Passa ai contenuti principali

DON CHISCIOTTE - con ALESSIO BONI e SERRA YILMAZ

Foto Gianmarco Chieregato

DON CHISCIOTTE
con ALESSIO BONI e SERRA YILMAZ
in scena al Creberg Teatro da giovedì 28 febbraio a domenica 3 marzo 2019
per la Stagione di Prosa della Fondazione Teatro Donizetti 
Prime rappresentazioni in Lombardia


La Stagione di Prosa della Fondazione Teatro Donizetti di Bergamo prosegue con lo spettacolo più atteso: da giovedì 28 febbraio a domenica 3 marzo, salirà infatti sul palcoscenico del Creberg Teatro Alessio Boni con il suo Don Chisciotte, liberamente ispirato all’omonimo romanzo di Miguel de Cervantes. 

L’attore bergamasco, che nelle scorse settimane è stato protagonista della fortunatissima fiction di RAI 1 La compagnia del cigno, avrà al suo fianco, nei panni del fido scudiero Sancho Panza, una sorprendente Serra Yilmaz, attrice prediletta dal regista di origine turca Ferzan Ozpeteck. Don Chisciotte, da qualche settimana in tournée e ovunque accolto da grande successo di pubblico, sarà rappresentato a Bergamo in Prima Regionale.

In scena altri cinque attori - Marcello Prayer, Francesco Meoni, Pietro Faiella, Lilliana Massari, Elena Nico – e, quasi in carne ed ossa, Ronzinante, il cavallo di Don Chisciotte. Regia dello stesso Boni e di Roberto Aldorasi e Marcello Prayer, ai quali si è aggiunto in fase di stesura drammaturgica Francesco Niccolini, cui si deve anche l’adattamento del romanzo originale. Scene di Massimo Troncaretti. Costumi di Francesco Esposito. Luci di Davide Scognamiglio. Musiche di Francesco Forni. Produzione Nuovo Teatro di Marco Balsamo in coproduzione con Fondazione Teatro della Toscana. Durata 1 ora e 50 minuti più intervallo. Inizio spettacoli ore 20.30, tranne domenica 3 marzo, ore 15.30.

Intorno a… DON CHISCIOTTE


Venerdì 1° marzo (ore 18.00), nel Foyer del Creberg Teatro, sarà possibile incontrare Alessio Boni, Serra Yilmaz e tutta la compagnia per parlare dello spettacolo. Coordina Maria Grazia Panigada, Direttore Artistico della Stagione di Prosa e Altri Percorsi della Fondazione Teatro Donizetti.

Nell’immaginario di tutti Don Chisciotte incarna il coraggio di perseverare in nome dei propri ideali, sconfinando nel surreale, mosso da una nobile follia fino a combattere contro i mulini a vento. Ed è partendo da due semplici domande che si è mosso Alessio Boni nell’avvicinarsi al famoso personaggio uscito dalla penna di de Cervantes: «Chi è pazzo? Chi è normale?». La risposta dell’attore e regista è articolata: «Forse chi vive nella sua lucida follia riesce ancora a compiere atti eroici. Di più: forse ci vuole una qualche forma di follia, ancor più che il coraggio, per compiere atti eroici. La lucida follia è quella che ti permette di sospendere, per un eterno istante, il senso del limite: quel “so che dobbiamo morire” che spoglia di senso il quotidiano umano, ma che solo ci rende umani». Continua Boni: «L'animale non sa che dovrà morire: in ogni istante è o vita o morte. L'uomo lo sa ed è, in ogni istante, vita e morte insieme. Emblematico in questo è Amleto, coevo di Don Chisciotte, che si chiede: chi vorrebbe faticare, soffrire, lavorare indegnamente, assistere all’insolenza dei potenti, alle premiazioni degli indegni sui meritevoli, se tanto la fine è morire? Don Chisciotte va oltre: trascende questa consapevolezza e combatte per un ideale etico, eroico. Un ideale che arricchisce di valore ogni gesto quotidiano. E che, involontariamente, l'ha reso immortale».

«È forse folle tutto ciò? È meglio vivere a testa bassa, inseriti in un contesto che ci precede e ci forma, in una rete di regole pre-determinate che, a loro volta, ci determinano?», si domanda ancora Alessio Boni, «Gli uomini che, nel corso dei secoli, hanno osato svincolarsi da questa rete - avvalendosi del sogno, della fantasia, dell'immaginazione - sono stati spesso considerati “pazzi”. Salvo poi venir riabilitati dalla Storia stessa. Dopotutto, sono proprio coloro che sono folli abbastanza da credere nella loro visione del mondo, da andare controcorrente, da ribaltare il tavolo, che meritano di essere ricordati in eterno: tra gli altri, Galileo, Leonardo, Mozart, Che Guevara, Mandela, Madre Teresa, Steve Jobs e, perché no, Don Chisciotte».
----------------------------


INFO e BIGLIETTERIA


Presso Propilei di Porta Nuova

Largo Porta Nuova, 17 - Bergamo

Tel. 035.4160 601/602/603

da martedì a sabato dalle 13.00 alle 20.00

Prezzi biglietti da 18€ a 31€, ridotto

Commenti

Post popolari in questo blog

Rugantino - dal 10 marzo al Sistina!

  Per la gioia del pubblico rivive una pagina indimenticabile della lunga e gloriosa storia del Teatro Sistina: dopo lo stop forzato dovuto alla pandemia, dal prossimo giovedì 10, e fino al 27 marzo, sarà di nuovo in scena, con la supervisione di Massimo Romeo Piparo, la maschera amara e dissacrante di "Rugantino" dei mitici Garinei & Giovannini. Lo spettacolo, che fonde mirabilmente tradizione e modernità, viene presentato nella sua versione storica originale, con la regia di Pietro Garinei, le splendide musiche del M° Armando Trovajoli, le preziose scene e i bellissimi costumi originali firmati da Giulio Coltellacci: un imperdibile ritorno alle radici e un'occasione per riscoprire un classico del teatro musicale italiano. Sul palco, la splendida Serena Autieri, ancora una volta straordinaria interprete dell'intrigante personaggio di Rosetta, donna bella altera e irraggiungibile, che fa battere il cuore di Rugantino, un ruolo in cui l’attrice napoletana dà prova

Torna a Milano la Baltic Sea Youth Philharmonic

Torna a Milano la Baltic Sea Youth Philharmonic, l'orchestra che unisce le diverse tradizioni musicali dei paesi che circondano il Mar Baltico, nella convinzione che la musica non conosca né confini né limiti, sia di natura geografica che di genere. Il tour, realizzato grazie al sostegno di Saipem, debutterà il 10 settembre a Heiden, in Germania, e toccherà, in dieci giorni, nove differenti città in Svizzera, Italia, Danimarca e Polonia. In Italia la Baltic Sea Youth Philharmonic sarà a Milano il 14 settembre nel suggestivo contesto della Basilica di Santa Maria delle Grazie, ospite dell’Associazione Musicale ArteViva, e a Verona il 15 settembre al Teatro Filarmonico per il festival “Settembre dell’Accademia” dove si esibirà per il secondo anno consecutivo. Il pubblico milanese avrà il piacere di applaudire i giovani artisti della Baltic Sea Youth Philharmonic per la quarta volta. L’orchestra, fondata nel 2008 da Kristjan Järvi (affiancato da un prestigioso consiglio di consulent

Spring Awakening - 18 e 19 maggio al Teatro Guanella di Milano

                                             DOPO I DUE SOLD OUT A BUCINE E FIRENZE IL 18 E 19 MAGGIO ARRIVA A MILANO IL PLURIPREMIATO ROCK MUSICAL SPRING   AWAKENING   UN NUOVO ALLESTIMENTO REALIZZATO DAL REGISTA E PRODUTTORE   DENNY LANZA   L’EMOZIONANTE  SCHOOL EDITION  DEL CONTROVERSO MUSICAL SULL’ADOLESCENZA, VEDE PROTAGONISTI GLI ALLIEVI DI MTA – MUSICAL TIMES ACADEMY , L’ACCADEMIA DI MUSICAL PIÙ IMPORTANTE DELLA TOSCANA   Tratto dall’opera di Frank Wedekind Libretto e Testi Steven Sater Musiche Duncan Sheik   Regia Denny Lanza Coreografie Denny Lanza e Giovanni Ceniccola Direzione Musicale Armando Polito Traduzione e adattamento Maria Chiara Chiti Aiuto regia: Rocco Di Donato Questa produzione è presentata grazie a un accordo con Music Theatre International   Musical Times, realtà di formazione e produzione diretta da Denny Lanza, porta in scena il nuovo allestimento italiano di Spring Awakening, il controverso rock musical vincitore di numerosi Tony Awards, basato sull’opera di