Passa ai contenuti principali

Bibbidi Bobbidi Bum


Bibbidi Bobbidi Bum

Di e con Chiara Capitani
Regia di Stefano Scandaletti

Elementi scenici e costumi Laurianne Scimemi
Disegno Luci Wing Tsou
Realizzazione scene e costumi Sandra Albanese e Giuseppina Livi
21 – 24 febbraio 2019
Teatro Studio Uno via Carlo della Rocca, 6 Roma

...Io brindo a queste dodici ore di libertà,
queste ultime dodici ore d’indipendenza,
di solitudine, queste dodici
ore in cui tutte le risposte
alle mie domande saranno trovate...”

Al Teatro Studio Uno dal 21 al 24 febbraio 2019 debutta in prima assoluta “Bibbidi Bobbidi Bum” scritto ed interpretato da Chiara Capitani con la regia di Stefano Scandaletti.

In scena una Cinder-Ella contemporanea alla veglia del suo matrimonio; sarà un sogno o un incubo? Un monologo brillante ed ironico dove il racconto delle sue ultime ore di libertà si mutano in una tragicomica battaglia personale.

La Fiaba sta giungendo all’ultima pagina; dopo che la carrozza avrà girato l’angolo e le colombe avranno ricamato la scritta The End, che succederà? Siamo a un passo dalla fine e la voce che l’ha guidata per tutta la fiaba da domani potrebbe non esserci più. Una voce assordante, impertinente, giudicante, che le ha fatto seguire con minuzia i binari prefissati, non facendola mai uscire dalle righe già scritte. Chi scrive le pagine della nostra fiaba?C’è una notte per risolvere il mistero. Dodici ore in cui non c’è tempo per dormire.

Si è insidiato ormai il dubbio dell’esistenza di un’altra strada, un’altra storia. Ella ricorda la sua infanzia; prima del c’era una volta. Dodici ore per spostare lo sguardo per la prima volta dentro di sé, verso l’inconscio, verso il desiderio, verso quello che non si può de-scrivere ma solo vivere.

Virginia Woolf scriveva nel romanzo Onde, attraverso il personaggio di Bernard:

Bisogna, bisogna, bisogna. Bum, bum, bum. Ascoltate. C’è come un tonfo di vagoni che cozzano su un binario morto. Ecco la concatenazione felice, un evento segue l’altro nelle nostre vite. Bum, bum, bum. Bisogna, bisogna, bisogna. Bisogna andare, dormire, svegliarsi, alzarsi. Come adoriamo quel suono di vagoni che cozzano su un binario morto.

Oggi, in una società in cui tutto sembra possibile, siamo davvero liberi di scegliere?

Una generazione di passaggio e di trasformazione è quella di Ella, quella dei nati nei favolosi anni ottanta. Nessuno ci obbliga a credere nel vissero felici e contenti, eppure ci prende lo sconforto al solo pensiero di farci vedere sfigati; immersi nella miseria e privi di quella grazia fatata degli spot pubblicitari. Siamo poi costantemente spinti ad accoppiarci per sentirci completi come individui. Ammettere di essere singolo è sempre una piccola sconfitta. La voce della società, della normalità, delle aspettative che gli altri hanno su noi, risuona costantemente in un posto lontano della nostra mente… forse nemmeno così lontano.

“… Ho fatto tutto quello che bisogna. Fare catechismo a nove anni, fatto. Andare all’università dopo il liceo, fatto. Trovare un contratto a tempo indeterminato, fatto. Avere una tessera sanitaria, un nutrizionista, un personal trainer…”

Del resto il complesso di Cenerentola è tangibile; esseri che appaiono smarriti in mancanza dell’altro e dipendenti dal principe azzurrissimo. Se qualcosa nei nostri progetti andasse storto e se il sogno non diventasse realtà? Saremmo in un tunnel senza luce, da cui uscire da soli sarebbe impossibile.

Bibbidi Bobbidi Bum racconta quel trauma. Il fantastico sogno mancato può infatti trasformarsi, tramite la disperazione, nella consapevolezza del reale; conoscere finalmente se stessi per sopravvivere. La realtà è… quello che è. La più grande sfida probabilmente di questa vita è trovare la bellezza nascosta nei piccoli dettagli del tutto, confusionario e inquinato.


Bibbidi Bobbidi Bum” 21-24 febbraio 2019
Teatro Studio Uno, Via Carlo della Rocca, 6 (Torpignattara).
Ingr. 12 euro. Tessera associativa gratuita
Giov- Sab ore 21.00, Dom. ore 18.00
Per info: 3494356219- 3298027943

Commenti

Post popolari in questo blog

Teatro Trastevere: Nuovo Progetto Artistico

                                                                                           Associazione Culturale Teatro Trastevere presenta il Nuovo Progetto Artistico   GERMOGLI Esperimenti Teatrali, per artisti e spettatori   COS'E'   È la nostra personale risposta alla riapertura delle strutture teatrali a ridosso della stagione estiva. Un percorso di RICERCA, sia del Teatro Trastevere che degli artisti coinvolti, per riabituare gli spettatori a frequentare gli spazi di condivisione artistica, riabbracciandoci, seppur simbolicamente, attraverso l'arte, portatrice di sana socialità.   MA IN PRATICA   In pratica apriamo il Teatro alle compagnie e ai singoli artisti che, dopo mesi di elaborazione di nuovi contenuti, vogliano finalmente dare viva realtà al proprio progetto. Offriamo 50 ore di RESIDENZA CREATIVA e 2 giorni di restituzione al pubblico non solo in forma di spettacolo, ma anche di semplice studio:  “...Faremo le cose in sicurezza, seguendo i protocolli e metter

BROADWAY CELEBRATION - I GRANDI SUCCESSI DEL MUSICAL IN CONCERTO SPETTACOLO

                                                                  Tour 2021/22 BROADWAY CELEBRATION I GRANDI SUCCESSI DEL MUSICAL IN CONCERTO SPETTACOLO Rocky Horror Show, Jesus Christ Superstar, Rent, Mamma Mia! Sister Act, Les Misérables, Cats, Hairspray, Hair, Grease, Evita, The Phantom of the Opera… PRESENTA UMBERTO SCIDA Una produzione Marco Caselle, Alex Negro per Palco5. I due fondatori uniscono la loro ventennale esperienza nel settore del Musical il primo, e nel Gospel internazionale il secondo, per dar vita ad una serata imperdibile con un cast di 24 performer e musicisti per i grandi successi del Musical. 10 sono i performer di fama nazionale che compongono la sezione dei solisti, accompagnati da una band d’eccezione e supportati da altrettanti coristi. Non sarà un semplice concerto, ma una esperienza di storytelling attraverso parole e canzoni, come insegna il teatro di Broadway. La serata, infatti, verrà raccontata da Umberto Scida, già noto in tutto il Paese

Tornano in scena "I Nuovi Tragici"

            I NUOVI TRAGICI monologhi scritti e diretti da Pietro De Silva TEATRO MARCONI  18/19/20 GIUGNO 2021 Tornano in scena I Nuovi Tragici. La rassegna nata nel 1990 arriva sul palco del Teatro Marconi il 18, 19 e 20 giugno 2021. Si tratta di monologhi scritti e diretti da Pietro De Silva portati in scena da giovani attori che partecipano al Festival. A presentare la serata due ospiti d'eccezione: Marco Simeoli e Bruno Maccallini. Una storica rassegna dunque a cui hanno partecipato circa ottanta attori fra i quali Enrico Brignano, Flavio Insinna, Neri Marcorè, Valerio Aprea, Massimiliano Bruno, Paola Cortellesi, Francesco Pannofino, Paola Minaccioni, Massimiliano Bruno, Valerio Aprea e tanti altri Il termine NUOVI TRAGICI è dichiaratamente ironico. Si tratta di una serie di monologhi sotto forma di casi clinici singolari. Individui disperati che cercano conforto, confessando in pubblico le loro piccole e grandi manie. Si prende di mira la follia e i suoi derivati, con occhio