Passa ai contenuti principali

PRIMA ASSOLUTA DE “LA VEDOVA ALLEGRA VA DA MAXIM’S”


PRIMA ASSOLUTA DE 
“LA VEDOVA ALLEGRA VA DA MAXIM’S” 
AL PARIOLI THEATRE CLUB 
28 E 29 DICEMBRE

Sarà una novità esclusiva la versione de “La Vedova Allegra” che la Compagnia Italiana di Operette porterà in scena al Parioli Theatre Club il 28 e 29 dicembre, alle ore 21,30. L’operetta più famosa al mondo, ambientata a Parigi e magnificamente musicata da Franz Lehár, è stata ripensata con un’interpretazione del tutto speciale in cui saranno eseguiti i brani più celebri e suggestivi e balli travolgenti e passionali in un’atmosfera di contagiosa spensieratezza. L’originale trasposizione, dal titolo “La Vedova Allegra va da Maxim’s”, è diretta da Maria Teresa Nania e Claudio Pinto con le coreografie di Monica Emmie la direzione musicale di Maurizio Bogliolo.



La cornice è quella del famoso locale parigino Maxim's, da sempre emblema di mondanità, sfarzo e divertimento, in cui si alterneranno sfumature romantiche, scene buffe e danze festose. I personaggi fluiranno in palcoscenico arrivando dalla platea e vivendo parte delle vicende amorose e litigiose circondati da un pubblico che avrà la sensazione di sentirsi completamente coinvolto nel plot, per poi portare con sé le emozioni di un fantastico viaggio nella Belle Époque. 

In un coinvolgente intreccio tra platea e palcoscenico si dipana la narrazione scanzonata e comica del simpatico Njegus (interpretato da Claudio Pinto), ovvero l’impiegato di cancelleria dell’armata pontevedrina, e del Barone Mirko Zeta (Danilo Ramon Giannini), ambasciatore del Pontevedro a Parigi che, nella storia, tentano di combinare il matrimonio tra la vedova Hanna Glavari (Clementina Regina) e il Conte Danilo Danilowitsch (Massimiliano Costantino) fino ad arrivare al finale con due can can, quello cantato da Valencienne (Irene Geninatti Chiolero) e il famosissimo galop di Offenbach. Tra gli altri personaggi dell’operetta ricordiamo il Conte Bogdanowitsch (Riccardo Ciabò) e Camille De Rossillon (Alessandro Pulitani).

I raffinati costumi sono curati da Eugenio Girardi e il corpo di ballo Ensemble Nania Spettacolo è composta da Martina Alessandro, Martina Coiro, Giada Lucarini, Erika Pentima, Idiana Perrotta eRaffaella Siani.



LA VEDOVA ALLEGRA VA DA MAXIM’S”
Musiche tratte da “La Vedova Allegra” di Franz Lèhar
Librettista: Victor Leòn - Leo Stein (riadattamento dialoghi: Maria Teresa Nania e Claudio
Pinto)
Regia Maria Teresa Nania e Claudio Pinto
Coreografie Monica Emmi
Direzione musicale Maurizio Bogliolo
Personaggi e interpreti
Hanna Glawary: Clementina Regina
Njegus: Claudio Pinto
Conte Danilo Danilowitsch: Massimiliano Costantino
Barone Mirko Zeta: Danilo Ramon Giannini
Baronessa Valencienne: Irene Geninatti Chiolero
Conte Bogdanowitsch: Riccardo Ciabò
Camille De Rossillon: Alessandro Pulitani
Corpo di ballo Ensemble Nania Spettacolo: Martina Alessandro, Martina Coiro, Giada Lucarini,
Erika Pentima, Idiana Perrotta, Raffaella Siani
Costumista: Eugenio Girardi
Responsabile di sartoria: Angela Toso
Sartoria: Sorelle Ferroni
Fonico: Massimo Di Bacco
Macchinista: Danilo Olivieri
Direzione artistica: Maria Teresa Nania
Programmazione tour: Claudio Corucci
Parioli Theatre Club
via Giosuè Borsi 20
ore 21.30
28 e 29 dicembre 2018
Ingresso dalle ore 20.00 
Info: 333 99 51 643 -
Biglietti da 18€

Commenti

Post popolari in questo blog

Torna a Milano la Baltic Sea Youth Philharmonic

Torna a Milano la Baltic Sea Youth Philharmonic, l'orchestra che unisce le diverse tradizioni musicali dei paesi che circondano il Mar Baltico, nella convinzione che la musica non conosca né confini né limiti, sia di natura geografica che di genere. Il tour, realizzato grazie al sostegno di Saipem, debutterà il 10 settembre a Heiden, in Germania, e toccherà, in dieci giorni, nove differenti città in Svizzera, Italia, Danimarca e Polonia. In Italia la Baltic Sea Youth Philharmonic sarà a Milano il 14 settembre nel suggestivo contesto della Basilica di Santa Maria delle Grazie, ospite dell’Associazione Musicale ArteViva, e a Verona il 15 settembre al Teatro Filarmonico per il festival “Settembre dell’Accademia” dove si esibirà per il secondo anno consecutivo. Il pubblico milanese avrà il piacere di applaudire i giovani artisti della Baltic Sea Youth Philharmonic per la quarta volta. L’orchestra, fondata nel 2008 da Kristjan Järvi (affiancato da un prestigioso consiglio di consulent

Rugantino - dal 10 marzo al Sistina!

  Per la gioia del pubblico rivive una pagina indimenticabile della lunga e gloriosa storia del Teatro Sistina: dopo lo stop forzato dovuto alla pandemia, dal prossimo giovedì 10, e fino al 27 marzo, sarà di nuovo in scena, con la supervisione di Massimo Romeo Piparo, la maschera amara e dissacrante di "Rugantino" dei mitici Garinei & Giovannini. Lo spettacolo, che fonde mirabilmente tradizione e modernità, viene presentato nella sua versione storica originale, con la regia di Pietro Garinei, le splendide musiche del M° Armando Trovajoli, le preziose scene e i bellissimi costumi originali firmati da Giulio Coltellacci: un imperdibile ritorno alle radici e un'occasione per riscoprire un classico del teatro musicale italiano. Sul palco, la splendida Serena Autieri, ancora una volta straordinaria interprete dell'intrigante personaggio di Rosetta, donna bella altera e irraggiungibile, che fa battere il cuore di Rugantino, un ruolo in cui l’attrice napoletana dà prova

Torna in scena "The Boys in the band". Gabrio Gentilini sarà ancora Donald.

Gabrio Gentilini sarà in scena sabato 26 marzo al Teatro Nuovo di San Marino con lo spettacolo “The Boys in the Band”, di cui è co-protagonista dalla prima messa in scena italiana del 2019. Nella piece, proposta al pubblico italiano grazie alla traduzione e all’adattamento di Costantino della Gherardesca, che la produce accanto a Giorgio Bozzo, il regista, Gabrio ricopre il ruolo di Donald, un ragazzo di 28 anni, americano e gay, che con la sua presenza a una festa di compleanno tra amici omosessuali in un appartamento di New York a fine anni '60, creerà varie dinamiche all’interno del gruppo, in un crescendo di colpi di scena, tensione, umorismo feroce e riflessioni profonde. Gabrio ha nel suo curriculum esperienze molto importanti nel teatro di prosa e musicale oltre che ruoli in produzioni cinematografiche e televisive nazionali. “Sono veramente contento di portare questo spettacolo nella mia Romagna. Ne amo il testo, così come la sintonia che si crea con i mie colleghi ogni vol