Passa ai contenuti principali

IL MISTERO DEL DELITTO DI COGNE - SONO INNOCENTE.


Festival del Teatro Forense 2018 2019 VI edizione
giovedì 16 maggio
L'associazione culturale centrarte mediterranea e Teatro '91
presentano
Le Toghe in Giallo
in Teatro in chiesta
IL MISTERO DEL DELITTO DI COGNE
SONO INNOCENTE
a cura di Luigi Di Majo
con
Beatrice Palme, Elisabetta Magrini, Luigi Di Majo,
Antonio Buttazzo, Ferdinando Abbate
regia
Luigi Di Majo



Andrà in scena, giovedì 16 maggio, al Teatro Golden di Roma "Il mistero del delitto di Cogne. Sono innocente" a cura dell'avvocato Luigi Di Majo, spettacolo che fa parte del Festival del Teatro Forense giunto, quest'anno, alla VI edizione ideato e diretto dall'avvocato Vincenzo Sinopoli.

Il delitto di Cogne è sicuramente il più "famoso" crimine degli ultimi vent'anni verificatosi nel nostro paese. Un infanticidio misterioso che si consumò nella splendida località valdostana, secondo le sentenze, da parte di Annamaria Franzoni e che ha tenuto per anni l'opinione pubblica incollata a TV, riviste e giornali avendo avuto una risonanza mediatica senza pari ancora oggi. Lo spettacolo a cura di Luigi di Majo vuole essere prima di tutto una riflessione generale su un gesto, tanto crudele e tanto incomprensibile ai più, compiuto il più delle volte, da parte di donne e madri affette da gravi disturbi psicologici.

“Il delitto di Cogne” evidenzia, infatti, al di là di quello che può essere veramente accaduto, il sofferto disagio esistenziale di Anna Maria Franzoni, nell’ambito del pur tranquillo, amorevole e agiato contesto familiare, destinata a divenire forse vittima di una solitudine fisica e psichica tale da subire una seria forma depressiva, dagli sviluppi drammatici, mai con certezza chiariti.

La vicenda, infatti, anche se risolta definitivamente in sede processuale, in seguito a contrastanti pronunce di Giudici (Tribunale del riesame), è rimasta comunque avvolta nel mistero.

La verità delle aule di Giustizia, frutto della ricostruzione degli uomini, con tutte le loro virtù, difetti e pregiudizi, molto spesso non coincide con la verità naturale. L’errore giudiziario è sempre più incombente.

Lo spettacolo si apre con la ballata di Bertold Brecht riguardo un inquietante infanticidio per poi proseguire illustrando quali sono ancora oggi, nonostante la condanna definitiva della donna, i misteri, i dubbi e le incongruenze che avvolgono questo delitto. Tanti sono infatti i punti oscuri dell'omicidio del piccolo Samuele: dalla sempre invocata innocenza da parte della signora Franzoni, dall'arma del delitto mai ritrovata, ai tempi e gli orari in cui si sarebbe svolto il dramma.

In sintonia col tema del dramma di Cogne sarà recitato un brano di Luigi Pirandello.

Sul palcoscenico oltre a Luigi Di Majo, saranno in scena Beatrice Palme, Elisabetta Magrini, Antonio Buttazzo, Ferdinando Abbate.


FESTIVAL DEL TEATRO FORENSE

Avvocati e magistrati sono i protagonisti sul palcoscenico del Teatro Golden, degli spettacoli che saranno rappresentati all’interno del Festival del Teatro Forense, giunto alla sua VI edizione, ideato ed organizzato da Vincenzo Sinopoli. Il Festival gode del patrocinio dell'Ordine degli avvocati di Roma e dell'Associazione Nazionale Magistrati.

Sul palco artisti particolari che ogni giorno amministrano la giustizia nelle aule dei tribunali e che in

questa occasione la rappresentano negli spettacoli che affrontano temi e storie legati alla giustizia. Lo spettatore si troverà proiettato all’interno di un processo dove parole, gesti, cavilli sono gli stessi di quelli che si celebrano nella realtà. La particolare disposizione del teatro su tre lati consente a tutti gli spettatori di essere parte integrante della rappresentazione, finendo per essere i veri giudici del processo.
----------------------------------------------------------

SPETTACOLO ore 21.00 BIGLIETTO euro 10.00

TEATRO GOLDEN

Via Taranto, 36 00182 ROMA

www.teatrogolden.it

info@teatrogolden.it

Tel. 06.70.49.38.26

Commenti

Post popolari in questo blog

Torna a Milano la Baltic Sea Youth Philharmonic

Torna a Milano la Baltic Sea Youth Philharmonic, l'orchestra che unisce le diverse tradizioni musicali dei paesi che circondano il Mar Baltico, nella convinzione che la musica non conosca né confini né limiti, sia di natura geografica che di genere. Il tour, realizzato grazie al sostegno di Saipem, debutterà il 10 settembre a Heiden, in Germania, e toccherà, in dieci giorni, nove differenti città in Svizzera, Italia, Danimarca e Polonia. In Italia la Baltic Sea Youth Philharmonic sarà a Milano il 14 settembre nel suggestivo contesto della Basilica di Santa Maria delle Grazie, ospite dell’Associazione Musicale ArteViva, e a Verona il 15 settembre al Teatro Filarmonico per il festival “Settembre dell’Accademia” dove si esibirà per il secondo anno consecutivo. Il pubblico milanese avrà il piacere di applaudire i giovani artisti della Baltic Sea Youth Philharmonic per la quarta volta. L’orchestra, fondata nel 2008 da Kristjan Järvi (affiancato da un prestigioso consiglio di consulent

Rugantino - dal 10 marzo al Sistina!

  Per la gioia del pubblico rivive una pagina indimenticabile della lunga e gloriosa storia del Teatro Sistina: dopo lo stop forzato dovuto alla pandemia, dal prossimo giovedì 10, e fino al 27 marzo, sarà di nuovo in scena, con la supervisione di Massimo Romeo Piparo, la maschera amara e dissacrante di "Rugantino" dei mitici Garinei & Giovannini. Lo spettacolo, che fonde mirabilmente tradizione e modernità, viene presentato nella sua versione storica originale, con la regia di Pietro Garinei, le splendide musiche del M° Armando Trovajoli, le preziose scene e i bellissimi costumi originali firmati da Giulio Coltellacci: un imperdibile ritorno alle radici e un'occasione per riscoprire un classico del teatro musicale italiano. Sul palco, la splendida Serena Autieri, ancora una volta straordinaria interprete dell'intrigante personaggio di Rosetta, donna bella altera e irraggiungibile, che fa battere il cuore di Rugantino, un ruolo in cui l’attrice napoletana dà prova

Torna in scena "The Boys in the band". Gabrio Gentilini sarà ancora Donald.

Gabrio Gentilini sarà in scena sabato 26 marzo al Teatro Nuovo di San Marino con lo spettacolo “The Boys in the Band”, di cui è co-protagonista dalla prima messa in scena italiana del 2019. Nella piece, proposta al pubblico italiano grazie alla traduzione e all’adattamento di Costantino della Gherardesca, che la produce accanto a Giorgio Bozzo, il regista, Gabrio ricopre il ruolo di Donald, un ragazzo di 28 anni, americano e gay, che con la sua presenza a una festa di compleanno tra amici omosessuali in un appartamento di New York a fine anni '60, creerà varie dinamiche all’interno del gruppo, in un crescendo di colpi di scena, tensione, umorismo feroce e riflessioni profonde. Gabrio ha nel suo curriculum esperienze molto importanti nel teatro di prosa e musicale oltre che ruoli in produzioni cinematografiche e televisive nazionali. “Sono veramente contento di portare questo spettacolo nella mia Romagna. Ne amo il testo, così come la sintonia che si crea con i mie colleghi ogni vol