Passa ai contenuti principali

"FAME" AL TEATRO SAN BABILA: UN CAST STELLARE DIRETTO DA FEDERICO BELLONE



ECCEZIONALE NOVITÀ PER IL TEATRO SAN BABILA

A MILANO ARRIVANO I GRANDI MUSICAL IN UN AMBIENTE INTIMO, DOVE LE EMOZIONI RIEMPIONO TUTTO CUORE. 

UN CAST STELLARE PER “FAME - SARANNO FAMOSI” IN SCENA DALL’8 MARZO AL TEATRO SAN BABILA 

Dalla lungimiranza di Marco Vaccari e Fabio Albertazzi, Direttori del Teatro San Babila, sala meneghina centralissima e preziosa, nata nel 1964 per volontà del Cardinale Montini poi divenuto S.S. Papa Paolo VI, e che ha visto sul suo palcoscenico i più importanti attori italiani (tra tanti, De Filippo, la Falk e Calindri), sull’esempio della consolidata tradizione inglese, arriva un progetto in grado di coinvolgere emotivamente il pubblico, grazie all’inserimento di un celebre spettacolo musicale in un comodo, elegante salotto.

“Cabaret”, “Il Vizietto”, “Bulli e pupe”, sono solo alcuni dei titoli realizzati in atmosfere raccolte da massimi esponenti del teatro - come Sam Mendes (il regista del film “American Beauty” che ha firmato una celebre edizione di Cabaret) - che poi, dato il successo fuori dal comune con esauriti immediati per mesi, sono stati “ingigantiti” per teatri più grandi del West End, marchio di qualità conosciuto in tutto il mondo. In parte si tratta di un ritorno poiché l’ensemble pioniere indiscusso del genere in Italia, la Compagnia della Rancia di Saverio Marconi, aveva già rappresentato agli inizi degli anni ’90 proprio al San Babila un emblema come “A Chorus Line”, suscitando un’attenzione dei media e degli spettatori dell’epoca davvero inaspettata.

Oggi la differenza sta nel fatto che le produzioni verranno concepite espressamente per il gioiello di velluto rosso che il regista Federico Bellone (“A qualcuno piace caldo”, Direttore artistico al debutto di Stage Entertainment Italia per i Teatri Nazionale e Brancaccio, e “Mary Poppins” della Disney) definisce “la sala di Milano che maggiormente può ricordare quelle di Broadway, in quanto platea e, in particolar modo, galleria offrono da ogni posto un’immersione completa all’interno della scenografia, per via della loro prossimità al palcoscenico”. 


Una sorta di “prova generale” è già stata realizzata con “West Side Story” che, dopo aver calcato le tavole del Manzoni ed essere stata definita “ottima edizione” dalla penna di Maurizio Porro del Corriere della Sera, è stato messo in scena nelle stagioni liriche del Carlo Felice di Genova e del Maggio Musicale Fiorentino, con un’orchestra sinfonica diretta da Wayne Marshall, vero e proprio “mostro sacro” delle esecuzioni attuali di Bernstein. Il primo di una lunga serie di allestimenti, il cui denominatore comune sarà la più alta qualità possibile, grazie alla scelta di un cast artistico di indiscusso valore, è un classico, un titolo che dagli anni ’80 è diventato un cult entrato nell’immaginario collettivo: “Fame – Saranno Famosi”. 


Il cast sarà formato da uno stuolo di grandi protagonisti del musical italiano pronti a trasmettere dal palcoscenico una grande energia: Luca Giacomelli Ferrarini (Mercuzio in “Romeo e Giulietta”), Giulia Fabbri (Mary Poppins in “Mary Poppins”), Simona Di Stefano (Maddalena in “Jesus Christ Superstar”), Francesca Taverni (Mrs. Goodman in “Next To Normal”), Simona Samarelli (Ulla in “The Producers”), gipeto (Merlino in “Excalibur”), Tiziano Edini (Adam in “Un Americano a Parigi”), Michelle Perera (da “X-Factor” Germania), Marta Melchiorre (Lise in “Un Americano a Parigi”), Roberto Tarsi (David in “Disney - Newsies”), Beatrice Baldaccini (Ariel in “Footloose”), Rodolfo Ciulla (Neil in “Dirty Dancing”), Giovanni Abbracciavento (Razzo in “Newsies”), Monica Ruggeri (Linda Manero ne “La febbre del sabato sera”), Davide Sammartano (Bert in “Mary Poppins”) e Caterina Sampietro (già Carmen nel musical “Fame”). 

Nel cast anche il Direttore Artistico del Teatro San Babila Marco Vaccari nel ruolo di Mr. Myers. La regia di Federico Bellone sarà riprodotta da Giuseppe Musmarra. Gail Richardson (“We Will Rock You” dei Queen) firma le coreografie. Wizard Productions (“Bodyguard - Guardia del corpo”, “Sugar - A qualcuno piace caldo”), in assoluto l’unica casa di produzione non inglese ad aver mai esportato in tutto il mondo un allestimento italiano di un musical americano, l’acclamato “Dirty Dancing”, produce questo nuovo allestimento, con la collaborazione organizzativa di Compagnia della Rancia. “Ho notato spesso”, dice Bellone, “che in sala prove il trasporto emotivo è a volte maggiore che in un grande teatro. 

Recentemente il musical “Titanic”, rappresentato a Londra in uno spazio per soli 263 spettatori, mi ha provocato un coinvolgimento interiore davvero intenso e… violento… In molti credono che i teatri a New York siano enormi… non è vero! Eppure, in quegli spazi si può assistere a spettacoli realmente strepitosi. È questa la sfida che vorremmo vincere al San Babila: proporre musical di altissimo livello che suscitino nel pubblico un’emozione così forte da farlo sentire…vivo! Si comincia con “Saranno Famosi”. Non mancate”. “Fame – Saranno Famosi” sarà in scena al Teatro San Babila di Milano dall’8 marzo 2019.

Teatro San Babila – Milano 
Programmazione: dall’ 8 marzo al 14 aprile 2019 
Spettacoli dal martedì al venerdì ore 20.30 sabato ore 15.30 e 20.30 
domenica ore 15.30 e 19 

I biglietti sono in vendita nel circuito TicketOne.


Sconti per gruppi organizzati: GRATTACIELO Telefono 02/33605185 info@grattacielo.net

Commenti

Post popolari in questo blog

Torna a Milano la Baltic Sea Youth Philharmonic

Torna a Milano la Baltic Sea Youth Philharmonic, l'orchestra che unisce le diverse tradizioni musicali dei paesi che circondano il Mar Baltico, nella convinzione che la musica non conosca né confini né limiti, sia di natura geografica che di genere. Il tour, realizzato grazie al sostegno di Saipem, debutterà il 10 settembre a Heiden, in Germania, e toccherà, in dieci giorni, nove differenti città in Svizzera, Italia, Danimarca e Polonia. In Italia la Baltic Sea Youth Philharmonic sarà a Milano il 14 settembre nel suggestivo contesto della Basilica di Santa Maria delle Grazie, ospite dell’Associazione Musicale ArteViva, e a Verona il 15 settembre al Teatro Filarmonico per il festival “Settembre dell’Accademia” dove si esibirà per il secondo anno consecutivo. Il pubblico milanese avrà il piacere di applaudire i giovani artisti della Baltic Sea Youth Philharmonic per la quarta volta. L’orchestra, fondata nel 2008 da Kristjan Järvi (affiancato da un prestigioso consiglio di consulent

Rugantino - dal 10 marzo al Sistina!

  Per la gioia del pubblico rivive una pagina indimenticabile della lunga e gloriosa storia del Teatro Sistina: dopo lo stop forzato dovuto alla pandemia, dal prossimo giovedì 10, e fino al 27 marzo, sarà di nuovo in scena, con la supervisione di Massimo Romeo Piparo, la maschera amara e dissacrante di "Rugantino" dei mitici Garinei & Giovannini. Lo spettacolo, che fonde mirabilmente tradizione e modernità, viene presentato nella sua versione storica originale, con la regia di Pietro Garinei, le splendide musiche del M° Armando Trovajoli, le preziose scene e i bellissimi costumi originali firmati da Giulio Coltellacci: un imperdibile ritorno alle radici e un'occasione per riscoprire un classico del teatro musicale italiano. Sul palco, la splendida Serena Autieri, ancora una volta straordinaria interprete dell'intrigante personaggio di Rosetta, donna bella altera e irraggiungibile, che fa battere il cuore di Rugantino, un ruolo in cui l’attrice napoletana dà prova

Torna in scena "The Boys in the band". Gabrio Gentilini sarà ancora Donald.

Gabrio Gentilini sarà in scena sabato 26 marzo al Teatro Nuovo di San Marino con lo spettacolo “The Boys in the Band”, di cui è co-protagonista dalla prima messa in scena italiana del 2019. Nella piece, proposta al pubblico italiano grazie alla traduzione e all’adattamento di Costantino della Gherardesca, che la produce accanto a Giorgio Bozzo, il regista, Gabrio ricopre il ruolo di Donald, un ragazzo di 28 anni, americano e gay, che con la sua presenza a una festa di compleanno tra amici omosessuali in un appartamento di New York a fine anni '60, creerà varie dinamiche all’interno del gruppo, in un crescendo di colpi di scena, tensione, umorismo feroce e riflessioni profonde. Gabrio ha nel suo curriculum esperienze molto importanti nel teatro di prosa e musicale oltre che ruoli in produzioni cinematografiche e televisive nazionali. “Sono veramente contento di portare questo spettacolo nella mia Romagna. Ne amo il testo, così come la sintonia che si crea con i mie colleghi ogni vol