Passa ai contenuti principali

GENERAZIONE CONTRO - con Debora Caprioglio


Accademia Nazionale d'Arte Drammatica "Silvio d'Amico"

GENERAZIONE CONTRO

Menzione Speciale Premio di Produzione “Carmelo Rocca” 2018

Teatro Studio “Eleonora Duse”
Via Vittoria, 6
 28 – 29 DICEMBRE 2018 ore 20.00
  
Venerdì 28 e sabato 29 dicembre 2018 alle ore 20 va in scena al Teatro Studio Eleonora Duse “Generazione contro”, scritto da Giovanni Maria Briganti e diretto da Jacopo Bezzi, interpretato da Debora Caprioglio, Alessandro Pala Griesche, Cecilia d’Amico e Marzia Pellegrino. 


Il testo è vincitore della menzione speciale al Premio di Produzione “Carmelo Rocca” 2018. Il Premio, indetto dall'Accademia d'Arte Drammatica "Silvio d'Amico" con il contributo di SIAE – Società italiana degli Autori ed Editori, è intitolato a Carmelo Rocca, storico Direttore dello spettacolo dal vivo e del cinema del MIBACT, nonché Presidente e membro del Consiglio di Amministrazione dell'Accademia, istituzione che ha sempre sostenuto con particolare attenzione, promuovendo il debutto e l'immissione professionale delle giovani generazioni di attori, registi ed autori.

SINOSSI  
Isabella, una diciottenne, vive in un mondo di apparenze, una parete bianca su cui disegnare il futuro. La troviamo già in crisi, adolescente alla ricerca della figura materna, in conflitto con il padre, Paolo, un uomo che ha inseguito un ideale di libertà scontrandosi con drammi e difficoltà quotidiani. La ragazza trova in Anna, che è sempre stata la sua confidente, una donna dal cuore grande ma che ha fatto del cinismo l’arma per sopravvivere ad una vita davvero dura. Claudia – fidanzata di Isabella – è l’unica ad avere un’influenza positiva su di lei, ma l’amore a volte può avere un prezzo molto alto. Alcune immagini mancano a comporre il quadro di famiglia. Carta, cartone e fotografie – elementi ricorrenti in tutti gli album di ricordi – si trasformano nell’era digitale, nonostante l’immagine sembri essere tutto, svanendo e disperdendosi.



NOTE DI REGIA
Un salotto in procinto di essere messo a posto, forse dopo un trasloco: scatoloni impilati un po’ ovunque, da cui i protagonisti estraggono oggetti riportando la stanza a un ordine assente, quantomeno solo cercato. Unico elemento “concreto” è il divano, che diventa protagonista della scena. Le cornici vuote. Il palcoscenico, nudo. La caducità di questo mondo, simboleggiata da un contorno segnico piatto, ma non privo di senso, si racchiude drammaturgicamente in un singolo ambiente. La visione frontale di una scena unica è rotta soltanto dal progressivo sparire degli oggetti che nell’avvicendarsi del tempo della piéce rappresenta lo sgretolamento delle certezze familiari di Isabella ma, contestualmente, un riappropriarsi della sua vita, delle relazioni, degli affetti.

Inevitabile la fatale perdita finale, dove la luce va a chiudersi solo sulle interpreti di Anna e Isabella private della loro maschera, che si rivelano ora per la loro verità di personaggi.

 -------------------------------------------------------
Con: Debora Caprioglio, Alessandro Pala Griesche, Cecilia d’Amico e Marzia Pellegrino

Regista assistente Massimo Roberto Beato

Aiuto regia Ferrante Cavazzuti

Musiche originali  Giorgio Stefanori

Costumi  Maria Vitta

Foto di scena Luca Tizzano



INFO:

Ingresso libero (fino ad esaurimento posti) con prenotazione obbligatoria:

Info line 334 1835543
Attivo a partire dal 14 dicembre2018  dal lunedì al sabato ore 10.00-13.00 e 14.00-17.00


Commenti

Post popolari in questo blog

Torna a Milano la Baltic Sea Youth Philharmonic

Torna a Milano la Baltic Sea Youth Philharmonic, l'orchestra che unisce le diverse tradizioni musicali dei paesi che circondano il Mar Baltico, nella convinzione che la musica non conosca né confini né limiti, sia di natura geografica che di genere. Il tour, realizzato grazie al sostegno di Saipem, debutterà il 10 settembre a Heiden, in Germania, e toccherà, in dieci giorni, nove differenti città in Svizzera, Italia, Danimarca e Polonia. In Italia la Baltic Sea Youth Philharmonic sarà a Milano il 14 settembre nel suggestivo contesto della Basilica di Santa Maria delle Grazie, ospite dell’Associazione Musicale ArteViva, e a Verona il 15 settembre al Teatro Filarmonico per il festival “Settembre dell’Accademia” dove si esibirà per il secondo anno consecutivo. Il pubblico milanese avrà il piacere di applaudire i giovani artisti della Baltic Sea Youth Philharmonic per la quarta volta. L’orchestra, fondata nel 2008 da Kristjan Järvi (affiancato da un prestigioso consiglio di consulent

Rugantino - dal 10 marzo al Sistina!

  Per la gioia del pubblico rivive una pagina indimenticabile della lunga e gloriosa storia del Teatro Sistina: dopo lo stop forzato dovuto alla pandemia, dal prossimo giovedì 10, e fino al 27 marzo, sarà di nuovo in scena, con la supervisione di Massimo Romeo Piparo, la maschera amara e dissacrante di "Rugantino" dei mitici Garinei & Giovannini. Lo spettacolo, che fonde mirabilmente tradizione e modernità, viene presentato nella sua versione storica originale, con la regia di Pietro Garinei, le splendide musiche del M° Armando Trovajoli, le preziose scene e i bellissimi costumi originali firmati da Giulio Coltellacci: un imperdibile ritorno alle radici e un'occasione per riscoprire un classico del teatro musicale italiano. Sul palco, la splendida Serena Autieri, ancora una volta straordinaria interprete dell'intrigante personaggio di Rosetta, donna bella altera e irraggiungibile, che fa battere il cuore di Rugantino, un ruolo in cui l’attrice napoletana dà prova

Torna in scena "The Boys in the band". Gabrio Gentilini sarà ancora Donald.

Gabrio Gentilini sarà in scena sabato 26 marzo al Teatro Nuovo di San Marino con lo spettacolo “The Boys in the Band”, di cui è co-protagonista dalla prima messa in scena italiana del 2019. Nella piece, proposta al pubblico italiano grazie alla traduzione e all’adattamento di Costantino della Gherardesca, che la produce accanto a Giorgio Bozzo, il regista, Gabrio ricopre il ruolo di Donald, un ragazzo di 28 anni, americano e gay, che con la sua presenza a una festa di compleanno tra amici omosessuali in un appartamento di New York a fine anni '60, creerà varie dinamiche all’interno del gruppo, in un crescendo di colpi di scena, tensione, umorismo feroce e riflessioni profonde. Gabrio ha nel suo curriculum esperienze molto importanti nel teatro di prosa e musicale oltre che ruoli in produzioni cinematografiche e televisive nazionali. “Sono veramente contento di portare questo spettacolo nella mia Romagna. Ne amo il testo, così come la sintonia che si crea con i mie colleghi ogni vol