Passa ai contenuti principali

Next Fall - diretto da Davide Nebbia





Avviso ai Soci



L'Associazione Culturale Teatro Trastevere

presenta


Dal 19 al 24 MARZO 2019

Teatro Trastevere
via Jacopa de'Settesoli 3, 00153 Roma
martedì-sabato ore 21, domenica ore 17:30


Next Fall

scritto da Geoffrey Nauffts 
diretto da Davide Nebbia
con
Federico Borroni, Elena Giambi Bonacci, Antonia Di Francesco,
Marcello Paesano, Tommaso Paolucci, Alessandro Moser

traduzione Irene Viglione
aiuto regia Massimo Eleonori
costumi Caterina Lambiase
make up Antonella Marinuzzi


Next Fall è un testo del 2009 scritto da Geoffrey Nauffts. Prodotto da Naked Angels ha debuttato off-Broadway nel 2009 per poi trasferirsi all’Helen Hayes Theater a Broadway nel Febbraio del 2010. Next Fall ha ricevuto nomination come miglior opera teatrale ai Drama Desk Awards, Tony Awards e Outer Critics Circle Awards.

La vicenda ruota intorno a due uomini impegnati in una relazione, Luke devotamente cattolico e Adam, felicemente ateo. Una storia lunga cinque anni e che dura nonostante le difficoltà. Tuttavia, quando un incidente cambia tutto, Adam in cerca di supporto e risposte, deve rivolgersi alla famiglia di Luke. Luke crede in Dio. Adam crede in tutto il resto. "Next Fall" ritrae gli alti e bassi di questo rapporto di coppia con umorismo tagliente e inflessibile onestà, ponendo domande difficili circa l'impegno, l'amore e la fede.

In Italia lo spettacolo non è mai stato rappresentato se non in occasione di uno show-case realizzato nel 2013 da questa stessa compagnia in una serata unica al Teatro Don Mario Torregrossa di Roma .

Il progetto di portare in Italia Next Fall nasce nel 2013, dopo che Davide Nebbia vede a New York la pièce e se ne innamora. Chiama tutti attori che, nel corso degli anni, oltre che per motivi professionali, aveva incontrato umanamente, proponendogli la sfida di portare sulle scene un grande testo inusuale per il nostro teatro.

“Un testo, uno spettacolo che ha lasciato il segno in chiunque vi abbia partecipato e che, forse per l'argomento un po' scomodo, forse perché non è soltanto una commedia commerciale, non ha avuto il seguito che meritava. Ora, nonostante siano passati 5 anni, la necessità di dargli voce sui palcoscenici è inarrestabile. Da qui l’ idea di riprenderlo, autoprodotto, perchè crediamo fortemente che proprio nel teatro debbano convergere tutte le forme d’arte, attraverso le quali è possibile imparare a conoscere sensibilmente l’altro e riflettere in modo più libero su noi stessi.”cit.

Uno spettacolo che riflette sul contemporaneo, che parla di piccole quotidianità simbolo del nostro tempo che nel loro particolare ci suggeriscono l’universale.

L’obiettivo in questo senso è stimolare la riflessione nel pubblico che, a confronto con storie quotidiane, semplici e oneste, riesca a sentirsi indotto liberamente a creare un personale punto di vista su temi etici e sociali molto dibattuti.
-------------------------

Teatro Trastevere

via Jacopa de'Settesoli 3, 00153 Roma

martedì-sabato ore 21, domenica ore 17:30

prevista tessera associativa
contatti: 065814004 info@teatrotrastevere.it

Commenti

Post popolari in questo blog

Torna a Milano la Baltic Sea Youth Philharmonic

Torna a Milano la Baltic Sea Youth Philharmonic, l'orchestra che unisce le diverse tradizioni musicali dei paesi che circondano il Mar Baltico, nella convinzione che la musica non conosca né confini né limiti, sia di natura geografica che di genere. Il tour, realizzato grazie al sostegno di Saipem, debutterà il 10 settembre a Heiden, in Germania, e toccherà, in dieci giorni, nove differenti città in Svizzera, Italia, Danimarca e Polonia. In Italia la Baltic Sea Youth Philharmonic sarà a Milano il 14 settembre nel suggestivo contesto della Basilica di Santa Maria delle Grazie, ospite dell’Associazione Musicale ArteViva, e a Verona il 15 settembre al Teatro Filarmonico per il festival “Settembre dell’Accademia” dove si esibirà per il secondo anno consecutivo. Il pubblico milanese avrà il piacere di applaudire i giovani artisti della Baltic Sea Youth Philharmonic per la quarta volta. L’orchestra, fondata nel 2008 da Kristjan Järvi (affiancato da un prestigioso consiglio di consulent

Rugantino - dal 10 marzo al Sistina!

  Per la gioia del pubblico rivive una pagina indimenticabile della lunga e gloriosa storia del Teatro Sistina: dopo lo stop forzato dovuto alla pandemia, dal prossimo giovedì 10, e fino al 27 marzo, sarà di nuovo in scena, con la supervisione di Massimo Romeo Piparo, la maschera amara e dissacrante di "Rugantino" dei mitici Garinei & Giovannini. Lo spettacolo, che fonde mirabilmente tradizione e modernità, viene presentato nella sua versione storica originale, con la regia di Pietro Garinei, le splendide musiche del M° Armando Trovajoli, le preziose scene e i bellissimi costumi originali firmati da Giulio Coltellacci: un imperdibile ritorno alle radici e un'occasione per riscoprire un classico del teatro musicale italiano. Sul palco, la splendida Serena Autieri, ancora una volta straordinaria interprete dell'intrigante personaggio di Rosetta, donna bella altera e irraggiungibile, che fa battere il cuore di Rugantino, un ruolo in cui l’attrice napoletana dà prova

Tartassati dalle tasse - Biagio Izzo alla Sala Umberto

Produzione Tradizione e Turismo - Ente Teatro Cronaca Produzione esecutiva A.G. Spettacoli BIAGIO IZZO in TARTASSATI DALLE TASSE Scritto e diretto da EDUARDO TARTAGLIA Sala Umberto – dal 5 al 17 aprile 2022 Giulio Andreotti soleva dire che l’Umiltà, che di per sé costituisce una grande virtù, si trasforma in una vera iattura quando gli Italiani la praticano in occasione della loro dichiarazione dei debiti. “Io le tasse le pagherei. Ed anche volentieri! Se solo però poi le cose funzionassero veramente!” Quante volte abbiamo ascoltato simili confidenze? E quante volte anche la nostra coscienza di pur buoni ed onesti cittadini ha segretamente partorito concetti del genere? Il problema, però, è che se poi davvero ragionassimo tutti quanti sempre così, come e perché mai le cose potrebbero veramente funzionare? Sarà costretto improvvisamente a domandarselo anche Innocenzo Tarallo, 54 anni ben portati, napoletano, imprenditore nel settore della ristorazione: il classico “self made man”, che d