Passa ai contenuti principali

In primo piano

Trani Teatro Clown. L'Intervista al direttore artistico Santo Nicito.

  E' stata una prima edizione di grande successo quella del Trani Teatro Clown Festival Internazionale che dal 6 all'11 luglio ha rallegrato la città di Trani con spettacoli, incontri, laboratori e workshop tutti incentrati sulla figura del Clown. Tantissimi i partecipanti per un'edizione che ha rappresentato solo l'inizio di una nuova avventura che continuerà anche d'inverno nella bellissima città pugliese. Abbiamo intervistato Santo Nicito direttore artistico della Rassegna.       E' terminato da poco il Trani Teatro Clown qual è il bilancio di questa esperienza? Assolutamente positiva! I numeri sono dalla nostra parte, questo dimostra che l’offerta messa in campo ha   suscitato curiosità e interesse. Questa prima edizione del Trani Teatro Clown Festival Internazionale è stata la realizzazione di un sogno. Un vero miracolo! Abbiamo gettato le basi per quello che già da settembre, per la seconda edizione, speriamo e vogliamo sia un progetto molto più

IL 27 E 28 APRILE TORNA A ROMA LO SPETTACOLO TEATRALE 'USCITA DI EMERGENZA'




TeatroSenzaTempo in collaborazione con KA.ST presenta:

𝗨𝗦𝗖𝗜𝗧𝗔 𝗗𝗜 𝗘𝗠𝗘𝗥𝗚𝗘𝗡𝗭𝗔
Testo di: Manlio Santanelli
Adattamento e Regia di: Davide Fasano e Valerio Villa
Scenografie: Marco Maradei
Luci e audio: Federico Fiordigigli

27 Aprile ore 21.00
28 Aprile ore 18.00

Teatro Due Roma
Vicolo dei due Macelli, 37

Con: Davide Fasano e Valerio Villa

Cirillo e Pacebbene condividono un alloggio di fortuna in un appartamento pericolante a Napoli. Il bradisismo ha fatto fuggire la popolazione verso zone più sicure e per loro due rimasti soli e poveri non resta che occupare una casa vuota e malmessa, col pericolo che da un momento all'altro crolli sulle loro teste.

Cirillo è un ex suggeritore di teatro ,che inseguendo la vanagloria, ha perso sia la moglie che la carriera, Pacebbene è un ex sacrestano fuggito dalla sua parrocchia per la paura di essersi scoperto umano fallibile e irrisolto.

Il pericolo più grande per loro è quello di rimanere soli, senza pubblico né parrocchiani, senza possibilità di dialogo alcuno, senza neanche quelle quattro pareti crepate a dar loro una parvenza di normalità. E allora optano per una convivenza forzata, per un battibecco senza tregua, rubandosi a vicenda le poche cose che sono riusciti a conservare, brandelli di una vita precedente a cui rimanere aggrappati con i denti, perché essere disperati in due è sempre meglio che esserlo da soli.

Insieme passano il tempo raccontandosi sempre dello stesso passato, smascherandosi e proteggendosi, litigando sempre sulle stesse questioni di principio, prendendosi crudelmente gioco dell'altro, esasperandosi e richiamandosi, nell'illusione di muoversi per ritrovarsi alla fine di ogni giorno sempre nello stesso posto. In un gioco esilarante di botta e risposte dispetti e baruffe, in un crescendo di nevrosi e confidenze, i due si ritrovano ad essere ognuno brutalmente specchio e giustificazione dell'altro, illusi dalla loro risoluzione nel cercare un'uscita di emergenza che troppo coraggio richiede e li spaventa.

Non c’è più religione, non c’è più teatro, non c’è più città.

--------------------------------------------------------------------------------------


𝗕𝗜𝗚𝗟𝗜𝗘𝗧𝗧𝗜: Intero: 15 Euro

Ridotto (under 18 e over 65): 12 Euro

PRENOTAZIONI: uscitadiemergenza.biglietti@gmail.com – 3496225680







Commenti