Passa ai contenuti principali

“LA CLASSE OPERAIA VA IN PARADISO” - REGIA DI CLAUDIO LONGHI



DEBUTTA IL 6 NOVEMBRE AL TEATRO CARIGNANO DI TORINO 
“LA CLASSE OPERAIA VA IN PARADISO” 
REGIA DI CLAUDIO LONGHI, CON LINO GUANCIALE

Al Teatro Carignano di Torino, martedì 6 novembre 2018, alle ore 19.30, debutta LA CLASSE OPERAIA VA IN PARADISO, liberamente tratto dal film di Elio Petri (sceneggiatura Elio Petri e Ugo Pirro) di Paolo Di Paolo. Lo spettacolo è diretto da Claudio Longhi ed è interpretato da Donatella Allegro, Nicola Bortolotti, Michele Dell'Utri, Simone Francia, Lino Guanciale, Diana Manea, Eugenio Papalia, Franca Penone, Simone Tangolo, Filippo Zattini. 


Le scene sono di Guia Buzzi, i costumi di Gianluca Sbicca, le luci di Vincenzo Bonaffini, i video di Riccardo Frati e le musiche e gli arrangiamenti di Filippo Zattini.
Lo spettacolo, prodotto da Emilia Romagna Teatro Fondazione, resterà in scena per la Stagione in abbonamento del Teatro Stabile di Torino – Teatro Nazionale fino a domenica 18 novembre.

Libero adattamento del film di Elio Petri, Palma d’Oro a Cannes, che nel 1971 toccò i nervi scoperti della sinistra italiana. La storia grottesca dello stakanovista pentito Lulù Massa rivive con Lino Guanciale, amato attore di teatro e fiction televisive, nel ruolo che fu di Gian Maria Volonté.

Quasi mezzo secolo fa La classe operaia va in paradiso di Elio Petri trionfò al Festival di Cannes, dove vinse la Palma d’Oro, mentre in Italia fu accolto da un compatto dissenso. Troppo realistica,
troppo cupa, troppo feroce la parabola dell’operaio a cottimo Ludovico Massa, detto Lulù, crumiro pentito che da stakanovista-schiavo diventa paladino dei diritti dei lavoratori.
Una storia che arriva in palcoscenico con la regia di Claudio Longhi e con Lino Guanciale, popolare attore televisivo, nel ruolo icona di Gian Maria Volonté, e Franca Penone in quello che fu di Salvo Randone. L’adattamento è dello scrittore Paolo Di Paolo, tra i maggiori romanzieri italiani, ma anche drammaturgo, che costruisce un'inedita tessitura lavorando sulla sceneggiatura di Elio Petri e Ugo Pirro a partire dai materiali della loro officina creativa.
Del film si raccontano la genesi e la pessima accoglienza nell’Italia fedele alla linea dei primi anni ’70, quella dei cineforum, dei dibattiti in voga, poi stigmatizzati da Nanni Moretti e Fantozzi, ricorda Di Paolo.
Lo spettacolo è, dunque, anche un viaggio nella memoria collettiva, sociale e letteraria, e una ricostruzione dell’Italia di quel periodo. Oggi la classe operaia non esiste più, «dispersa e nascosta dietro gli innumerevoli volti del lavoro flessibile», dichiara il regista Claudio Longhi. Eppure un tratto comune lega la fabbrica di Lulù Massa e i lindi, asettici uffici dell’odierno proletariato dei call center: il ritmo ossessionante e costrittivo di una quotidianità, allora e ancora oggi, alienata.

Per RETROSCENA
il progetto realizzato dal Teatro Stabile di Torino – Teatro Nazionale con l’Università degli Studi di Torino / Dams - Università degli Studi di Torino / CRAD
al TEATRO GOBETTI
mercoledì 7 novembre 2018, ore 17.30
Claudio Longhi e gli attori della Compagnia dialogano 
con Federica Mazzocchi (DAMS/Università di Torino) 
su LA CLASSE OPERAIA VA IN PARADISO di Paolo Di Paolo.

Ingresso libero fino ad esaurimento dei posti in sala



TORINO, TEATRO CARIGNANO
6 - 18 novembre 2018
    LA CLASSE OPERAIA VA IN PARADISO
liberamente tratto dal film di Elio Petri (sceneggiatura Elio Petri e Ugo Pirro)
di Paolo Di Paolo
con Donatella Allegro, Nicola Bortolotti, Michele Dell'Utri, Simone Francia,
Lino Guanciale, Diana Manea, Eugenio Papalia, Franca Penone, Simone TangoloFilippo Zattini
regia Claudio Longhi
scene Guia Buzzi
costumi Gianluca Sbicca
luci Vincenzo Bonaffini
video Riccardo Frati
musiche e arrangiamenti Filippo Zattini
regista assistente Giacomo Pedini
foto di scena Giuseppe Distefano
Emilia Romagna Teatro Fondazione

Durata: 2 h e 30 minuti più intervallo


INFO: Tel. 011 5169555 - Numero verde 800235333 - info@teatrostabiletorino.it
Teatro: Carignano, Piazza Carignano 6, Torino
Orari degli spettacoli: martedì, giovedì e sabato, ore 19.30; mercoledì e venerdì, ore 20.45; domenica, ore 15.30. Lunedì riposo.
Prezzi dei biglietti: Settore A: Intero € 37,00. Ridotto di legge € 34,00 - Settore B: Intero € 31,00. Ridotto di legge € 28,00
Biglietteria del Teatro Stabile di Torino | Teatro Gobetti - via Rossini 8, Torino - dal martedì al sabato, dalle ore 13.00 alle ore 19.00. Domenica e lunedì riposo. 
Apertura biglietteria del teatro a partire da un’ora e mezza prima dell’inizio dello spettacolo.
Vendita on-line: www.teatrostabiletorino.it  

Commenti

Post popolari in questo blog

Torna a Milano la Baltic Sea Youth Philharmonic

Torna a Milano la Baltic Sea Youth Philharmonic, l'orchestra che unisce le diverse tradizioni musicali dei paesi che circondano il Mar Baltico, nella convinzione che la musica non conosca né confini né limiti, sia di natura geografica che di genere. Il tour, realizzato grazie al sostegno di Saipem, debutterà il 10 settembre a Heiden, in Germania, e toccherà, in dieci giorni, nove differenti città in Svizzera, Italia, Danimarca e Polonia. In Italia la Baltic Sea Youth Philharmonic sarà a Milano il 14 settembre nel suggestivo contesto della Basilica di Santa Maria delle Grazie, ospite dell’Associazione Musicale ArteViva, e a Verona il 15 settembre al Teatro Filarmonico per il festival “Settembre dell’Accademia” dove si esibirà per il secondo anno consecutivo. Il pubblico milanese avrà il piacere di applaudire i giovani artisti della Baltic Sea Youth Philharmonic per la quarta volta. L’orchestra, fondata nel 2008 da Kristjan Järvi (affiancato da un prestigioso consiglio di consulent

Rugantino - dal 10 marzo al Sistina!

  Per la gioia del pubblico rivive una pagina indimenticabile della lunga e gloriosa storia del Teatro Sistina: dopo lo stop forzato dovuto alla pandemia, dal prossimo giovedì 10, e fino al 27 marzo, sarà di nuovo in scena, con la supervisione di Massimo Romeo Piparo, la maschera amara e dissacrante di "Rugantino" dei mitici Garinei & Giovannini. Lo spettacolo, che fonde mirabilmente tradizione e modernità, viene presentato nella sua versione storica originale, con la regia di Pietro Garinei, le splendide musiche del M° Armando Trovajoli, le preziose scene e i bellissimi costumi originali firmati da Giulio Coltellacci: un imperdibile ritorno alle radici e un'occasione per riscoprire un classico del teatro musicale italiano. Sul palco, la splendida Serena Autieri, ancora una volta straordinaria interprete dell'intrigante personaggio di Rosetta, donna bella altera e irraggiungibile, che fa battere il cuore di Rugantino, un ruolo in cui l’attrice napoletana dà prova

Torna in scena "The Boys in the band". Gabrio Gentilini sarà ancora Donald.

Gabrio Gentilini sarà in scena sabato 26 marzo al Teatro Nuovo di San Marino con lo spettacolo “The Boys in the Band”, di cui è co-protagonista dalla prima messa in scena italiana del 2019. Nella piece, proposta al pubblico italiano grazie alla traduzione e all’adattamento di Costantino della Gherardesca, che la produce accanto a Giorgio Bozzo, il regista, Gabrio ricopre il ruolo di Donald, un ragazzo di 28 anni, americano e gay, che con la sua presenza a una festa di compleanno tra amici omosessuali in un appartamento di New York a fine anni '60, creerà varie dinamiche all’interno del gruppo, in un crescendo di colpi di scena, tensione, umorismo feroce e riflessioni profonde. Gabrio ha nel suo curriculum esperienze molto importanti nel teatro di prosa e musicale oltre che ruoli in produzioni cinematografiche e televisive nazionali. “Sono veramente contento di portare questo spettacolo nella mia Romagna. Ne amo il testo, così come la sintonia che si crea con i mie colleghi ogni vol