Passa ai contenuti principali

Toni Servillo torna al Teatro Grassi con "Elvira"


Foto Fabio Esposito

Dal 29 novembre al 22 dicembre, al Teatro Grassi

Elvira” di Toni Servillo

Lo spettacolo prodotto dal Piccolo e Teatri Uniti
torna nella sala storica di via Rovello

Dopo il tutto esaurito nell’autunno 2016 e una tournée italiana e internazionale salutata da un successo straordinario – la prima tappa è stata a Parigi, al Théâtre de l’Athénée, intitolato a Louis Jouvet – torna a Milano, al Teatro Grassi, dal 29 novembre al 22 dicembre, Elvira, lo spettacolo che Toni Servillo ha tratto dalle sette lezioni che il grande attore francese tenne al Consevatoire National d’Art dramatique di Parigi, nei mesi dell’occupazione nazista.


Prima di tornare in via Rovello, lo spettacolo è stato al Maly di San Pietroburgo, venerdì 16 e sabato 17 novembre, in occasione della VII edizione del Forum Internazionale della Cultura, che vede quest’anno l’Italia come ‘Ospite d’Onore’, e della XVII edizione del Premio Europa per il Teatro. Poi a Lione, Théâtre des Célestins (20-24 novembre), e a Cluj-Napoca, in Romania, al Teatro Nazionale ‘Lucian Blaga’ (27 novembre).

Sul palcoscenico di un teatro chiuso, maestro e allievi lavorano appassionatamente su un classico del teatro, il Don Giovanni di Molière. Vanno in cerca della verità dell’interpretazione, accompagnano il pubblico alla scoperta del mondo misterioso della recitazione e delle prove, fino all’istante in cui l’attore comprende di essere arrivato al cuore del suo personaggio, di averlo compreso e di poterlo restituire con autenticità. Oggetto dell’esercitazione è la seconda scena di Elvira, il momento in cui l’infelice innamorata del grande seduttore giunge in scena e lo implora di pentirsi, perché solo così avrà salva l’anima.


Toni Servillo e Petra Valentini, nei ruoli di Jouvet e di Claudia, l’allieva di maggiore talento – che fu costretta ad abbandonare le scene perché ebrea – danno prova di cosa significhi praticare il mestiere dell’attore ossia provare «una passione divorante – spiega Servillo – che è quella di togliere il “sé” per mettersi totalmente a disposizione dell’avventura teatrale. La poesia di questo grande uomo consiste nel sottolineare l’eterno motivo legato al teatro: il luogo in cui ci si perde per ritrovarsi».
L’avventura della creazione teatrale, nel contesto tragico di un paese in guerra, si trasforma in un messaggio di speranza e in una forma di vitale resistenza dell’umanità di fronte all’orrore incombente.
-------------------------------------------

Piccolo Teatro Grassi (Via Rovello 2 – M1 Cordusio), dal 29 novembre al 22 dicembre 2018
Elvira

(Elvire Jouvet 40) di Brigitte Jaques © Gallimard

traduzione Giuseppe Montesano

regia Toni Servillo

costumi Ortensia De Francesco

luci Pasquale Mari

suono Daghi Rondanini

aiuto regia Costanza Boccardi



personaggi ed interpreti

Louis Jouvet Toni Servillo

Claudia/Elvira Petra Valentini

Octave/Don Giovanni Francesco Marino

Léon/Sganarello Davide Cirri



coproduzione Piccolo Teatro di Milano - Teatro d’Europa, Teatri Uniti

Foto di scena Fabio Esposito


Orari: martedì, giovedì e sabato ore 19.30 (salvo sabato 8 dicembre, riposo);

mercoledì e venerdì ore 20.30;

domenica ore 16.

Lunedì riposo (salvo lunedì 10 dicembre, ore 20.30).


Durata: un’ora e 20 minuti senza intervallo

Prezzi: platea 40 euro, balconata 32 euro.


Informazioni e prenotazioni 02.42.41.18.89 - www.piccoloteatro.org

News, trailer, interviste ai protagonisti su www.piccoloteatro.tv


Commenti

Post popolari in questo blog

Torna a Milano la Baltic Sea Youth Philharmonic

Torna a Milano la Baltic Sea Youth Philharmonic, l'orchestra che unisce le diverse tradizioni musicali dei paesi che circondano il Mar Baltico, nella convinzione che la musica non conosca né confini né limiti, sia di natura geografica che di genere. Il tour, realizzato grazie al sostegno di Saipem, debutterà il 10 settembre a Heiden, in Germania, e toccherà, in dieci giorni, nove differenti città in Svizzera, Italia, Danimarca e Polonia. In Italia la Baltic Sea Youth Philharmonic sarà a Milano il 14 settembre nel suggestivo contesto della Basilica di Santa Maria delle Grazie, ospite dell’Associazione Musicale ArteViva, e a Verona il 15 settembre al Teatro Filarmonico per il festival “Settembre dell’Accademia” dove si esibirà per il secondo anno consecutivo. Il pubblico milanese avrà il piacere di applaudire i giovani artisti della Baltic Sea Youth Philharmonic per la quarta volta. L’orchestra, fondata nel 2008 da Kristjan Järvi (affiancato da un prestigioso consiglio di consulent

Rugantino - dal 10 marzo al Sistina!

  Per la gioia del pubblico rivive una pagina indimenticabile della lunga e gloriosa storia del Teatro Sistina: dopo lo stop forzato dovuto alla pandemia, dal prossimo giovedì 10, e fino al 27 marzo, sarà di nuovo in scena, con la supervisione di Massimo Romeo Piparo, la maschera amara e dissacrante di "Rugantino" dei mitici Garinei & Giovannini. Lo spettacolo, che fonde mirabilmente tradizione e modernità, viene presentato nella sua versione storica originale, con la regia di Pietro Garinei, le splendide musiche del M° Armando Trovajoli, le preziose scene e i bellissimi costumi originali firmati da Giulio Coltellacci: un imperdibile ritorno alle radici e un'occasione per riscoprire un classico del teatro musicale italiano. Sul palco, la splendida Serena Autieri, ancora una volta straordinaria interprete dell'intrigante personaggio di Rosetta, donna bella altera e irraggiungibile, che fa battere il cuore di Rugantino, un ruolo in cui l’attrice napoletana dà prova

Torna in scena "The Boys in the band". Gabrio Gentilini sarà ancora Donald.

Gabrio Gentilini sarà in scena sabato 26 marzo al Teatro Nuovo di San Marino con lo spettacolo “The Boys in the Band”, di cui è co-protagonista dalla prima messa in scena italiana del 2019. Nella piece, proposta al pubblico italiano grazie alla traduzione e all’adattamento di Costantino della Gherardesca, che la produce accanto a Giorgio Bozzo, il regista, Gabrio ricopre il ruolo di Donald, un ragazzo di 28 anni, americano e gay, che con la sua presenza a una festa di compleanno tra amici omosessuali in un appartamento di New York a fine anni '60, creerà varie dinamiche all’interno del gruppo, in un crescendo di colpi di scena, tensione, umorismo feroce e riflessioni profonde. Gabrio ha nel suo curriculum esperienze molto importanti nel teatro di prosa e musicale oltre che ruoli in produzioni cinematografiche e televisive nazionali. “Sono veramente contento di portare questo spettacolo nella mia Romagna. Ne amo il testo, così come la sintonia che si crea con i mie colleghi ogni vol