Passa ai contenuti principali

EsotericArte - Regia di Massimiliano Vado

EsotericArte
I MISTERI DELL’ARTE ITALIANA MEDIEVALE
di e con ELIO CRIFO’
con la partecipazione straordinaria di PIERGIORGIO ODIFREDDI
Regia di Massimiliano Vado

LUNEDI’ 19 NOVEMBRE ORE 20:45
TEATRO SALA UMBERTO- ROMA


Lunedì 19 novembre evento speciale al Teatro Sala Umberto di Roma con EsotericArte, un affascinante viaggio tra esoterismo, simbologia e numerologia di e con Elio Crifò, anche autore dell’omonimo libro, e la partecipazione straordinaria del prof. Piergiorgio Odifreddi, uno dei filosofi e matematici più interessanti del nostro tempo, diretti in scena da Massimiliano Vado.

L’Arte, la Cultura e il Pensiero sono le vere droghe dell’uomo, quelle sostanze stupefacenti che fanno approdare in mondi sconosciuti, in emozioni psichedeliche, in “sballi” che non finiscono mai. Che senso ha creare un’opera d’Arte? Perché abbiamo edifici costruiti con il senso dell’otto? Perché abbiamo Cattedrali con la filosofia del tre? O palazzi con giochi geometrici, proporzione auree e disposizioni astrali e cosmologiche? Che cosa unisce Stonehenge con Picasso, e Bach con i Deep Purple, i Genesis? Perché abbiamo una grande quantità di mosaici, affreschi, edifici e sculture, ricoperti di simboli alchemici, gnostici, cabalistici che ancor oggi risultano incomprensibili e misteriosi?

EsotericArte è uno spettacolo che, attraverso un percorso non convenzionale ed emozionante, risponde a queste domande conducendo il pubblico all’interno dei mille anni del Medioevo.

In un Paese come il nostro, ricco di leggi massoniche e di studiosi di esoterismo, è strano che nessuno riesca a decifrare nulla. Come nelle stragi esistono depistaggi, così anche nella nostra Storia dell’Arte. Addirittura in certi luoghi archeologici è stata praticata la damnatio memoriae, ossia la cancellazione di qualsiasi traccia tramandabile ai posteri, in modo da non rendere più decifrabile la simbologia in essi contenuta.

Elio Crifò guarda alcune delle più grandi opere del Medioevo con un occhio diverso, mettendone in evidenza particolari caratteristiche e “vedendo” le opere da un punto di vista esoterico. Grazie ad una proiezione che abbraccia l’intero palcoscenico, gli spettatori entrano nell’Arte italiana medievale e a volte vi entrerà anche l’attore, che interagirà con le opere, ci scherzerà su, ci spiegherà i simboli, ci racconterà le storie e le vicende di alcuni Re, le vicende della “pornocrazia romana”, delle visioni di Jung, dell’esoterismo di Dante. Un viaggio “pulp” nell’Arte, che parte da Ravenna e i suoi mosaici, e si conclude sulla tomba di Dante a Ravenna, compiendo così una narrazione esoterica circolare.

In questa serata speciale, si aggiunge la partecipazione di Piergiorgio Odifreddi che stupirà il pubblico, svelando i rapporti tra uomo e numeri, tra matematica ed Arte, tra geometria e religione. Il professore analizzerà alcune opere esposte da Crifò svelandone le relazioni intime che legano la sezione aurea e la successione di Fibonacci alla musica, all’architettura, alla filosofia, alla religione.


INFO
19 NOVEMBRE 2018 ORE 20:45
TEATRO SALA UMBERTO- VIA DELLA MERCEDE 50
Biglietti: intero platea 26 euro/Ridotto platea 20 euro
Intero galleria 18 euro/Ridotto galleria 14 euro
Studenti 10 euro galleria


Commenti

Post popolari in questo blog

Torna a Milano la Baltic Sea Youth Philharmonic

Torna a Milano la Baltic Sea Youth Philharmonic, l'orchestra che unisce le diverse tradizioni musicali dei paesi che circondano il Mar Baltico, nella convinzione che la musica non conosca né confini né limiti, sia di natura geografica che di genere. Il tour, realizzato grazie al sostegno di Saipem, debutterà il 10 settembre a Heiden, in Germania, e toccherà, in dieci giorni, nove differenti città in Svizzera, Italia, Danimarca e Polonia. In Italia la Baltic Sea Youth Philharmonic sarà a Milano il 14 settembre nel suggestivo contesto della Basilica di Santa Maria delle Grazie, ospite dell’Associazione Musicale ArteViva, e a Verona il 15 settembre al Teatro Filarmonico per il festival “Settembre dell’Accademia” dove si esibirà per il secondo anno consecutivo. Il pubblico milanese avrà il piacere di applaudire i giovani artisti della Baltic Sea Youth Philharmonic per la quarta volta. L’orchestra, fondata nel 2008 da Kristjan Järvi (affiancato da un prestigioso consiglio di consulent

Rugantino - dal 10 marzo al Sistina!

  Per la gioia del pubblico rivive una pagina indimenticabile della lunga e gloriosa storia del Teatro Sistina: dopo lo stop forzato dovuto alla pandemia, dal prossimo giovedì 10, e fino al 27 marzo, sarà di nuovo in scena, con la supervisione di Massimo Romeo Piparo, la maschera amara e dissacrante di "Rugantino" dei mitici Garinei & Giovannini. Lo spettacolo, che fonde mirabilmente tradizione e modernità, viene presentato nella sua versione storica originale, con la regia di Pietro Garinei, le splendide musiche del M° Armando Trovajoli, le preziose scene e i bellissimi costumi originali firmati da Giulio Coltellacci: un imperdibile ritorno alle radici e un'occasione per riscoprire un classico del teatro musicale italiano. Sul palco, la splendida Serena Autieri, ancora una volta straordinaria interprete dell'intrigante personaggio di Rosetta, donna bella altera e irraggiungibile, che fa battere il cuore di Rugantino, un ruolo in cui l’attrice napoletana dà prova

Torna in scena "The Boys in the band". Gabrio Gentilini sarà ancora Donald.

Gabrio Gentilini sarà in scena sabato 26 marzo al Teatro Nuovo di San Marino con lo spettacolo “The Boys in the Band”, di cui è co-protagonista dalla prima messa in scena italiana del 2019. Nella piece, proposta al pubblico italiano grazie alla traduzione e all’adattamento di Costantino della Gherardesca, che la produce accanto a Giorgio Bozzo, il regista, Gabrio ricopre il ruolo di Donald, un ragazzo di 28 anni, americano e gay, che con la sua presenza a una festa di compleanno tra amici omosessuali in un appartamento di New York a fine anni '60, creerà varie dinamiche all’interno del gruppo, in un crescendo di colpi di scena, tensione, umorismo feroce e riflessioni profonde. Gabrio ha nel suo curriculum esperienze molto importanti nel teatro di prosa e musicale oltre che ruoli in produzioni cinematografiche e televisive nazionali. “Sono veramente contento di portare questo spettacolo nella mia Romagna. Ne amo il testo, così come la sintonia che si crea con i mie colleghi ogni vol