Passa ai contenuti principali

La famiglia italiana, da Pirandello ai giorni nostri - Teatro Filodrammatici


Dal 26 febbraio al 3 marzo 2019 – Teatro Filodrammatici 


PER LA RAGIONE DEGLI ALTRI

Un tradimento di Pirandello

Riscrittura di Michele Di Giacomo e Riccardo Spagnulo
Tratto da "La ragione degli altri" di Luigi Pirandello

Regia: Michele Di Giacomo 


Con: Giorgia Coco, Michele Di Giacomo, Federica Fabiani

Dramaturg: Riccardo Spagnulo
Responsabile tecnico e scene: Riccardo Canali
Luci: Valentina Montali
Video: Giuseppe Cardaci
Suono: Fulvio Vanacore
Foto: Max Cavallari

Produzione ALCHEMICO TRE
Col sostegno di ATER e il Comune di Mercato Saraceno (FC)


A 150 anni dalla nascita di Pirandello, Alchemico Tre affronta l’autore e il suo teatro confrontandosi con La ragione degli altri in una riscrittura ad opera di Michele Di Giacomo e Riccardo Spagnulo che prende le mosse dall’originale di Pirandello del 1895 e da una regia di Massimo Castri del 1983. La vicenda è quella di un giornalista spiantato che, sposato con una donna ricca ma tristemente sterile, intreccia una relazione con una vecchia fiamma e con lei ha una bambina. La moglie inizialmente subisce la situazione, ma poi, scossa dalle parole di suo padre, reagisce per riprendersi il marito. E non solo lui.

Il testo ridotto a tre personaggi gioca con il teatro-nel teatro prima ancora che il drammaturgo lo formulasse e sui ruoli famigliari a cui ancora oggi ci sentiamo di dover corrispondere.

In uno spazio asettico con elementi tecnologici moderni (schermi, microfoni e computer) la vicenda pirandelliana si ricrea forzatamente senza possibilità di uscita.

Tre sono i nuclei tematici dello spettacolo: la famiglia, cardine della società sempre al centro di dibattiti e manifestazioni, e il suo significato oggi, l'essere marito e moglie, padre e madre e la necessità di un ruolo famigliare per la costruzione di un'identità; l’infelicità e la responbilità che abbiamo riguardo ai nostri fallimenti; il rapporto con gli altri e quanto, ancora oggi come allora, ci facciamo condizionare dall'altrui pensiero e quanto invece approfittiamo della morale comune per soddisfare i nostri desideri.

NOTE DI REGIA

Per mettere oggi in scena Pirandello si deve in qualche modo tradirlo. Ho deciso di farlo tramite un’attualizzazione della lingua e scenica, cercando però di mantenere il cuore del teatro di Pirandello per temi e intrecci. “La ragione degli altri” è un testo acerbo ma proprio per questo Pirandello non riesce a nascondere i cinismi e le crudeltà che segnano il rapporto tra Uomo e Società. Massimo Castri l’aveva affrontato in una storica regia nel 1983 e avendolo studiato con lui durante un percorso di formazione ERT, sono partito da quel lavoro scegliendo come attrici le mie “vecchie” compagne di corso. 


La nostra storia va diretta al cuore della vicenda: il rapporto a tre. I personaggi perdono i nomi propri e diventano Marito, Moglie, Amante etichette di funzioni sociali legate al ruolo famigliare, maschere moderne in cui si sentono costretti ma al tempo stesso appagati. I tre arrivano sul palco come i “Sei Personaggi”, quasi costretti a ricreare la loro storia, cercando di nascondere un segreto che li lega come tre anelli di una stessa catena. Si muovono all’interno di un palco vuoto, segnato solo da tre schermi che scandiscono con didascalie atti, scene e luoghi, in un tempo che si fa sospeso tra passato e presente. Gli Altri si concretizzano nel pubblico o tramite la voce dei personaggi stessi filtrata da un microfono distorto. 

Tutti vittime e tutti carnefici. In un gioco di rappresentazione e egoismi in cui si affonda man mano che la vicenda avanza. Esposti alle voci, i tre indossano capotti, per coprirsi anche quando ci si ritrova da soli con se stessi e si è costretti a rivelare la verità. Un verità cercata da tutti, soprattuto dal Marito che nella sua inchiesta giornalistica su “La famiglia” cerca risposte alla sua infelicità. Però quando una soluzione arriva non può che essere crudele, fatta per appagare gli altri. Ma esistono realmente gli Altri? Una storia di ieri che riaccade oggi, perché, anche se la società e le leggi cambiano, l’uomo resta sempre lo stesso.


BIO ALCHEMICO TRE

ALCHEMICO TRE nasce a Cesena nel 2015 dall'attore Michele Di Giacomo.

La Compagnia lavora sulla drammaturgia contemporanea in un percorso che mette al centro la memoria tramite l’elaborazione di drammaturgie esistenti oppure prendendo fatti di cronaca e storie reali. Un teatro visto come racconto di vite in cui passato e presente si mescolano. L’attività della Compagnia si divide tra progetti di formazione con i giovani del territorio Cesenate e la produzione di spettacoli. Tra gli spettacoli ci sono: “Giovani Coraggiosi” (2017) lettura rock su tre comunisti cesenati; “Le Buone Maniere-I fatti della Uno Bianca” (2016) prodotto da ERT in Cantiere Moline; “In trincea” (2015) dai diari della Grande Guerra, spettacolo vincitore al “Premio Giovani Realtà del Teatro”. Se i punti fissi sono Michele Di Giacomo e Riccardo Canali, ogni progetto si costruisce assieme ad altri collaboratori. Hanno collaborato i drammaturghi Lorenzo Garozzo, Magda Barile, Michele Di Vito, la scenografa Roberta Cocchi e il sound designer Fulvio Vanacore.
---------------------------------------------------------------------

-Pagina di ALCHEMICO TRE dedicata allo spettacolo

http://www.alchemicotre.com/per-le-ragioni-degli-altri

Dal 26 febbraio al 3 marzo 2019 – Teatro Filodrammatici

ORARI DI RAPPRESENTAZIONE: martedì, giovedì, sabato - ore 21.00 | mercoledì, venerdì - ore 19.30 | domenica ore 16.00

BIGLIETTI: Intero: 22.00 euro | ridotto convenzionati: 18.00 euro | ridotto under 30: 16 euro | ridotto over 65 e under 18: 11 euro | online con prezzo dinamico: da 11 euro

www.teatrofilodrammatici.eu tel. 02 36727550

Commenti

Post popolari in questo blog

Torna a Milano la Baltic Sea Youth Philharmonic

Torna a Milano la Baltic Sea Youth Philharmonic, l'orchestra che unisce le diverse tradizioni musicali dei paesi che circondano il Mar Baltico, nella convinzione che la musica non conosca né confini né limiti, sia di natura geografica che di genere. Il tour, realizzato grazie al sostegno di Saipem, debutterà il 10 settembre a Heiden, in Germania, e toccherà, in dieci giorni, nove differenti città in Svizzera, Italia, Danimarca e Polonia. In Italia la Baltic Sea Youth Philharmonic sarà a Milano il 14 settembre nel suggestivo contesto della Basilica di Santa Maria delle Grazie, ospite dell’Associazione Musicale ArteViva, e a Verona il 15 settembre al Teatro Filarmonico per il festival “Settembre dell’Accademia” dove si esibirà per il secondo anno consecutivo. Il pubblico milanese avrà il piacere di applaudire i giovani artisti della Baltic Sea Youth Philharmonic per la quarta volta. L’orchestra, fondata nel 2008 da Kristjan Järvi (affiancato da un prestigioso consiglio di consulent

Rugantino - dal 10 marzo al Sistina!

  Per la gioia del pubblico rivive una pagina indimenticabile della lunga e gloriosa storia del Teatro Sistina: dopo lo stop forzato dovuto alla pandemia, dal prossimo giovedì 10, e fino al 27 marzo, sarà di nuovo in scena, con la supervisione di Massimo Romeo Piparo, la maschera amara e dissacrante di "Rugantino" dei mitici Garinei & Giovannini. Lo spettacolo, che fonde mirabilmente tradizione e modernità, viene presentato nella sua versione storica originale, con la regia di Pietro Garinei, le splendide musiche del M° Armando Trovajoli, le preziose scene e i bellissimi costumi originali firmati da Giulio Coltellacci: un imperdibile ritorno alle radici e un'occasione per riscoprire un classico del teatro musicale italiano. Sul palco, la splendida Serena Autieri, ancora una volta straordinaria interprete dell'intrigante personaggio di Rosetta, donna bella altera e irraggiungibile, che fa battere il cuore di Rugantino, un ruolo in cui l’attrice napoletana dà prova

Torna in scena "The Boys in the band". Gabrio Gentilini sarà ancora Donald.

Gabrio Gentilini sarà in scena sabato 26 marzo al Teatro Nuovo di San Marino con lo spettacolo “The Boys in the Band”, di cui è co-protagonista dalla prima messa in scena italiana del 2019. Nella piece, proposta al pubblico italiano grazie alla traduzione e all’adattamento di Costantino della Gherardesca, che la produce accanto a Giorgio Bozzo, il regista, Gabrio ricopre il ruolo di Donald, un ragazzo di 28 anni, americano e gay, che con la sua presenza a una festa di compleanno tra amici omosessuali in un appartamento di New York a fine anni '60, creerà varie dinamiche all’interno del gruppo, in un crescendo di colpi di scena, tensione, umorismo feroce e riflessioni profonde. Gabrio ha nel suo curriculum esperienze molto importanti nel teatro di prosa e musicale oltre che ruoli in produzioni cinematografiche e televisive nazionali. “Sono veramente contento di portare questo spettacolo nella mia Romagna. Ne amo il testo, così come la sintonia che si crea con i mie colleghi ogni vol