Passa ai contenuti principali

"IDILLIO E PARODIA" A CURA DELLA CAMERA MUSICALE ROMANA





DOMENICA 26 MAGGIO ORE 19:00

Idillio e Parodia” *
Omaggio a Jacques Offenbach nel 200mo anniversario della nascita
Musiche di J. Offenbach, G. Rossini, e altri

Marcella Orsatti Talamanca, soprano

Il Gioco delle Parti, ensemble vocale

Alessandro d’Agostini, direzione e pianoforte


Ingresso / Ticket € 15,00 - ridotto) € 8,00 ( riservato ai soci, ai minori di anni 18, agli over 65 e agli studenti universitari e di conservatorio purché muniti di libretto)
Convenzioni aperte con l'Associazione Info. Roma, La chiave del violino e l'Accademia Musicale Sherazade

Servizio gratuito di prenotazione ( vivamente consigliata)

CONVENTO S. XII APOSTOLI - SALA dell’IMMACOLATA
Via del Vaccaro, 9 - angolo p.za Ss. Apostoli Roma

info e prenotazioni:
cameramusicaleromana@gmail.com
www.cameramusicaleromana.it
Tel.: + 39 3334571245

Note al programma:
Offenbach fu l'uomo delle contraddizioni: vissuto nell'epoca di Napoleone III, quando mentre a Parigi infuria il can-can a Solferino si compie un massacro, Offenbach fu specchio fedele dell'epoca spregiudicata, spensierata e ad un tempo profondamente infelice in cui visse.

Autore (noto ma non troppo) di una sterminata serie di operette, egli guardò con occhio critico e cinico alla realtà circostante, alle piccolezze del Secondo Impero, trascinando nelle proprie trame figure pubbliche o tipi quotidiani, rielaborando trame note (una tra tutte, quella polverosa dell'"Orfeo ed Euridice" di Gluck che diviene il brillante "Orfeo all'Inferno"), perfino parodiando melodie famose e in voga, ma iscrivendole abilmente in un atmosfera spesso agrodolce e ambigua. Idillio e parodia, appunto.

Di questo autore così singolare, verranno presentati cori ed arie tratti dalle sue opere, di rarissimo ascolto, ma di sicuro fascino: attraverso queste pagine si potrà apprezzare l'acuta operazione critica che Offenbach compie. Attingendo al mito, egli lo stempera ironicamente in una quotidianità tutta borghese, in cui l'eroe diventa comicamente umano e tragicamente meschino: la "bella Elena" si lamenta delle disattenzioni del marito Menelao, Euridice compiange la propria relazione di coppia ormai deteriorata con Orfeo. Offenbach delinea così quelli che sono i "moventi" di una società ormai svuotata di valori fondanti: le donne, il vino, il canto. Perfino le "cospirazioni", siano esse di dei (come nell'"Orfeo") sia di uomini (come in "Bataclan"), fanno ridere per la loro inconsistenza. Ma fanno anche pensare, per la forte vicinanza con la nostra epoca...

Sarà forse, finalmente, giunto il momento per apprezzare compiutamente il genio di Offenbach?








Commenti

Post popolari in questo blog

Torna a Milano la Baltic Sea Youth Philharmonic

Torna a Milano la Baltic Sea Youth Philharmonic, l'orchestra che unisce le diverse tradizioni musicali dei paesi che circondano il Mar Baltico, nella convinzione che la musica non conosca né confini né limiti, sia di natura geografica che di genere. Il tour, realizzato grazie al sostegno di Saipem, debutterà il 10 settembre a Heiden, in Germania, e toccherà, in dieci giorni, nove differenti città in Svizzera, Italia, Danimarca e Polonia. In Italia la Baltic Sea Youth Philharmonic sarà a Milano il 14 settembre nel suggestivo contesto della Basilica di Santa Maria delle Grazie, ospite dell’Associazione Musicale ArteViva, e a Verona il 15 settembre al Teatro Filarmonico per il festival “Settembre dell’Accademia” dove si esibirà per il secondo anno consecutivo. Il pubblico milanese avrà il piacere di applaudire i giovani artisti della Baltic Sea Youth Philharmonic per la quarta volta. L’orchestra, fondata nel 2008 da Kristjan Järvi (affiancato da un prestigioso consiglio di consulent

Rugantino - dal 10 marzo al Sistina!

  Per la gioia del pubblico rivive una pagina indimenticabile della lunga e gloriosa storia del Teatro Sistina: dopo lo stop forzato dovuto alla pandemia, dal prossimo giovedì 10, e fino al 27 marzo, sarà di nuovo in scena, con la supervisione di Massimo Romeo Piparo, la maschera amara e dissacrante di "Rugantino" dei mitici Garinei & Giovannini. Lo spettacolo, che fonde mirabilmente tradizione e modernità, viene presentato nella sua versione storica originale, con la regia di Pietro Garinei, le splendide musiche del M° Armando Trovajoli, le preziose scene e i bellissimi costumi originali firmati da Giulio Coltellacci: un imperdibile ritorno alle radici e un'occasione per riscoprire un classico del teatro musicale italiano. Sul palco, la splendida Serena Autieri, ancora una volta straordinaria interprete dell'intrigante personaggio di Rosetta, donna bella altera e irraggiungibile, che fa battere il cuore di Rugantino, un ruolo in cui l’attrice napoletana dà prova

Spring Awakening - 18 e 19 maggio al Teatro Guanella di Milano

                                             DOPO I DUE SOLD OUT A BUCINE E FIRENZE IL 18 E 19 MAGGIO ARRIVA A MILANO IL PLURIPREMIATO ROCK MUSICAL SPRING   AWAKENING   UN NUOVO ALLESTIMENTO REALIZZATO DAL REGISTA E PRODUTTORE   DENNY LANZA   L’EMOZIONANTE  SCHOOL EDITION  DEL CONTROVERSO MUSICAL SULL’ADOLESCENZA, VEDE PROTAGONISTI GLI ALLIEVI DI MTA – MUSICAL TIMES ACADEMY , L’ACCADEMIA DI MUSICAL PIÙ IMPORTANTE DELLA TOSCANA   Tratto dall’opera di Frank Wedekind Libretto e Testi Steven Sater Musiche Duncan Sheik   Regia Denny Lanza Coreografie Denny Lanza e Giovanni Ceniccola Direzione Musicale Armando Polito Traduzione e adattamento Maria Chiara Chiti Aiuto regia: Rocco Di Donato Questa produzione è presentata grazie a un accordo con Music Theatre International   Musical Times, realtà di formazione e produzione diretta da Denny Lanza, porta in scena il nuovo allestimento italiano di Spring Awakening, il controverso rock musical vincitore di numerosi Tony Awards, basato sull’opera di