Passa ai contenuti principali

GRAZIE, GABER! - Walter Di Gemma omaggia Giorgio Gaber all'Ecoteatro




Venerdì 25 gennaio ore 21, all'EcoTeatro di Milano si rende omaggio al grande Giorgio Gaber che proprio in questa data avrebbe compiuto 80 anni. Un récital di canzoni e monologhi del repertorio Gaber-Luporini che con grande rispetto, il cantautore milanese Walter Di Gemma offre la sua appassionata esperienza, attraversando l'opera letteraria di uno dei più importanti personaggi del '900 italiano. Doveroso non solo ricordarlo, quindi, ma riproporlo in teatro.

Il récital ha debuttato nel 2004 ottenendo un grandissimo consenso da parte di pubblico e critica che ha portato Di Gemma a essere considerato uno dei migliori interpreti di Giorgio Gaber, complice una forte amicizia che ha legato i due artisti per anni.

Lo spettacolo è l'occasione per riascoltare brani quali L'illogica allegria, Gildo, Quando sarò capace d'amare, Le elezioni, L'odore (per citarne alcuni)... accomunati tutti da una profonda e sincera autocritica, con riflessioni sui valori perduti in nome di una smania individualista.

WdG "Siamo figli di un tempo che osanna la libertà personale a qualsiasi costo, spesso distruggendo quella degli altri, con la falsa convinzione che questo atteggiamento serva a farci sentire noi stessi, mentre noi affondiamo inconsapevoli nel terreno inaridito da mode precostituite, falsi miti e ideologie imperanti."

Non si ha mai abbastanza a fuoco, il messaggio che Gaber ha lasciato in eredità a intere generazioni che ora lo studiano sui banchi di scuola. Alla domanda su cosa lo spinga a misurarsi con l'arte di Gaber, Di Gemma risponde: 
"Necessità di ripercorrerlo, come un bisogno non fisico ma interiore. Come fosse una linfa, che ti alimenta, ti sostiene perché ci sono in lui tutti i valori che una persona onesta vorrebbe raggiungere ed è bello essere stati segnati da Gaber, vivendo sotto la sua ombra, perché è impossibile superarlo. E' una protezione, un punto fermo, un riferimento per una coerenza del ragionamento, lucido."

Tra Gaber e Di Gemma anche una grande amicizia, di cui il ricordo più piacevole
"A parte i suoi spettacoli, che mi sconvolgevano ogni volta, lo aspettavo in camerino e stavo con lui fino alla fine, era straordinario e percepivo il suo piacere nel condividere con me questi momenti. Non dimenticherò mai quel suo abbraccio spontaneo, così inaspettato... paterno e fraterno allo stesso tempo."

Walter Di Gemma conduce con grande successo la trasmissione "Cantalombardia" al fianco di Sabrina Musiani, in assoluto il format di Antenna3 più seguito dedicato alla canzone lombarda. 

30 anni di carriera in cabaret tra i più noti e storici palchi, due volte vincitore del Premio Giovanni D'Anzi è senz'altro uno degli esponenti più interessanti del panorama musicale lombardo contemporaneo.

Le sue traduzioni di Jacques Brel sono apprezzate in tutto il mondo e hanno ricevuto uno speciale riconoscimento dalla famiglia del famoso cantautore belga.

E' stato uno degli artisti coinvolti nel Primo Festival della Nuova Lingua Lombarda, progetto ideato dalla Regione Lombardia e dal Comune di Spirano (Bg)



Info e prenotazioni
Poltronissima € 30.00 | Over 60 € 23.00 | Under 25 € 23.00
Poltrona e Galleria € 23.00 | Over 60 € 16.00 | Under 25 € 16.00

Ecoteatro
Via Fezzan 11 - 20146 Milano
Direzione Marco Daverio
Tel: 02 82773651
La biglietteria è aperta da giovedì a sabato dalle ore 15 alle ore 19 – Tel: 370 1424292

Commenti

Post popolari in questo blog

Torna a Milano la Baltic Sea Youth Philharmonic

Torna a Milano la Baltic Sea Youth Philharmonic, l'orchestra che unisce le diverse tradizioni musicali dei paesi che circondano il Mar Baltico, nella convinzione che la musica non conosca né confini né limiti, sia di natura geografica che di genere. Il tour, realizzato grazie al sostegno di Saipem, debutterà il 10 settembre a Heiden, in Germania, e toccherà, in dieci giorni, nove differenti città in Svizzera, Italia, Danimarca e Polonia. In Italia la Baltic Sea Youth Philharmonic sarà a Milano il 14 settembre nel suggestivo contesto della Basilica di Santa Maria delle Grazie, ospite dell’Associazione Musicale ArteViva, e a Verona il 15 settembre al Teatro Filarmonico per il festival “Settembre dell’Accademia” dove si esibirà per il secondo anno consecutivo. Il pubblico milanese avrà il piacere di applaudire i giovani artisti della Baltic Sea Youth Philharmonic per la quarta volta. L’orchestra, fondata nel 2008 da Kristjan Järvi (affiancato da un prestigioso consiglio di consulent

Rugantino - dal 10 marzo al Sistina!

  Per la gioia del pubblico rivive una pagina indimenticabile della lunga e gloriosa storia del Teatro Sistina: dopo lo stop forzato dovuto alla pandemia, dal prossimo giovedì 10, e fino al 27 marzo, sarà di nuovo in scena, con la supervisione di Massimo Romeo Piparo, la maschera amara e dissacrante di "Rugantino" dei mitici Garinei & Giovannini. Lo spettacolo, che fonde mirabilmente tradizione e modernità, viene presentato nella sua versione storica originale, con la regia di Pietro Garinei, le splendide musiche del M° Armando Trovajoli, le preziose scene e i bellissimi costumi originali firmati da Giulio Coltellacci: un imperdibile ritorno alle radici e un'occasione per riscoprire un classico del teatro musicale italiano. Sul palco, la splendida Serena Autieri, ancora una volta straordinaria interprete dell'intrigante personaggio di Rosetta, donna bella altera e irraggiungibile, che fa battere il cuore di Rugantino, un ruolo in cui l’attrice napoletana dà prova

Torna in scena "The Boys in the band". Gabrio Gentilini sarà ancora Donald.

Gabrio Gentilini sarà in scena sabato 26 marzo al Teatro Nuovo di San Marino con lo spettacolo “The Boys in the Band”, di cui è co-protagonista dalla prima messa in scena italiana del 2019. Nella piece, proposta al pubblico italiano grazie alla traduzione e all’adattamento di Costantino della Gherardesca, che la produce accanto a Giorgio Bozzo, il regista, Gabrio ricopre il ruolo di Donald, un ragazzo di 28 anni, americano e gay, che con la sua presenza a una festa di compleanno tra amici omosessuali in un appartamento di New York a fine anni '60, creerà varie dinamiche all’interno del gruppo, in un crescendo di colpi di scena, tensione, umorismo feroce e riflessioni profonde. Gabrio ha nel suo curriculum esperienze molto importanti nel teatro di prosa e musicale oltre che ruoli in produzioni cinematografiche e televisive nazionali. “Sono veramente contento di portare questo spettacolo nella mia Romagna. Ne amo il testo, così come la sintonia che si crea con i mie colleghi ogni vol