Passa ai contenuti principali

In primo piano

Trani Teatro Clown. L'Intervista al direttore artistico Santo Nicito.

  E' stata una prima edizione di grande successo quella del Trani Teatro Clown Festival Internazionale che dal 6 all'11 luglio ha rallegrato la città di Trani con spettacoli, incontri, laboratori e workshop tutti incentrati sulla figura del Clown. Tantissimi i partecipanti per un'edizione che ha rappresentato solo l'inizio di una nuova avventura che continuerà anche d'inverno nella bellissima città pugliese. Abbiamo intervistato Santo Nicito direttore artistico della Rassegna.       E' terminato da poco il Trani Teatro Clown qual è il bilancio di questa esperienza? Assolutamente positiva! I numeri sono dalla nostra parte, questo dimostra che l’offerta messa in campo ha   suscitato curiosità e interesse. Questa prima edizione del Trani Teatro Clown Festival Internazionale è stata la realizzazione di un sogno. Un vero miracolo! Abbiamo gettato le basi per quello che già da settembre, per la seconda edizione, speriamo e vogliamo sia un progetto molto più

LA STANZA DI ARACNE


TEATRO CITTA’ DELL’ALTRA ECONOMIA
Produzione  Artistidea e Artinmovimento 
con il sostegno Residenza Teatro Villa Pamphilj- Teatro di Roma
presentano in Prima nazionale

DAL 17 AL 20 GENNAIO 2019
LA STANZA DI ARACNE
di Vittorio Continelli e Luana Giacovelli
image.gif
con Sonia Viviani e Linda Di Pietro
Regia: Vittorio Continelli
musiche originali: Gianluca Misiti
foto: Patrizio Cocco
tecnico: Dante Renzetti
Ufficio Stampa: Claudia Ragno – Argon Media
 
Le donne parlano. Parlano tra loro, anche quando sembra impossibile farlo, anche quando il mondo intorno cerca di ridurle al silenzio, le donne trovano la forza per confrontarsi e raccontare i propri segreti. Le donne pensano. Le donne sognano. Le donne piangono. Le donne perdono il lavoro. E quando succede si infrangono le parole, i sogni, i pensieri. Perché si perde il luogo dove, tra donne, ci si sosteneva e confrontava. Dove poter essere se stesse e, allo stesso tempo, parti importanti di un progetto collettivo. Le donne hanno talento. Ma spesso chi pensa al profitto vede in quel talento un confronto difficile da sopportare. E se ne vendica. Ma le donne hanno anche il talento del silenzio. Capaci di tessere quella tela che si chiama relazione, famiglia, società. 

La stanza di Aracne, che debutta il 17 gennaio in prima nazionale al teatro dell’Altra Economia di Roma (diretto da Vittorio Continelli che ha scritto il testo insieme a Luana Giacovelli e interpretato da Sonia Viviani e Linda Di Pietro) per restare in scena fino al 20 gennaio, parte da una traccia antica. Un mito appartenente al corpus della mitologia classica in cui una dea, Atena, non tollera la “sfacciataggine” di una umile ma eccezionale tessitrice di Grecia e la punisce senza pietà trasformandola in ragno.

Da lì si arriva ai giorni nostri, a una fabbrica tessile che chiude, al lavoro di anni che viene svilito. SI arriva al confronto serrato tra due donne, molto diverse tra loro, che mostrano ognuna la propria ferita profonda.

La stanza di Aracne parla di donne ma non parla solo alle donne. Le due protagoniste si confrontano in un dialogo, mettono in scena i rapporti di forza e di potere in campo, con un occhio di riguardo alla condizione femminile nel mondo del lavoro. Sin dall’antichità qualcuno ha cercato di raccontare una storia diversa da quella imposta dai vincitori. Ma la storia di ogni donna è la storia di tutti noi. E’ lo specchio della Società in cui viviamo e quella che sogniamo per i nostri figli. La stanza di Aracne non è solo un doloroso manifesto della condizione femminile ma è una tela sulla quale leggere quello che siamo diventati.

CITTA’ DELL’ALTRA ECONOMIA - SALA ASIA - LARGO DINO FRISULLO  (TESTACCIO)

GIOVEDI’ 17 – VENERDI’ 18 – SABATO 19: ORE 21 / DOMENICA 20: ORE 17

PREZZO BIGLIETTI: € 18 (intero) - € 15 (ridotto)

PER INFORMAZIONI: 3206474432 – email: richiestainfo@artistidea.org

Commenti

Post più popolari