum esperienze molto importanti nel teatro di prosa e musicale oltre che ruoli in produzioni cinematografiche e televisive nazionali. “Sono veramente contento di portare questo spettacolo nella mia Romagna. Ne amo il testo, così come la sintonia che si crea con i mie colleghi ogni vol