Passa ai contenuti principali

Dreaming Academy: quando una passione può diventare una professione




Gennaio/Febbraio 2019: audizioni aperte per il Triennio Professionalizzante

Dal 2012 l’Accademia di Musical e Spettacolo di Padova, Dreaming Academy, ha l’obiettivo di formare tutti coloro che vogliono fare del Musical e dello Spettacolo la loro professione.

Da quest’anno la Dreaming Academy, grazie alle numerose collaborazioni internazionali intraprese, fornisce ai suoi allievi delle grandissime opportunità per il loro futuro, a partire dai riconoscimenti europei ottenuti dalla RSL di Londra del diploma conferito al termine del triennio accademico fino ad arrivare alla possibilità (se ritenuti idonei) di essere selezionati dalla Becky Barret Management (importante agenzia londinese) al termine del triennio accademico ed essere eventualmente ingaggiati per qualche produzione europea!

Naturalmente continuano anche le collaborazioni con gli altri enti formativi londinesi quali il West End On Demand e The London Dance Company, grazie al quale ogni anno la Dreaming Academy riesce a proporre moltissimi stage di approfondimento e settimane intensive di workshop con artisti provenienti dai più famosi cast del West End di Londra.

Quest’anno, inoltre, la nostra Accademia ha mosso il suo primo passo anche nel panorama del musical statunitense, portando per la prima volta in Italia una delle icone del musical più famose di Broadway, Sierra Boggess, che è stata la “Sirenetta” di Broadway, l’incantevole Christine de “The Phantom of the Opera” e l’eccezionale Fantine de “Les Miserables”. Durante questi workshop, vengono messe in palio moltissime borse di studio per i nostri eventi e sono proprio questi artisti a destinare le diverse borse di studio (comprese quelle per accedere al triennio accademico) al termine di questi workshop agli alunni più meritevoli!

Dal 7 Gennaio fino alla fine Febbraio 2019, si apre la prima sessione di audizioni per l'anno accademico 2019/2020, allo scopo di selezionare nuovi allievi che intendano intraprendere il percorso formativo per specializzarsi nello studio delle Arti Sceniche e Performative.

Tutti i candidati all’audizione avranno la possibilità di partecipare ad un'intera giornata accademica e sperimentarsi in prima persona durante le lezioni di canto, danza e recitazione insieme agli allievi dell’Accademia, potendosi confrontare direttamente con chi ha già intrapreso questo percorso.

Le audizioni si terranno presso la Dreaming Academy, via Montà 75 a Padova.

Per ragioni organizzative, è obbligatorio prenotare la propria audizione, contattando la segreteria dell’Accademia

per concordare giorno e orario nel quale presentarsi per partecipare alla giornata accademica.


Se puoi sognarlo, puoi farlo..ma per cominciare una cosa devi smettere di parlare e cominciare a farla
(Walt Disney)


Per informazioni ed iscrizioni rivolgersi a:
Dreaming Academy
049 2021937

Sito Internet: www.dreamingacademy.it
Twitter: www.twitter.com/DreamingAcademy
Instagram: www.instagram.com/dreamingacademy/

Commenti

Post popolari in questo blog

Torna a Milano la Baltic Sea Youth Philharmonic

Torna a Milano la Baltic Sea Youth Philharmonic, l'orchestra che unisce le diverse tradizioni musicali dei paesi che circondano il Mar Baltico, nella convinzione che la musica non conosca né confini né limiti, sia di natura geografica che di genere. Il tour, realizzato grazie al sostegno di Saipem, debutterà il 10 settembre a Heiden, in Germania, e toccherà, in dieci giorni, nove differenti città in Svizzera, Italia, Danimarca e Polonia. In Italia la Baltic Sea Youth Philharmonic sarà a Milano il 14 settembre nel suggestivo contesto della Basilica di Santa Maria delle Grazie, ospite dell’Associazione Musicale ArteViva, e a Verona il 15 settembre al Teatro Filarmonico per il festival “Settembre dell’Accademia” dove si esibirà per il secondo anno consecutivo. Il pubblico milanese avrà il piacere di applaudire i giovani artisti della Baltic Sea Youth Philharmonic per la quarta volta. L’orchestra, fondata nel 2008 da Kristjan Järvi (affiancato da un prestigioso consiglio di consulent

Rugantino - dal 10 marzo al Sistina!

  Per la gioia del pubblico rivive una pagina indimenticabile della lunga e gloriosa storia del Teatro Sistina: dopo lo stop forzato dovuto alla pandemia, dal prossimo giovedì 10, e fino al 27 marzo, sarà di nuovo in scena, con la supervisione di Massimo Romeo Piparo, la maschera amara e dissacrante di "Rugantino" dei mitici Garinei & Giovannini. Lo spettacolo, che fonde mirabilmente tradizione e modernità, viene presentato nella sua versione storica originale, con la regia di Pietro Garinei, le splendide musiche del M° Armando Trovajoli, le preziose scene e i bellissimi costumi originali firmati da Giulio Coltellacci: un imperdibile ritorno alle radici e un'occasione per riscoprire un classico del teatro musicale italiano. Sul palco, la splendida Serena Autieri, ancora una volta straordinaria interprete dell'intrigante personaggio di Rosetta, donna bella altera e irraggiungibile, che fa battere il cuore di Rugantino, un ruolo in cui l’attrice napoletana dà prova

Torna in scena "The Boys in the band". Gabrio Gentilini sarà ancora Donald.

Gabrio Gentilini sarà in scena sabato 26 marzo al Teatro Nuovo di San Marino con lo spettacolo “The Boys in the Band”, di cui è co-protagonista dalla prima messa in scena italiana del 2019. Nella piece, proposta al pubblico italiano grazie alla traduzione e all’adattamento di Costantino della Gherardesca, che la produce accanto a Giorgio Bozzo, il regista, Gabrio ricopre il ruolo di Donald, un ragazzo di 28 anni, americano e gay, che con la sua presenza a una festa di compleanno tra amici omosessuali in un appartamento di New York a fine anni '60, creerà varie dinamiche all’interno del gruppo, in un crescendo di colpi di scena, tensione, umorismo feroce e riflessioni profonde. Gabrio ha nel suo curriculum esperienze molto importanti nel teatro di prosa e musicale oltre che ruoli in produzioni cinematografiche e televisive nazionali. “Sono veramente contento di portare questo spettacolo nella mia Romagna. Ne amo il testo, così come la sintonia che si crea con i mie colleghi ogni vol