Passa ai contenuti principali

Gennaro Canavacciuolo in "ALLEGRA ERA LA VEDOVA?"



Dal 6 al 10 marzo 2019 

Teatro Verdi, via Pastrengo 16 –Milano 

Gennaro Canavacciuolo in 

ALLEGRA ERA LA VEDOVA? 

ONE-MAN SHOW PER UNA MILIARDARIA 

Gennaro Cannavacciuolo sarà il protagonista al Teatro Verdi dal 6 al 10 marzo di ALLEGRA ERA LA VEDOVA? one-man show per una miliardaria, autore Gianni Gori, da un’idea di Alessandro Gilleri. Regia di Gennaro Cannavacciuolo e Roberto Croce. 

Ad accompagnare in scena Gennaro due ballerini, Simone Centonze e Fulvio Maiorani e tre musicisti: pianoforte Dario Pierini - clarinetto/sax contralto Andrea Tardioli - violino Piermarco Gordini. Un manoscritto e un attore, un’operetta e una tragedia, sono questi i fili che si intersecano in questo spettacolo. 

Protagonista Louis Treumann, star indiscussa dell’operetta di Lehàr nel ruolo del conte Danilo Danilowitsch. Così, grazie ad un vecchio copione ritrovato nell’archivio musicale del Teatro Lirico di Trieste, Cannavacciuolo ripercorre la storia di Treumann tra gli anni ’20 e ’30 dove, all’apice del successo, diventa il protagonista dei teatri d’Europa e di vari film, amato da tutti, gerarchi fascisti e Fuhrer in persona. 

Uno show dai toni cabarettistici e umoristici dove Cannavacciuolo si trasforma ora in Danilo, ora nella stessa vedova allegra, un mondo fatto di paillette e lustrini destinato a dissolversi all’ascesa del Terzo Reich nel 1933. Già perché il nostro Louis Treumann altro non è che un ebreo viennese, Alois Pollitze, e a nessuno ormai importa che sia stato acclamato dal mondo intero… Il narratore ci conduce così in un viaggio storico tramite le arie più famose del mondo operettistico: attraversa il ‘900, rievocando la Belle Epoque, la prima guerra mondiale, gli anni 20, sino all’inferno della deportazione, suo ultimo viaggio.

Il protagonista, alle soglie di un autentico colpo di scena, di un epilogo impressionante negli anni più cupi della Germania nazista, rievoca e ripercorre non solo i propri successi, ma la fortuna stessa dell’operetta viennese e del “mondo di ieri” prossimo allo sfacelo. ALLEGRA ERA LA VEDOVA? Debuttò nel 2005 a Cividale del Friuli, ottenendo grandi consensi e rimase quindi “nel cassetto” per 12 anni. Ora ripresa, con il sottotitolo Oneman-show per una miliardaria”, rivisita lo spirito dell’operetta in modo assolutamente originale, tramite La Vedova Allegra di Lehàr. Un capriccio scenico interpretato da un versatilissimo attore e cantante della scena italiana, Gennaro Cannavacciuolo, ormai consacratosi come ideatore di one-man-show, che interpreta i personaggi simbolo della Vedova Allegra (il conte Danilo, Hanna Glawari, il Njegus, Valentienne, Barone Zeta), alternando sapientemente momenti comici, sentimentali e drammatici. 

Uno spettacolo di indiscutibile virtuosismo, tratto da un testo inedito ritrovato nell’archivio di un teatro lirico del nord Italia, e che viene eseguito in una riduzione musicale con un trio di formazione classica. Una mise-en-abyme per mezzo secolo di storia e per un fantasista come Gennaro Cannavacciuolo in grado di coniugare con grande equilibrio il talento comico e quello drammatico. Uno spettacolo di sicura eleganza e di forte impatto visivo, grazie ad una scenografia essenziale, di sviluppo verticale e lineare, con il supporto di inserti audio-visivi. 

ESTRATTI DALLA RASSEGNA STAMPA 

Sulla scena un istrionico, comico, sarcastico, esilarante Gennaro Cannavacciuolo [...] L’eccezionale Gennaro Cannavacciuolo tra le proposte più brillante del Mittelfest... Eddi De Nadai, Il Gazzettino 

Un Cannavacciuolo tra il brillante e il tragico. Un virtuosistico Gennaro Cannavacciuolo, capace di ripercorrere ottimamente, in presenza e in voce, tutti i ruoli dell’operetta. La indiscutibile bravura di Cannavacciuolo... Il Piccolo, A. Dellacà 

Solo il talento di Gennaro Cannavacciuolo poteva proporre questo gioiello di raffinata eleganza, somma arte tra prosa, musica… M. Del Santo, Il Giornale 

La grande professionalità e il rispetto per il suo mestiere lo confermano attore della tradizione teatrale napoletana, unanimemente riconosciuta come una delle più significative del panorama italiano. Il Nuovo Corriere di Roma e del Lazio 

IL PROTAGONISTA 

Gennaro Cannavacciuolo è un attore, cantante e fantasista italiano. Nel 1981, Eduardo De Filippo, scrive nell’ordine del giorno del suo teatro: “Ringrazio Gennaro Cannavacciuolo per la sua collaborazione, ma soprattutto per il suo impegno e la grande professionalità con cui egli ha affrontato situazioni impreviste; è l’inizio di un lungo cammino. Gennaro Cannavacciuolo scopre il teatro all’età di 8 anni ed a 18 riesce a farsi notare da Eduardo De Filippo che, per cinque anni, sino alla sua morte, lo prende sotto la sua ala. 

Saranno cinque anni fondamentali per la sua formazione anche perché incontra allora Pupella Maggio di cui diventerà grande amico e con cui dividerà anche la scena. Alla morte di Eduardo, si cimenta nel canto e nel ballo e le sue scelte artistiche diventano sempre più impegnative, portandolo ad interpretare ruoli in spettacoli in qualità di protagonista o co-protagonista che hanno fatto storia: si pensi a “Cabaret”, a “Concha Bonita” , alle “Notti di Cabiria”, al ”Bacio della Donna Ragno”, a ”Carmela e Paolino”, a ”Questa sera Amleto”, “Novecento Napoletano”, per citarne solo alcuni. Dal 1996, lavora per vari enti lirici ricoprendo il ruolo del brillante in numerose operette quali Vedova Allegra, Cincilà, La Principessa della Czardas, Rosemarie, La Contessa Maritza. Calca le scene dei teatri lirici più importanti, il Teatro Carlo Felice di Genova, il San Carlo di Napoli, il Filarmonico di Verona, il Teatro Lirico Giuseppe Verdi di Trieste ciò che gli vale nel 2002 il premio “Trieste Operette”. 

Dal 1988, partecipa anche a numerose trasmissioni televisive nonché a fiction e film sia per il cinema che la televisione. Ha lavorato con Giuseppe Patroni Griffi, Gina Lollobrigida, Pippo Baudo, Paolo Limiti, Mireille Mathieu, Marisa Laurito, Nicola Piovani, Alfredo Arias, Gianni Morandi, Saverio Marconi, Giulio Scarpati, Carlo Vanzina e molti altri. Nel 2018 è protagnista nella co-produzione internazionale, “the Clash of future”, per la regia di Jan Peter, serie TV di 8 episodi. Per i critici più esigenti del settore, Gennaro Cannavacciuolo è sinonimo di talento, di classe, di eclettismo e di fantasia insuperabili, uno degli ultimi eredi della grande scuola teatrale-attoriale legata ad Eduardo, che lo rende capace di affrontare il comico, il tragico, la rivista, il cabaret con uno stile inconfondibile. Nel 2018 ricopre un ruolo da coprotagonista in una serie internazionale, The Clash of Future, per la regia di Jan Peter. 

Gennaro Cannavacciuolo ha vinto numerosi premi fra cui, nel 2005 e 2009, il Premio ETI Olimpici del Teatro. 
Sito: www.gennarocannavacciuolo.com 
---------------------------------------------------

Allegra era la vedova? One-man show per una miliardaria 
autore Gianni Gori, da un’idea di Alessandro Gilleri 
regia Gennaro Cannavacciuolo e Roberto Croce 
ballerini Fulvio Maiorani e Simone Centonze 

pianoforte Dario Pierini - clarinetto/sax contralto Andrea Tardioli - violino Piermarco Gordini 

scene Alessandro Chiti 
costumi Giuseppe Tramontano e Claudio Cinelli 
coreografie Roberto Croce 
assistente alla regia Gianluca Delle Fontane 
disegno luci Michele Lavanga 
fonica Alfonso D’Emilio 
produzione Elsinor Spettacolo inserito in Invito a Teatro – tagliando Teatro Fontana


TEATRO VERDI MILANO, via Pastrengo 16 
Orari: da martedì a sabato ore 20.30 | domenica ore 16.30 [durata 60 minuti] 

Info e prenotazioni: 02 6880038 - prenotazioni@teatrodelburatto.it Prezzi spettacolo: giovedì posto unico 10€ intero 20€
 ridotto (over65 / Studenti Under25) 10€

Commenti

Post popolari in questo blog

Torna a Milano la Baltic Sea Youth Philharmonic

Torna a Milano la Baltic Sea Youth Philharmonic, l'orchestra che unisce le diverse tradizioni musicali dei paesi che circondano il Mar Baltico, nella convinzione che la musica non conosca né confini né limiti, sia di natura geografica che di genere. Il tour, realizzato grazie al sostegno di Saipem, debutterà il 10 settembre a Heiden, in Germania, e toccherà, in dieci giorni, nove differenti città in Svizzera, Italia, Danimarca e Polonia. In Italia la Baltic Sea Youth Philharmonic sarà a Milano il 14 settembre nel suggestivo contesto della Basilica di Santa Maria delle Grazie, ospite dell’Associazione Musicale ArteViva, e a Verona il 15 settembre al Teatro Filarmonico per il festival “Settembre dell’Accademia” dove si esibirà per il secondo anno consecutivo. Il pubblico milanese avrà il piacere di applaudire i giovani artisti della Baltic Sea Youth Philharmonic per la quarta volta. L’orchestra, fondata nel 2008 da Kristjan Järvi (affiancato da un prestigioso consiglio di consulent

Rugantino - dal 10 marzo al Sistina!

  Per la gioia del pubblico rivive una pagina indimenticabile della lunga e gloriosa storia del Teatro Sistina: dopo lo stop forzato dovuto alla pandemia, dal prossimo giovedì 10, e fino al 27 marzo, sarà di nuovo in scena, con la supervisione di Massimo Romeo Piparo, la maschera amara e dissacrante di "Rugantino" dei mitici Garinei & Giovannini. Lo spettacolo, che fonde mirabilmente tradizione e modernità, viene presentato nella sua versione storica originale, con la regia di Pietro Garinei, le splendide musiche del M° Armando Trovajoli, le preziose scene e i bellissimi costumi originali firmati da Giulio Coltellacci: un imperdibile ritorno alle radici e un'occasione per riscoprire un classico del teatro musicale italiano. Sul palco, la splendida Serena Autieri, ancora una volta straordinaria interprete dell'intrigante personaggio di Rosetta, donna bella altera e irraggiungibile, che fa battere il cuore di Rugantino, un ruolo in cui l’attrice napoletana dà prova

Torna in scena "The Boys in the band". Gabrio Gentilini sarà ancora Donald.

Gabrio Gentilini sarà in scena sabato 26 marzo al Teatro Nuovo di San Marino con lo spettacolo “The Boys in the Band”, di cui è co-protagonista dalla prima messa in scena italiana del 2019. Nella piece, proposta al pubblico italiano grazie alla traduzione e all’adattamento di Costantino della Gherardesca, che la produce accanto a Giorgio Bozzo, il regista, Gabrio ricopre il ruolo di Donald, un ragazzo di 28 anni, americano e gay, che con la sua presenza a una festa di compleanno tra amici omosessuali in un appartamento di New York a fine anni '60, creerà varie dinamiche all’interno del gruppo, in un crescendo di colpi di scena, tensione, umorismo feroce e riflessioni profonde. Gabrio ha nel suo curriculum esperienze molto importanti nel teatro di prosa e musicale oltre che ruoli in produzioni cinematografiche e televisive nazionali. “Sono veramente contento di portare questo spettacolo nella mia Romagna. Ne amo il testo, così come la sintonia che si crea con i mie colleghi ogni vol