Passa ai contenuti principali

In primo piano

Trani Teatro Clown. L'Intervista al direttore artistico Santo Nicito.

  E' stata una prima edizione di grande successo quella del Trani Teatro Clown Festival Internazionale che dal 6 all'11 luglio ha rallegrato la città di Trani con spettacoli, incontri, laboratori e workshop tutti incentrati sulla figura del Clown. Tantissimi i partecipanti per un'edizione che ha rappresentato solo l'inizio di una nuova avventura che continuerà anche d'inverno nella bellissima città pugliese. Abbiamo intervistato Santo Nicito direttore artistico della Rassegna.       E' terminato da poco il Trani Teatro Clown qual è il bilancio di questa esperienza? Assolutamente positiva! I numeri sono dalla nostra parte, questo dimostra che l’offerta messa in campo ha   suscitato curiosità e interesse. Questa prima edizione del Trani Teatro Clown Festival Internazionale è stata la realizzazione di un sogno. Un vero miracolo! Abbiamo gettato le basi per quello che già da settembre, per la seconda edizione, speriamo e vogliamo sia un progetto molto più

LA TEORIA DEL ROSPO




Avviso ai Soci


L'Associazione Culturale Teatro Trastevere

presenta


Dal 16 al 20 aprile 2019 ore 21

Teatro Trastevere

via Jacopa de'Settesoli 3, 00153 Roma
martedì-sabato ore 21

Approda al Teatro Trastevere un Evento Unico nel suo Genere

LA TEORIA DEL ROSPO
Da un’idea di
Monica Maffei e Emiliano De Magistris

Presentato da Versus
Con Mauro Tiberi, Emiliano De Magistris, Patrizio Recchioni


Mauro, Andrea e Carlo sono tre ragazzi di quasi trent’anni. Vivono insieme dai tempi dell’università, dieci anni ormai, forse un po’ troppi anche per chi si vuole bene come loro. Il fattore che li accomuna oltre ad avere trent’anni e a condividere il bagno, è un senso di insoddisfazione, di incompiutezza. Che peso ha il futuro sulle nostre vite? Cosa possiamo fare oggi per essere felici domani? Con queste domande Mauro, Andrea e Carlo vivono giorno per giorno; ma le loro vite ci mostrano come, almeno per ora, le risposte siano inadeguate.


Quasi due anni fa decidiamo di pensare e scrivere insieme uno spettacolo. La vita, con le sue scelte e le sue strade, ci stava allontanando e avevamo voglia di non perderci. Il teatro è sempre stato il nostro punto di ritorno. È proprio da questo principio, da questa volontà di base che La teoria del rospo prende forma. Avere trent’anni in Italia oggi è molto diverso da trent’anni fa! (almeno da quanto ci hanno sempre raccontato i nostri genitori). Tutto è precario, il lavoro, le relazioni, i sogni, la vita. Non abbiamo gli stimoli per pensare di progettare un futuro che ci renda felici. Il nostro futuro è pressoché limitato a un raggio massimo di un anno da dove siamo. - cit.

Con La teoria del rospo si vuole raccontare uno spaccato di realtà con leggerezza, portando sotto forma di commedia i fattori esistenziali in cui i tre personaggi protagonisti sono coinvolti. La convivenza tra i tre mette in luce le lacune, ma anche le risorse di una generazione che ogni giorno è costretta a reinventarsi un po’ per scelta, un po’ per comodità. Da questo intreccio nasce il rapporto intimo tra Mauro, Andrea e Carlo, un legame basato su una fraterna amicizia e complicità che nonostante tutto rischia di “bollire” di fronte alla fragilità della realtà che li circonda e che proietta i propri ideali come in una pentola in “ebollizione”appunto, dove la capacità di azione a volte sembra essere sinonimo dell’incapacità dei tre personaggi di reagire.

Con La Teoria del Rospo appuntamento al Teatro Trastevere, Via Jacopa de’ Settesoli, 3, dal 16 al 20 aprile 2019. Dal martedì al sabato ore 21.00, domenica di Pasqua riposo.

Teatro Trastevere
via Jacopa de'Settesoli 3, 00153 Roma

martedì-sabato ore 21.
prevista tessera associativa
contatti: 065814004 
info@teatrotrastevere.it


Commenti