Passa ai contenuti principali

“LA BELLA E LA BESTIA” DA JEANNE-MARIE LEPRINCE DE BEAUMONT


IL TEATRO STABILE DI TORINO PRESENTA IN PRIMA NAZIONALE 
“LA BELLA E LA BESTIA” 
DA JEANNE-MARIE LEPRINCE DE BEAUMONT
CON LA REGIA DI ALBA MARIA PORTO 
Teatro Carignano, sabato 12 gennaio 2019 - ore 15.30 – Prima nazionale - Fuori abbonamento


Il Teatro Stabile di Torino anche nella stagione 2018-2019 dedica uno spazio particolare alle fiabe che prenderanno vita nella cornice unica, suggestiva e magica del Teatro Carignano, infatti da giovedì 10 gennaio 2019 a domenica 12 maggio 2019 si riaprono per i più piccoli - con le repliche programmate al mattino per le scuola - le porte del Teatro con la messa in scena dello spettacolo LA BELLA E LA BESTIA da Jeanne-Marie Leprince de Beaumont. Un’occasione speciale, per i piccoli spettatori, di vivere la magia del teatro unito al linguaggio universale della fiaba.

Il debutto dello spettacolo al Carignano in prima nazionale per il pubblico è fissato per sabato 12 gennaio 2019, alle ore 15.30 (trovate il calendario completo delle recite aperte al pubblico nella pagina successiva).

Lo spettacolo, prodotto dal Teatro Stabile di Torino - Teatro Nazionale, è diretto da Alba Maria Porto ed è interpretato da Federica Dordei, Andrea Fazzari, Marco Imparato, Camilla Sandri, Valentina Spaletta Tavella. L’adattamento è di Giulia Ottaviano e Alba Maria Porto.

«Mi trovi molto brutto? Rispondi sinceramente».
Bella rabbrividì, temendo di provocare la collera di lui, ma rispose: «Sì, mi sembri brutto, ma credo che tu sia molto buono! E io preferisco un essere come te, brutto e buono, rispetto a un altro bellissimo ma cattivo».

«A volte le cose non sono come sembrano e dietro le apparenze si nasconde altro. Ecco perché la realtà in cui viviamo spesso ci appare inafferrabile, imprevedibile.
Bella e Bestia sono due esseri marchiati da un nome che pone e cristallizza la realtà in cui si muovono e il loro stesso essere. Il loro nome è una carta d’identità che li presenta al mondo. Eppure dietro l’esteriorità e la superficie si cela qualcosa di prezioso. È questo il viaggio che i due protagonisti affronteranno, un viaggio verso se stessi e la loro interiorità, e infine verso l’altro. Una traversata verso il loro io più autentico, nascosto e dimenticato sotto la roccia, erosa e modellata dalla risacca che ne ha forgiato la pietra. La bestia riscopre così un diamante nascosto e prezioso che nella fiaba è rappresentato da una rosa: simbolo della fragilità dei sentimenti. La Bestia vive l’incantesimo in cui è caduta come un’espiazione – un percorso di crescita – che le permette di cambiare la propria visione del mondo e l’atteggiamento nei confronti degli altri così da essere per la prima volta in grado di amare. Mentre Bella, intenerita dall’animo del mostro, riesce ad andare oltre le apparenze e una volta innamoratasi dell’animo nobile dell’animale ne ama anche l’aspetto. Ai miei occhi si tratta di una favola intrisa di coraggio, per il destino cui Bella accetta di andare incontro senza titubanze, a passo deciso. Una parabola in cui le certezze sono continuamente capovolte per riscoprire gli aspetti imprevisti che la vita ci offre». Alba Maria Porto
-------------------------------------------

PERSONAGGI E INTERPRETI
LA BELLA – Camilla Sandri
LA BESTIA – Marco Imparato
IL PADRE – Andrea Fazzari
ASSUNTA – Federica Dordei
CAROLINA – Valentina Spaletta Tavella

TEATRO CARIGNANO
10 gennaio – 12 maggio 2019 | Prima nazionale – Fuori abbonamento
LA BELLA E LA BESTIA
da Jeanne-Marie Leprince de Beaumont
adattamento di Giulia Ottaviano e Alba Maria Porto
con (in ordine alfabetico) Federica Dordei, Andrea Fazzari, Marco Imparato, 
Camilla Sandri, Valentina Spaletta Tavella
regia Alba Maria Porto
Teatro Stabile di Torino – Teatro Nazionale


Scopri il TEATRO CARIGNANO con la tua famiglia
“LA BELLA E LA BESTIA”
CALENDARIO DELLE RECITE APERTE AL PUBBLICO

gennaio 2019
sabato 12 gennaio - ore 15.30 – Prima nazionale
domenica 13 gennaio - ore 10.30
sabato 19 gennaio - ore 15.30
domenica 20 gennaio - ore 10.30
sabato 26 gennaio - ore 15.30
domenica 27 gennaio - ore 10.30

febbraio 2019
sabato 2 febbraio - ore 15.30
domenica 3 febbraio - ore 10.30
sabato 9 febbraio - ore 15.30
domenica 10 febbraio - ore 10.30
domenica 17 febbraio - ore 10.30
sabato 23 febbraio - ore 15.30
domenica 24 febbraio - ore 10.30

marzo 2019
domenica 3 marzo - ore 10.30
domenica 10 marzo - ore 10.30
sabato 16 marzo - ore 15.30 – la recita del 16 marzo sarà rappresentata al Teatro Gobetti
domenica 17 marzo - ore 10.30 - la recita del 17 marzo sarà rappresentata al Teatro Gobetti
sabato 23 marzo - ore 15.30
domenica 24 marzo - ore 10.30

aprile 2019
domenica 7 aprile - ore  10.30
sabato 13 aprile - ore 15.30
domenica 14 aprile - ore  10.30
sabato 27 aprile - ore 15.30
domenica 28 aprile - ore  10.30

maggio 2019
sabato 4 maggio - ore 15.30
domenica 5 maggio - ore  10.30
sabato 11 maggio - ore 15.30
domenica 12 maggio - ore  10.30


BIGLIETTI
€ 5,00 in biglietteria - € 5,00* on-line
(*escluse commissioni)
In vendita presso la Biglietteria del Teatro Gobetti (via Rossini, 8 Torino), dalle 13.00 alle 19.00, domenica e lunedì riposo, e on-line sul sitowww.teatrostabiletorino.it
Lunedì 24 dicembre la biglietteria sarà aperta dalle 10.00 alle 17.00.
Chiusure della Biglietteria nel periodo festivo: domenica 23/12/2018 – martedì 25/12/2018 - mercoledì 26/12/2018 - domenica 30/12/2018 - lunedì 31/12/2018 - martedì 01/01/2019 - domenica 06/01/2019 - lunedì 07/01/2019.

INFORMAZIONI
tel 011/5169555
info@teatrostabiletorino.it
www.teatrostabiletorino.it

Commenti

Post popolari in questo blog

Torna a Milano la Baltic Sea Youth Philharmonic

Torna a Milano la Baltic Sea Youth Philharmonic, l'orchestra che unisce le diverse tradizioni musicali dei paesi che circondano il Mar Baltico, nella convinzione che la musica non conosca né confini né limiti, sia di natura geografica che di genere. Il tour, realizzato grazie al sostegno di Saipem, debutterà il 10 settembre a Heiden, in Germania, e toccherà, in dieci giorni, nove differenti città in Svizzera, Italia, Danimarca e Polonia. In Italia la Baltic Sea Youth Philharmonic sarà a Milano il 14 settembre nel suggestivo contesto della Basilica di Santa Maria delle Grazie, ospite dell’Associazione Musicale ArteViva, e a Verona il 15 settembre al Teatro Filarmonico per il festival “Settembre dell’Accademia” dove si esibirà per il secondo anno consecutivo. Il pubblico milanese avrà il piacere di applaudire i giovani artisti della Baltic Sea Youth Philharmonic per la quarta volta. L’orchestra, fondata nel 2008 da Kristjan Järvi (affiancato da un prestigioso consiglio di consulent

Rugantino - dal 10 marzo al Sistina!

  Per la gioia del pubblico rivive una pagina indimenticabile della lunga e gloriosa storia del Teatro Sistina: dopo lo stop forzato dovuto alla pandemia, dal prossimo giovedì 10, e fino al 27 marzo, sarà di nuovo in scena, con la supervisione di Massimo Romeo Piparo, la maschera amara e dissacrante di "Rugantino" dei mitici Garinei & Giovannini. Lo spettacolo, che fonde mirabilmente tradizione e modernità, viene presentato nella sua versione storica originale, con la regia di Pietro Garinei, le splendide musiche del M° Armando Trovajoli, le preziose scene e i bellissimi costumi originali firmati da Giulio Coltellacci: un imperdibile ritorno alle radici e un'occasione per riscoprire un classico del teatro musicale italiano. Sul palco, la splendida Serena Autieri, ancora una volta straordinaria interprete dell'intrigante personaggio di Rosetta, donna bella altera e irraggiungibile, che fa battere il cuore di Rugantino, un ruolo in cui l’attrice napoletana dà prova

Torna in scena "The Boys in the band". Gabrio Gentilini sarà ancora Donald.

Gabrio Gentilini sarà in scena sabato 26 marzo al Teatro Nuovo di San Marino con lo spettacolo “The Boys in the Band”, di cui è co-protagonista dalla prima messa in scena italiana del 2019. Nella piece, proposta al pubblico italiano grazie alla traduzione e all’adattamento di Costantino della Gherardesca, che la produce accanto a Giorgio Bozzo, il regista, Gabrio ricopre il ruolo di Donald, un ragazzo di 28 anni, americano e gay, che con la sua presenza a una festa di compleanno tra amici omosessuali in un appartamento di New York a fine anni '60, creerà varie dinamiche all’interno del gruppo, in un crescendo di colpi di scena, tensione, umorismo feroce e riflessioni profonde. Gabrio ha nel suo curriculum esperienze molto importanti nel teatro di prosa e musicale oltre che ruoli in produzioni cinematografiche e televisive nazionali. “Sono veramente contento di portare questo spettacolo nella mia Romagna. Ne amo il testo, così come la sintonia che si crea con i mie colleghi ogni vol