Passa ai contenuti principali

In primo piano

Trani Teatro Clown. L'Intervista al direttore artistico Santo Nicito.

  E' stata una prima edizione di grande successo quella del Trani Teatro Clown Festival Internazionale che dal 6 all'11 luglio ha rallegrato la città di Trani con spettacoli, incontri, laboratori e workshop tutti incentrati sulla figura del Clown. Tantissimi i partecipanti per un'edizione che ha rappresentato solo l'inizio di una nuova avventura che continuerà anche d'inverno nella bellissima città pugliese. Abbiamo intervistato Santo Nicito direttore artistico della Rassegna.       E' terminato da poco il Trani Teatro Clown qual è il bilancio di questa esperienza? Assolutamente positiva! I numeri sono dalla nostra parte, questo dimostra che l’offerta messa in campo ha   suscitato curiosità e interesse. Questa prima edizione del Trani Teatro Clown Festival Internazionale è stata la realizzazione di un sogno. Un vero miracolo! Abbiamo gettato le basi per quello che già da settembre, per la seconda edizione, speriamo e vogliamo sia un progetto molto più

A GRANDE RICHIESTA GRAZIA SCUCCIMARRA IL 3 MARZO


Torna a grande richiesta la forza della natura Grazia Scuccimarra con un nuovo e ultimo appuntamento al Teatro degli Audaci il 3 marzo.

Ci sono nomi che sono garanzia di successo e tra questi primeggia quello di Grazia Scuccimarra, schietta e ironica, che conferma ancora una volta, dopo avere solcato per 40 anni numerosi palcoscenici, il suo talento, conquistando nuovamente il pubblico con il suo spettacolo “Così impari”, da lei scritto e diretto, al Teatro degli Audaci il cui termine era previsto per il 24 febbraio ma, vista l’affluenza e il successo, è stata aggiunta una data, domenica 3 marzo alle ore 18:00, per dare al pubblico un’occasione in più per godersi lo show qualora l’avesse perso.
La maestra della satira non si risparmia, anzi offre il meglio di sé e lo fa da sola, su una scena minimalista, accompagnata solo da qualche immagine che scorre alle sue spalle. Con la sua energia, la sua sincerità ci porta a fare un viaggio a spasso nella vita quotidiana e lo fa coinvolgendo anche il pubblico stesso. Il suo bersaglio preferito é proprio l’essere umano, sociale e politico, di cui vengono evidenziati pregi e difetti nelle varie realtà, da quella scolastica a quella lavorativa , da quella politica a quella giornalistica.
Consegnandoci i suoi pensieri, le sue critiche e le sue riflessioni senza filtri, senza sconti per nessuno, la protagonista, con un ritmo serrato che non le concede un attimo di riposo, dimostra ancora una volta di essere una forza della natura.

Commenti