Passa ai contenuti principali

UN 2019 RICCO DI NOVITA' PER L'ATTRICE GIOIA LIBARDONI


UN 2019 RICCO DI NOVITA'
PER L'ATTRICE GIOIA LIBARDONI,
SEMPRE DIVISA TRA HOLLYWOOD E L'ITALIA

Per Gioia Libardoni il 2019 sarà un anno ricco di novità e belle sorprese, soprattutto su grande schermo.

L'attrice trentina, ormai da tempo divisa tra Hollywood (dove lavora anche come filmaker) e l'Italia, tornerà infatti al cinema con due film e dei personaggi destinati a conquistare il pubblico.

Uno è l'action movie “Trading Paint” diretto da Karzan Kader e ambientato nel mondo delle corse automobilistiche.

Qui Gioia veste i panni della sensuale Kelly, segretaria di Linsky (Michael Madsen), antagonista in una storia che vede protagonista l'ex campione Sam Munroe (interpretato da John Travolta) alle prese con le problematiche legate al figlio Cam (Toby Sebastian), aspirante pilota che decide di schierarsi con la squadra rivale.
Nel cast anche la pop-star americana Shania Twain.
L'altro è “Restiamo amici”, commedia firmata da Antonello Grimaldi e tratta dal romanzo di Bruno Burbi “Si può essere amici per sempre”, che era stata presentata in anteprima all'ultimo Taormina FilmFest.

Nel film Gioia interpreta Clara, donna bella e DEterminata, sposata con Leo (Libero de Rienzo) e molto legata come lui al pediatra vedovo Alessandro (Michele Riondino) nonché al suo migliore amico Gigi (Alessandro Roja), che in fin di di vita, gli fa una proposta surreale.



Chi è Gioia Libardoni
Nata a Levico Terme (in provincia di Trento), dopo essersi diplomata in lingue (sua passione insieme allo sport) si è trasferita a Roma dove ha mosso i suoi primi passi nel mondo del cinema e della tv. Ha partecipato come attrice a fiction di successo come “Anna e I Cinque” (2008) e “Le Segretarie del Sesto” (2009), per poi farsi conoscere ancora di più dal grande pubblico grazie a “Cado dalle Nubi” (2009), primo film di Checco Zalone diretto da Gennaro Nunziante.
Nel frattempo ha iniziato la sua carriera come filmaker, divisa tra l'Italia e gli Stati Uniti: ha, per esempio, creato il teaser di fiction del museo Muse di Renzo Piano e lavorando sul set di film come “Tutte le strade portano a Roma” (del 2015, con Sarah Jessica Parker Raul Bova) o “Black Butterfly” (del 2017, con Antonio Banderas e Jonathan Rhys Meyers). E non è finita qui, perché nel 2016 ha lavorato come assistente nel team di Tom Hanks per la realizzazione del film “Inferno”.

Questo però non dimenticando mai la sua passione per la recitazione: ha infatti recitato nel film “Finding Steve McQueen” con Travis Fimmel e il premio Oscar Forest Whitaker e ha persino debuttato a teatro, a Los Angeles, con la fortunata commedia “My Big Gay Italian Wedding” di Anthony J. Wilkinson.


Commenti

Post popolari in questo blog

Torna a Milano la Baltic Sea Youth Philharmonic

Torna a Milano la Baltic Sea Youth Philharmonic, l'orchestra che unisce le diverse tradizioni musicali dei paesi che circondano il Mar Baltico, nella convinzione che la musica non conosca né confini né limiti, sia di natura geografica che di genere. Il tour, realizzato grazie al sostegno di Saipem, debutterà il 10 settembre a Heiden, in Germania, e toccherà, in dieci giorni, nove differenti città in Svizzera, Italia, Danimarca e Polonia. In Italia la Baltic Sea Youth Philharmonic sarà a Milano il 14 settembre nel suggestivo contesto della Basilica di Santa Maria delle Grazie, ospite dell’Associazione Musicale ArteViva, e a Verona il 15 settembre al Teatro Filarmonico per il festival “Settembre dell’Accademia” dove si esibirà per il secondo anno consecutivo. Il pubblico milanese avrà il piacere di applaudire i giovani artisti della Baltic Sea Youth Philharmonic per la quarta volta. L’orchestra, fondata nel 2008 da Kristjan Järvi (affiancato da un prestigioso consiglio di consulent

Rugantino - dal 10 marzo al Sistina!

  Per la gioia del pubblico rivive una pagina indimenticabile della lunga e gloriosa storia del Teatro Sistina: dopo lo stop forzato dovuto alla pandemia, dal prossimo giovedì 10, e fino al 27 marzo, sarà di nuovo in scena, con la supervisione di Massimo Romeo Piparo, la maschera amara e dissacrante di "Rugantino" dei mitici Garinei & Giovannini. Lo spettacolo, che fonde mirabilmente tradizione e modernità, viene presentato nella sua versione storica originale, con la regia di Pietro Garinei, le splendide musiche del M° Armando Trovajoli, le preziose scene e i bellissimi costumi originali firmati da Giulio Coltellacci: un imperdibile ritorno alle radici e un'occasione per riscoprire un classico del teatro musicale italiano. Sul palco, la splendida Serena Autieri, ancora una volta straordinaria interprete dell'intrigante personaggio di Rosetta, donna bella altera e irraggiungibile, che fa battere il cuore di Rugantino, un ruolo in cui l’attrice napoletana dà prova

Torna in scena "The Boys in the band". Gabrio Gentilini sarà ancora Donald.

Gabrio Gentilini sarà in scena sabato 26 marzo al Teatro Nuovo di San Marino con lo spettacolo “The Boys in the Band”, di cui è co-protagonista dalla prima messa in scena italiana del 2019. Nella piece, proposta al pubblico italiano grazie alla traduzione e all’adattamento di Costantino della Gherardesca, che la produce accanto a Giorgio Bozzo, il regista, Gabrio ricopre il ruolo di Donald, un ragazzo di 28 anni, americano e gay, che con la sua presenza a una festa di compleanno tra amici omosessuali in un appartamento di New York a fine anni '60, creerà varie dinamiche all’interno del gruppo, in un crescendo di colpi di scena, tensione, umorismo feroce e riflessioni profonde. Gabrio ha nel suo curriculum esperienze molto importanti nel teatro di prosa e musicale oltre che ruoli in produzioni cinematografiche e televisive nazionali. “Sono veramente contento di portare questo spettacolo nella mia Romagna. Ne amo il testo, così come la sintonia che si crea con i mie colleghi ogni vol