Passa ai contenuti principali

AAA cercasi Fanciullini - progetto sulle periferie Milano




Corvetto – Niguarda – Giambellino –Gallaratese - Adriano
IL FANCIULLINO DI MILANO
progetto di Renata Ciaravino
vincitore del Bando delle Periferie Milano 2018
direzione organizzativa Marta Ceresoli
produzione dionisi

Ultimamente ho passato un bel po’ di tempo a chiacchierare con gente che ha 80, 90, 100 anni. A loro chiedo: “Ce l’hai ancora un fanciullino dentro di te?” Qualcuno mi manda a cagare. Qualcuno mi fa rispondere direttamente da quel fanciullino. E allora ci divertiamo. Molti a quella età ballano come dovessero respirare. Non so perché mi piaccia parlare con loro. Forse mi fa star bene sapere che si fa l’amore in macchina a 80 anni “per sentirsi due ladri”. Forse perché mi avevano detto che a quell’età ci si fa solo la pipì addosso pensando alla morte; o si pensa solo a non essere derubati del borsellino nel parcheggio di Carrefour; o si diventa stalker dei medici di base. Eppure la gente ancora si ama, chi se l’aspettava. Tutta storta, col girello, la pipi, la morte alla porte, le rughe, il mento crollato, l’occhio chiuso da un aneurisma, i rimpianti, la guerra che hai fatto a 8 anni. Oppure ancora piange, a 90 anni, per quel figlio che, per quella donna che non, per quel viaggio mai fatto. Ecco, quei corpi pieni di macchie, rughe, parrucchini e bigodini, cicatrici, dita storte per l’artrosi, che sanno benissimo cos’è la passione (anche se non hanno mai pensato di poterla raccontare, anche se l’avevano dimenticata), mi fanno sentire che c’è vita, quel tipo di vita in grado di intaccare con la propria scompostezza di lacrime, mazurke e pipì i sogni totalitari delle infuencer. Mi piace pensare di provare a raccontarle queste vite. Abbiamo parlato con questi fanciulli in Boifava/Chiesa Rossa e in Bovisa. Ora li andiamo a trovare al Giambellino, a Corvetto, a Niguarda, Gallaratese e Quartiere Adriano. 10 mesi di Fanciullino. 5 spettacoli. Un film. Un libro. Pascoli oggi avrebbe 163 anni…

Renata Ciaravino

Il fanciullino è quel bambino dentro di noi che continua a gioire e si rifiuta di porre l’attenzione solo su ciò che della nostra vita non va. Ma in una città come Milano cosa resta nei ragazzi di settanta, ottanta, novant'anni di quel fanciullo? Sopravvive? C'è? Riesce a parlare?
Dopo due edizioni del Fanciullino (la prima al Teatro Ringhiera nel quartiere Boifava-Chiesa Rossa e la seconda in Bovisa) il fortunato e poetico progetto – vincitore del Bando delle Periferie 2018 del Comune di Milano - si apre alla città intera.

In questi mesi il gruppo di lavoro nato intorno al progetto sta incontrando ed intervistando gli anziani dei quartieri milanesi per farsi raccontare le loro storie e comprendere se in loro sopravvive quel bambino che guarda il mondo con l’ingenuità, l’innocenza e l’intelligenza proprie dell’infanzia, che si emoziona per ciò che non si può comprendere con la sola ragione, che si rifiuta di porre l’attenzione solo su ciò che della vita non va.

Il progetto consiste nell’avviare un numero considerevole di “incontri/interviste” di “carattere emotivo” con gli abitanti over 70 dei quartieri milanesi Corvetto, Niguarda, Giambellino, Gallaratese e Adriano che abbiano come tema la loro infanzia, la loro relazione con il quartiere, le loro visioni sullo stesso, e indagare se quello spirito fanciullo è presente negli anziani di Milano o se è sopito sotto il peso dell'età e dell'esclusione sociale.

I luoghi di incontro sono quelli in cui le persone riescono anche solo per poche ore a sorridere e divertirsi: le balere, in primo luogo e ancora i centri di quartiere, i circoli e ovunque ci sia musica e voglia di raccontarsi.

Dall’intero materiale raccolto verranno tratti i temi narrativi e le visioni per la costruzione di

cinque giornate – tra maggio e giugno 2019 - di festa “fanciullina” che coinvolgerà gli anziani del quartiere e i cittadini dell’intera città di Milano con cinque spettacoli eventi site-specific interattivi che vedranno come co-autori gli abitanti over settanta dei quartieri. E ancora sarà realizzato un film documentario che racconterà le fasi del progetto, un prodotto artistico autosufficiente, riproducibile e indirizzabile ovunque e un libro che raccoglierà le narrazioni degli abitanti dei quartieri periferici prescelti, particolarmente interessanti dal punto di vista storico, sociologico e culturale.

Per segnalare “fanciullini” da coinvolgere nel progetto contattare GIADA ULIVI - 3403532603
Altre info e contatti: marta ceresoli 3481886432 (organizzazione) - maddalena peluso 3406968133 (ufficio stampa)

Renata Ciaravino
Diplomata alla Scuola d’Arte Drammatica “Paolo Grassi” in Scrittura Drammaturgica, approfondisce gli studi al Théâtre du Rond-Point di Parigi e a Le Centre des Arts Scéniques di Bruxelles. Scrive per il teatro, la televisione, la musica, la radio collaborando tra gli altri con Serena Sinigaglia, Gianna Nannini, Elisabetta Pozzi, Arianna Scommegna, Franco Però, Laura Curino, Veronica Cruciani, Francesco Micheli. Scrive per il cinema come autrice e sceneggiatrice (Indiana Production, Rai Cinema, Officine-Anteo). I suoi testi teatrali sono stati tradotti in francese, tedesco, turco, polacco, inglese, valenciano, slovacco e sloveno. Ha insegnato all’Università di Pristina in Kosovo. Dal 2001 affianca al suo lavoro di autrice quello di direttrice e consulente artistica.
Alla fine del 2007 ha pubblicato il suo primo romanzo “Potevo essere io”.

COMPAGNIA TEATRALE DIONISI

La Compagnia Teatrale Dionisi, fondata nel 2000, lavora da sempre sulla drammaturgia contemporanea e le tematiche contemporanee, civile e sociali.
Ad oggi ha prodotto più di 15 spettacoli, circuitati in Italia e all’Estero.
Dal 2011 la Compagnia organizza il Festival Teatrale Mixitè, sull’inclusione nella differenza.
La Compagnia Dionisi è stata sostenuta negli anni da:
Comune di Milano, Provincia di Milano, Regione Lombardia, Fondazione Cariplo, Comune di Sesto San Giovanni, Comune di Brescia, Camera di Commercio di Milano, Agos, Hong Kong Production e da, tra gli altri: Teatro Stabile della Sardegna, Casa degli Alfieri, Fondazione Gallarate, Astiteatro, Outis (Centro Nazionale di drammaturgia Contemporanea), E.T.I. (Ente Teatrale Italiano), Scuola d’Arte Drammatica “Paolo Grassi”, Scuola civica di Cinema e Nuovi media di Milano, Kilowatt Festival, Teatro dell’Orologio. La direzione artistica è di Renata Ciaravino.


Commenti

Post popolari in questo blog

Torna a Milano la Baltic Sea Youth Philharmonic

Torna a Milano la Baltic Sea Youth Philharmonic, l'orchestra che unisce le diverse tradizioni musicali dei paesi che circondano il Mar Baltico, nella convinzione che la musica non conosca né confini né limiti, sia di natura geografica che di genere. Il tour, realizzato grazie al sostegno di Saipem, debutterà il 10 settembre a Heiden, in Germania, e toccherà, in dieci giorni, nove differenti città in Svizzera, Italia, Danimarca e Polonia. In Italia la Baltic Sea Youth Philharmonic sarà a Milano il 14 settembre nel suggestivo contesto della Basilica di Santa Maria delle Grazie, ospite dell’Associazione Musicale ArteViva, e a Verona il 15 settembre al Teatro Filarmonico per il festival “Settembre dell’Accademia” dove si esibirà per il secondo anno consecutivo. Il pubblico milanese avrà il piacere di applaudire i giovani artisti della Baltic Sea Youth Philharmonic per la quarta volta. L’orchestra, fondata nel 2008 da Kristjan Järvi (affiancato da un prestigioso consiglio di consulent

Rugantino - dal 10 marzo al Sistina!

  Per la gioia del pubblico rivive una pagina indimenticabile della lunga e gloriosa storia del Teatro Sistina: dopo lo stop forzato dovuto alla pandemia, dal prossimo giovedì 10, e fino al 27 marzo, sarà di nuovo in scena, con la supervisione di Massimo Romeo Piparo, la maschera amara e dissacrante di "Rugantino" dei mitici Garinei & Giovannini. Lo spettacolo, che fonde mirabilmente tradizione e modernità, viene presentato nella sua versione storica originale, con la regia di Pietro Garinei, le splendide musiche del M° Armando Trovajoli, le preziose scene e i bellissimi costumi originali firmati da Giulio Coltellacci: un imperdibile ritorno alle radici e un'occasione per riscoprire un classico del teatro musicale italiano. Sul palco, la splendida Serena Autieri, ancora una volta straordinaria interprete dell'intrigante personaggio di Rosetta, donna bella altera e irraggiungibile, che fa battere il cuore di Rugantino, un ruolo in cui l’attrice napoletana dà prova

Torna in scena "The Boys in the band". Gabrio Gentilini sarà ancora Donald.

Gabrio Gentilini sarà in scena sabato 26 marzo al Teatro Nuovo di San Marino con lo spettacolo “The Boys in the Band”, di cui è co-protagonista dalla prima messa in scena italiana del 2019. Nella piece, proposta al pubblico italiano grazie alla traduzione e all’adattamento di Costantino della Gherardesca, che la produce accanto a Giorgio Bozzo, il regista, Gabrio ricopre il ruolo di Donald, un ragazzo di 28 anni, americano e gay, che con la sua presenza a una festa di compleanno tra amici omosessuali in un appartamento di New York a fine anni '60, creerà varie dinamiche all’interno del gruppo, in un crescendo di colpi di scena, tensione, umorismo feroce e riflessioni profonde. Gabrio ha nel suo curriculum esperienze molto importanti nel teatro di prosa e musicale oltre che ruoli in produzioni cinematografiche e televisive nazionali. “Sono veramente contento di portare questo spettacolo nella mia Romagna. Ne amo il testo, così come la sintonia che si crea con i mie colleghi ogni vol