Passa ai contenuti principali

“La storia d’Itaglia” e di noi tutti. Scontri generazionali sotto la bandiera.




Padri e figli, pungolati da una professoressa assai particolare, gli uni di fronte agli altri. Complice un bizzarro copione teatrale sulla storia del nostro Paese, rivisitata e corretta. Generazioni diverse a confronto nell’era dell’incomunicabilità. Una commedia allegra e divertente, propria dei nostri giorni, ma senza riferimenti politici né colori. Se non quelli, sempre sacri, della nostra bandiera. In scena dal 31 gennaio al 17 febbraio.

Galeotto fu il copione… E’ pur sempre una storia d’amore, tra padri e figli, quella risvegliata non da un romanzo cavalleresco, ma dalla storia d’Italia, riscritta dai ragazzi (o almeno così pare), su imput di una professoressa dalle velleità artistiche. A portare in scena il testo saranno i padri, costretti così a confrontarsi e a dialogare con i figli, e alla fine ad andare in scena sarà proprio l’incomunicabilità dei nostri giorni. Sotto i riflettori, una crisi interpersonale senza eguali e senza distinzioni: non solo tra padri e figli, ma tra genitori e insegnanti, tra ragazzi e ragazzi all’interno della scuola, tra ruoli nella società. Una crisi di valori e di memoria storica, che forse solo un ripasso degli ideali d’un tempo può risolvere, indicando la strada di oggi e domani. Una formula divertente ma anche profonda di teatro nel teatro, con continui cambi di registro. Da Romolo e Remo all’Unità d’Italia, passando per le Idi di Marzo, il pubblico assiste alle prove… che mettono alla prova generazioni diverse, con un bilancio finale “sovversivo”: non sarà che i ragazzi hanno in fondo più cuore e più testa degli adulti?



LA STORIA D’ITAGLIA Categoria Fuoriclasse
di Alessandro Tirocchi, Maurizio Paniconi e Claudio Pallottini, diretto da Marco Simeoli. Con Daniele Derogatis (Michele), Valeria Monetti (la professoressa), Maurizio Paniconi (Andrea) e Alessandro Tirocchi (Giovanni). Produzione Compagnia Amo.

E se Romolo e Remo avessero avuto un terzo fratello? Tre alunni delle superiori presentano un lavoro di gruppo, con la propria personale interpretazione della storia del nostro Paese. La professoressa decide di farne un copione da mettere in scena e di obbligare i papà dei tre ragazzi a recitare. Nemmeno l’Unità però si fece in un giorno solo e, tra liti, tentativi di abbandono e colpi di scena, “La Vera Storia d’Itaglia” rischia di non debuttare. Le prove mettono infatti a nudo la psicologia dei padri-attori: il rapporto coi figli, con la scuola e con l’essere genitori al giorno d’oggi.

Info e prenotazioni:
TEATRO/CINEMA MARTINITT
Via Pitteri 58, Milano - Tel. 02 36.58.00.10 - Parcheggio gratuito.
Orario spettacoli giovedì-sabato ore 21, domenica ore 18. Il sabato anche alle 17.30.
Biglietteria: lunedì 17.30-20, martedì-sabato 10-20, domenica 14-20. Ingresso: 24 euro spettacoli Fuoriclasse, 26 euro spettacoli Campioni. Abbonamenti a partire da 62 euro.


Commenti

Post popolari in questo blog

Torna a Milano la Baltic Sea Youth Philharmonic

Torna a Milano la Baltic Sea Youth Philharmonic, l'orchestra che unisce le diverse tradizioni musicali dei paesi che circondano il Mar Baltico, nella convinzione che la musica non conosca né confini né limiti, sia di natura geografica che di genere. Il tour, realizzato grazie al sostegno di Saipem, debutterà il 10 settembre a Heiden, in Germania, e toccherà, in dieci giorni, nove differenti città in Svizzera, Italia, Danimarca e Polonia. In Italia la Baltic Sea Youth Philharmonic sarà a Milano il 14 settembre nel suggestivo contesto della Basilica di Santa Maria delle Grazie, ospite dell’Associazione Musicale ArteViva, e a Verona il 15 settembre al Teatro Filarmonico per il festival “Settembre dell’Accademia” dove si esibirà per il secondo anno consecutivo. Il pubblico milanese avrà il piacere di applaudire i giovani artisti della Baltic Sea Youth Philharmonic per la quarta volta. L’orchestra, fondata nel 2008 da Kristjan Järvi (affiancato da un prestigioso consiglio di consulent

Rugantino - dal 10 marzo al Sistina!

  Per la gioia del pubblico rivive una pagina indimenticabile della lunga e gloriosa storia del Teatro Sistina: dopo lo stop forzato dovuto alla pandemia, dal prossimo giovedì 10, e fino al 27 marzo, sarà di nuovo in scena, con la supervisione di Massimo Romeo Piparo, la maschera amara e dissacrante di "Rugantino" dei mitici Garinei & Giovannini. Lo spettacolo, che fonde mirabilmente tradizione e modernità, viene presentato nella sua versione storica originale, con la regia di Pietro Garinei, le splendide musiche del M° Armando Trovajoli, le preziose scene e i bellissimi costumi originali firmati da Giulio Coltellacci: un imperdibile ritorno alle radici e un'occasione per riscoprire un classico del teatro musicale italiano. Sul palco, la splendida Serena Autieri, ancora una volta straordinaria interprete dell'intrigante personaggio di Rosetta, donna bella altera e irraggiungibile, che fa battere il cuore di Rugantino, un ruolo in cui l’attrice napoletana dà prova

Torna in scena "The Boys in the band". Gabrio Gentilini sarà ancora Donald.

Gabrio Gentilini sarà in scena sabato 26 marzo al Teatro Nuovo di San Marino con lo spettacolo “The Boys in the Band”, di cui è co-protagonista dalla prima messa in scena italiana del 2019. Nella piece, proposta al pubblico italiano grazie alla traduzione e all’adattamento di Costantino della Gherardesca, che la produce accanto a Giorgio Bozzo, il regista, Gabrio ricopre il ruolo di Donald, un ragazzo di 28 anni, americano e gay, che con la sua presenza a una festa di compleanno tra amici omosessuali in un appartamento di New York a fine anni '60, creerà varie dinamiche all’interno del gruppo, in un crescendo di colpi di scena, tensione, umorismo feroce e riflessioni profonde. Gabrio ha nel suo curriculum esperienze molto importanti nel teatro di prosa e musicale oltre che ruoli in produzioni cinematografiche e televisive nazionali. “Sono veramente contento di portare questo spettacolo nella mia Romagna. Ne amo il testo, così come la sintonia che si crea con i mie colleghi ogni vol