Passa ai contenuti principali

A MILANO Debutta il musical «Mondominio»



Di e con la compagnia di giovani volontari PIME
'La Mangrovia'. Riflessione sul tema
dell’accoglienza dei profughi.

Milano, Sabato 30 Marzo ore 21 e Domenica 31 Marzo ore 16
Teatro Pime p. Piero Gheddo, via Mosé Bianchi 94.



La stagione teatrale del Centro Missionario PIME prosegue con il debutto del musical 'Mondominio', scritto e interpretato dai giovani volontari dell'Istituto milanese, che rendono la loro testimonianza di fede attraverso l'attività della compagnia teatrale 'La Mangrovia'. 'Mondominio' è uno spettacolo che fa sorridere ma è anche stimolante riguardo uno dei temi più discussi e controversi del nostro tempo, l'accoglienza dei profughi. 




Si terrà al Teatro del PIME Padre P.Gheddo in via Mosè Bianchi 94 (metro Lotto) sabato 30 Marzo ore 21.00 e domenica 31 ore 16.00. Ingresso € 12. Info e prenotazione biglietti: https://www.stagionepime.com/mondominio.html- tel. 02.43.822.317

La mangrovia è la pianta conosciuta per la capacità di adattamento e la omonima compagnia è nata nel 2013 proprio con l’intento di proporre un messaggio missionario in una modalità originale e inedita. Il risultato sono opere profonde, attuali, a tratti divertenti, intrise dei più alti valori della cristianità.

Il nuovo musical 'Mondominio' è ambientato in un condominio abitato da diverse famiglie, ciascuna con i suoi pensieri e le sue preoccupazioni; la vita scorre tranquilla finchè un giorno arriva una notizia inaspettata: il sindaco della città ha deciso di accogliere una famiglia straniera e di farla ospitare proprio in quel palazzo. All’inizio nessuno degli inquilini è d’accordo, tranne una giovane coppia in attesa di un figlio che decide di provare a convincere tutti gli altri della bellezza di questa proposta. “Il cuore del messaggio di 'Mondominio' è ovviamente l’accoglienza, ma non vogliamo fare politica o schierarci: vorremmo semplicemente toccare sul vivo le coscienze, spiega l’autore, uno dei 70 giovani de La Mangrovia, che vuole rimanere anonimo -. Infatti è facile dire che accogliere è giusto o sbagliato; ma che cosa succede quando siamo noi, tu, a doverci mettere in gioco per forza e aprire le porte? Attraverso questo spettacolo ci auguriamo di riuscire a coinvolgere soprattutto i giovani, per i quali la scelta è davvero urgente e importante. Devono trovare il coraggio di prendere una posizione: tendere la mano o nascondersela in tasca”.

Il primo cartellone teatrale interamente a cura del PIME, dal titolo 'Emissioni teatrali', a firma del direttore artistico Andrea Zaniboni, giunto con 'Mondominio' al quinto titolo, sta riscuotendo un deciso apprezzamento: tutto esaurito per i primi 4 spettacoli nella sala da 600 posti.

Le "Emissioni teatrali" - ricorda Zaniboni- sono ispirate al sogno dei missionari del Pime “messi in circolo” dalla fede, mossi da un sguardo contemplativo e pratico allo stesso tempo, commossi dall’umanità che incontrano, feriti dalle ingiustizie che vedono e subiscono ogni giorno, fiduciosi di poter annunciare una speranza per se stessi e per gli altri. Questa è la missione che vorremmo condividere sul palcoscenico. Lo facciamo cantando, recitando, suonando, raccontando storie, testimonianze, visioni, poesie e siamo felici di vedere ogni volta tanta partecipazione di spettatori di ogni età".

Commenti

Post popolari in questo blog

Torna a Milano la Baltic Sea Youth Philharmonic

Torna a Milano la Baltic Sea Youth Philharmonic, l'orchestra che unisce le diverse tradizioni musicali dei paesi che circondano il Mar Baltico, nella convinzione che la musica non conosca né confini né limiti, sia di natura geografica che di genere. Il tour, realizzato grazie al sostegno di Saipem, debutterà il 10 settembre a Heiden, in Germania, e toccherà, in dieci giorni, nove differenti città in Svizzera, Italia, Danimarca e Polonia. In Italia la Baltic Sea Youth Philharmonic sarà a Milano il 14 settembre nel suggestivo contesto della Basilica di Santa Maria delle Grazie, ospite dell’Associazione Musicale ArteViva, e a Verona il 15 settembre al Teatro Filarmonico per il festival “Settembre dell’Accademia” dove si esibirà per il secondo anno consecutivo. Il pubblico milanese avrà il piacere di applaudire i giovani artisti della Baltic Sea Youth Philharmonic per la quarta volta. L’orchestra, fondata nel 2008 da Kristjan Järvi (affiancato da un prestigioso consiglio di consulent

Rugantino - dal 10 marzo al Sistina!

  Per la gioia del pubblico rivive una pagina indimenticabile della lunga e gloriosa storia del Teatro Sistina: dopo lo stop forzato dovuto alla pandemia, dal prossimo giovedì 10, e fino al 27 marzo, sarà di nuovo in scena, con la supervisione di Massimo Romeo Piparo, la maschera amara e dissacrante di "Rugantino" dei mitici Garinei & Giovannini. Lo spettacolo, che fonde mirabilmente tradizione e modernità, viene presentato nella sua versione storica originale, con la regia di Pietro Garinei, le splendide musiche del M° Armando Trovajoli, le preziose scene e i bellissimi costumi originali firmati da Giulio Coltellacci: un imperdibile ritorno alle radici e un'occasione per riscoprire un classico del teatro musicale italiano. Sul palco, la splendida Serena Autieri, ancora una volta straordinaria interprete dell'intrigante personaggio di Rosetta, donna bella altera e irraggiungibile, che fa battere il cuore di Rugantino, un ruolo in cui l’attrice napoletana dà prova

Tartassati dalle tasse - Biagio Izzo alla Sala Umberto

Produzione Tradizione e Turismo - Ente Teatro Cronaca Produzione esecutiva A.G. Spettacoli BIAGIO IZZO in TARTASSATI DALLE TASSE Scritto e diretto da EDUARDO TARTAGLIA Sala Umberto – dal 5 al 17 aprile 2022 Giulio Andreotti soleva dire che l’Umiltà, che di per sé costituisce una grande virtù, si trasforma in una vera iattura quando gli Italiani la praticano in occasione della loro dichiarazione dei debiti. “Io le tasse le pagherei. Ed anche volentieri! Se solo però poi le cose funzionassero veramente!” Quante volte abbiamo ascoltato simili confidenze? E quante volte anche la nostra coscienza di pur buoni ed onesti cittadini ha segretamente partorito concetti del genere? Il problema, però, è che se poi davvero ragionassimo tutti quanti sempre così, come e perché mai le cose potrebbero veramente funzionare? Sarà costretto improvvisamente a domandarselo anche Innocenzo Tarallo, 54 anni ben portati, napoletano, imprenditore nel settore della ristorazione: il classico “self made man”, che d