Passa ai contenuti principali

Orsù - Rivisitazione di un grande classico della drammaturgia russa


Orsù
Rivisitazione di un grande classico della drammaturgia russa

Il Teatro Kopó presenta Orsù, liberamente tratto da L’Orso di Checov, per la regia di Libero de Martino, con Donatella Faraone Mennella e Nello Provenzano, in scena dal 23 al 25 novembre, venerdì e sabato alle 21, domenica alle ore 18.

Con Orsù, una produzione di Balagancik Teatro, si è voluto cogliere nel gioco tra la vedova inconsolabile Popova e il ricco benestante Smirnoff, nel loro comico duello, l’essenza stessa del gioco teatrale. Il vero protagonista è dunque il Teatro che diverte e insegna con le sue veritiere menzogne. I personaggi si trasformano in continuazione davanti agli occhi dello spettatore e non si incontrano mai sullo stesso piano. La loro lotta non ha vincitori né vinti. D’altra parte, le trame semplici di Cechov, a cui questo spettacolo si ispira, risultano essere incredibilmente ricche di spunti, di colpi di scena, di situazioni, di trovate, di risvolti imprevedibili e di profondità inaudite. 

Una lettura più approfondita di Checov, che dà luogo a questo lavoro straordinario di elaborazione teatrale, ci fa capire come, in origine, il testo fosse stato concepito non diversamente di un vaudeville alla russa. Sulla stessa linea, è sembrato naturale esagerarne il tono farsesco per ricordare i lazzi della commedia dell’arte e le clownerie tanto care alle avanguardie russe del primo ‘900. Il lavoro in scena al Kopó si collega idealmente al lavoro di Mejerchol’d, il regista che fu violentemente attaccato dalla critica, poiché si oppose al realismo socialista, corrente artistica dominante nell’URSS di Stalin. Il teatro del regista ribelle fu chiuso, la sua compagnia sciolta, lui stesso fu arrestato, interrogato, torturato e, dopo poco, accusato di trotzkismo e fucilato. 

Cosa aveva di così dirompente la rilettura dell’opera di Checov da provocare una simile violenza? Probabilmente, il parallelo istituito tra la piccola borghesia di fine Ottocento e il nuovo ceto benestante di età staliniana – una contraddizione in termini se si pensa che l’Unione Sovietica avrebbe dovuto realizzare la cosiddetta società senza classi – diede fastidio alla censura di regime. Si comprende che gli scherzi di Cechov furono presi molto sul serio dal regime stalinista: la satira amara, svelta, garbata, divertita, cattiva della piccola borghesia di fine secolo poteva rappresentare uno specchio dei nuovi potenti gretti, grezzi, ipocriti. Suonò dunque un campanello d’allarme per il pensiero ‘realista’ che si andava affermando come egemone. La Storia di ieri potrebbe assomigliare a quella di oggi e questa pièce, colta e divertente, rompe lo schermo del nuovo conformismo.

Teatro Kopó
Via Vestricio Spurinna, 47/49
00175 Roma
Metro A Numidio Quadrato
Tel.: (06) 45650052




Commenti

Post popolari in questo blog

Rugantino - dal 10 marzo al Sistina!

  Per la gioia del pubblico rivive una pagina indimenticabile della lunga e gloriosa storia del Teatro Sistina: dopo lo stop forzato dovuto alla pandemia, dal prossimo giovedì 10, e fino al 27 marzo, sarà di nuovo in scena, con la supervisione di Massimo Romeo Piparo, la maschera amara e dissacrante di "Rugantino" dei mitici Garinei & Giovannini. Lo spettacolo, che fonde mirabilmente tradizione e modernità, viene presentato nella sua versione storica originale, con la regia di Pietro Garinei, le splendide musiche del M° Armando Trovajoli, le preziose scene e i bellissimi costumi originali firmati da Giulio Coltellacci: un imperdibile ritorno alle radici e un'occasione per riscoprire un classico del teatro musicale italiano. Sul palco, la splendida Serena Autieri, ancora una volta straordinaria interprete dell'intrigante personaggio di Rosetta, donna bella altera e irraggiungibile, che fa battere il cuore di Rugantino, un ruolo in cui l’attrice napoletana dà prova

Torna a Milano la Baltic Sea Youth Philharmonic

Torna a Milano la Baltic Sea Youth Philharmonic, l'orchestra che unisce le diverse tradizioni musicali dei paesi che circondano il Mar Baltico, nella convinzione che la musica non conosca né confini né limiti, sia di natura geografica che di genere. Il tour, realizzato grazie al sostegno di Saipem, debutterà il 10 settembre a Heiden, in Germania, e toccherà, in dieci giorni, nove differenti città in Svizzera, Italia, Danimarca e Polonia. In Italia la Baltic Sea Youth Philharmonic sarà a Milano il 14 settembre nel suggestivo contesto della Basilica di Santa Maria delle Grazie, ospite dell’Associazione Musicale ArteViva, e a Verona il 15 settembre al Teatro Filarmonico per il festival “Settembre dell’Accademia” dove si esibirà per il secondo anno consecutivo. Il pubblico milanese avrà il piacere di applaudire i giovani artisti della Baltic Sea Youth Philharmonic per la quarta volta. L’orchestra, fondata nel 2008 da Kristjan Järvi (affiancato da un prestigioso consiglio di consulent

Spring Awakening - 18 e 19 maggio al Teatro Guanella di Milano

                                             DOPO I DUE SOLD OUT A BUCINE E FIRENZE IL 18 E 19 MAGGIO ARRIVA A MILANO IL PLURIPREMIATO ROCK MUSICAL SPRING   AWAKENING   UN NUOVO ALLESTIMENTO REALIZZATO DAL REGISTA E PRODUTTORE   DENNY LANZA   L’EMOZIONANTE  SCHOOL EDITION  DEL CONTROVERSO MUSICAL SULL’ADOLESCENZA, VEDE PROTAGONISTI GLI ALLIEVI DI MTA – MUSICAL TIMES ACADEMY , L’ACCADEMIA DI MUSICAL PIÙ IMPORTANTE DELLA TOSCANA   Tratto dall’opera di Frank Wedekind Libretto e Testi Steven Sater Musiche Duncan Sheik   Regia Denny Lanza Coreografie Denny Lanza e Giovanni Ceniccola Direzione Musicale Armando Polito Traduzione e adattamento Maria Chiara Chiti Aiuto regia: Rocco Di Donato Questa produzione è presentata grazie a un accordo con Music Theatre International   Musical Times, realtà di formazione e produzione diretta da Denny Lanza, porta in scena il nuovo allestimento italiano di Spring Awakening, il controverso rock musical vincitore di numerosi Tony Awards, basato sull’opera di