Passa ai contenuti principali

LA STANZA DI ARACNE


TEATRO CITTA’ DELL’ALTRA ECONOMIA
Produzione  Artistidea e Artinmovimento 
con il sostegno Residenza Teatro Villa Pamphilj- Teatro di Roma
presentano in Prima nazionale

DAL 17 AL 20 GENNAIO 2019
LA STANZA DI ARACNE
di Vittorio Continelli e Luana Giacovelli
image.gif
con Sonia Viviani e Linda Di Pietro
Regia: Vittorio Continelli
musiche originali: Gianluca Misiti
foto: Patrizio Cocco
tecnico: Dante Renzetti
Ufficio Stampa: Claudia Ragno – Argon Media
 
Le donne parlano. Parlano tra loro, anche quando sembra impossibile farlo, anche quando il mondo intorno cerca di ridurle al silenzio, le donne trovano la forza per confrontarsi e raccontare i propri segreti. Le donne pensano. Le donne sognano. Le donne piangono. Le donne perdono il lavoro. E quando succede si infrangono le parole, i sogni, i pensieri. Perché si perde il luogo dove, tra donne, ci si sosteneva e confrontava. Dove poter essere se stesse e, allo stesso tempo, parti importanti di un progetto collettivo. Le donne hanno talento. Ma spesso chi pensa al profitto vede in quel talento un confronto difficile da sopportare. E se ne vendica. Ma le donne hanno anche il talento del silenzio. Capaci di tessere quella tela che si chiama relazione, famiglia, società. 

La stanza di Aracne, che debutta il 17 gennaio in prima nazionale al teatro dell’Altra Economia di Roma (diretto da Vittorio Continelli che ha scritto il testo insieme a Luana Giacovelli e interpretato da Sonia Viviani e Linda Di Pietro) per restare in scena fino al 20 gennaio, parte da una traccia antica. Un mito appartenente al corpus della mitologia classica in cui una dea, Atena, non tollera la “sfacciataggine” di una umile ma eccezionale tessitrice di Grecia e la punisce senza pietà trasformandola in ragno.

Da lì si arriva ai giorni nostri, a una fabbrica tessile che chiude, al lavoro di anni che viene svilito. SI arriva al confronto serrato tra due donne, molto diverse tra loro, che mostrano ognuna la propria ferita profonda.

La stanza di Aracne parla di donne ma non parla solo alle donne. Le due protagoniste si confrontano in un dialogo, mettono in scena i rapporti di forza e di potere in campo, con un occhio di riguardo alla condizione femminile nel mondo del lavoro. Sin dall’antichità qualcuno ha cercato di raccontare una storia diversa da quella imposta dai vincitori. Ma la storia di ogni donna è la storia di tutti noi. E’ lo specchio della Società in cui viviamo e quella che sogniamo per i nostri figli. La stanza di Aracne non è solo un doloroso manifesto della condizione femminile ma è una tela sulla quale leggere quello che siamo diventati.

CITTA’ DELL’ALTRA ECONOMIA - SALA ASIA - LARGO DINO FRISULLO  (TESTACCIO)

GIOVEDI’ 17 – VENERDI’ 18 – SABATO 19: ORE 21 / DOMENICA 20: ORE 17

PREZZO BIGLIETTI: € 18 (intero) - € 15 (ridotto)

PER INFORMAZIONI: 3206474432 – email: richiestainfo@artistidea.org

Commenti

Post popolari in questo blog

Torna a Milano la Baltic Sea Youth Philharmonic

Torna a Milano la Baltic Sea Youth Philharmonic, l'orchestra che unisce le diverse tradizioni musicali dei paesi che circondano il Mar Baltico, nella convinzione che la musica non conosca né confini né limiti, sia di natura geografica che di genere. Il tour, realizzato grazie al sostegno di Saipem, debutterà il 10 settembre a Heiden, in Germania, e toccherà, in dieci giorni, nove differenti città in Svizzera, Italia, Danimarca e Polonia. In Italia la Baltic Sea Youth Philharmonic sarà a Milano il 14 settembre nel suggestivo contesto della Basilica di Santa Maria delle Grazie, ospite dell’Associazione Musicale ArteViva, e a Verona il 15 settembre al Teatro Filarmonico per il festival “Settembre dell’Accademia” dove si esibirà per il secondo anno consecutivo. Il pubblico milanese avrà il piacere di applaudire i giovani artisti della Baltic Sea Youth Philharmonic per la quarta volta. L’orchestra, fondata nel 2008 da Kristjan Järvi (affiancato da un prestigioso consiglio di consulent

Rugantino - dal 10 marzo al Sistina!

  Per la gioia del pubblico rivive una pagina indimenticabile della lunga e gloriosa storia del Teatro Sistina: dopo lo stop forzato dovuto alla pandemia, dal prossimo giovedì 10, e fino al 27 marzo, sarà di nuovo in scena, con la supervisione di Massimo Romeo Piparo, la maschera amara e dissacrante di "Rugantino" dei mitici Garinei & Giovannini. Lo spettacolo, che fonde mirabilmente tradizione e modernità, viene presentato nella sua versione storica originale, con la regia di Pietro Garinei, le splendide musiche del M° Armando Trovajoli, le preziose scene e i bellissimi costumi originali firmati da Giulio Coltellacci: un imperdibile ritorno alle radici e un'occasione per riscoprire un classico del teatro musicale italiano. Sul palco, la splendida Serena Autieri, ancora una volta straordinaria interprete dell'intrigante personaggio di Rosetta, donna bella altera e irraggiungibile, che fa battere il cuore di Rugantino, un ruolo in cui l’attrice napoletana dà prova

Torna in scena "The Boys in the band". Gabrio Gentilini sarà ancora Donald.

Gabrio Gentilini sarà in scena sabato 26 marzo al Teatro Nuovo di San Marino con lo spettacolo “The Boys in the Band”, di cui è co-protagonista dalla prima messa in scena italiana del 2019. Nella piece, proposta al pubblico italiano grazie alla traduzione e all’adattamento di Costantino della Gherardesca, che la produce accanto a Giorgio Bozzo, il regista, Gabrio ricopre il ruolo di Donald, un ragazzo di 28 anni, americano e gay, che con la sua presenza a una festa di compleanno tra amici omosessuali in un appartamento di New York a fine anni '60, creerà varie dinamiche all’interno del gruppo, in un crescendo di colpi di scena, tensione, umorismo feroce e riflessioni profonde. Gabrio ha nel suo curriculum esperienze molto importanti nel teatro di prosa e musicale oltre che ruoli in produzioni cinematografiche e televisive nazionali. “Sono veramente contento di portare questo spettacolo nella mia Romagna. Ne amo il testo, così come la sintonia che si crea con i mie colleghi ogni vol