Passa ai contenuti principali

“ARTE E OMOSESSUALITà” a cura di Vittorio Sgarbi





«Tutto ciò che posseggo è dovuto all’arte. […] Ho goduto, durante il mio lungo soggiorno nella Capitale di costanti e concrete manifestazioni di affetto e di attenzione […]. Desidero quindi lasciare una parte dei miei beni per costituire un fondo destinato non solo agli artisti tedeschi bisognosi, ma anche a quelli italiani sperando che il mio esempio possa trovare dei continuatori» (Franz Ludwig Catel). 


Questo il fondamento alla base dell’istituzione della Fondazione Catel, ente che ha l’impegno di rispettare la volontà testamentaria del paesaggista tedesco di cui porta il nome e che anche quest’anno ha indetto un premio di pittura che si inaugurerà il prossimo 20 novembre nel Museo Umberto Mastroianni di Roma (Musei di San Salvatore in Lauro) – sotto il patrocinio della Regione Lazio e del Comune di Roma – attraverso una mostra a cura del critico d’arte Vittorio Sgarbi. Il Premio Catel, organizzato da “Il Cigno GG Edizioni” in collaborazione con il “Centro Studi dell’Opera di Umberto Mastroianni”, quest’anno è intitolato “ARTE E OMOSESSUALITà”. Il tema è aperto a tutte le tecniche e ad ogni tendenza espressiva e pittorica basata su supporto bidimensionale.

Un evento che oramai rappresenta una realtà consolidata attraverso cui studenti italiani e stranieri, selezionati dalle Accademie di Belle Arti Nazionali, hanno la possibilità di farsi conoscere attraverso una mostra e la pubblicazione di un catalogo nonché di aggiudicarsi un premio in denaro a sostegno per la loro attività (primo premio/acquisto di € 10.000,00; secondo premio di € 3.000,00; terzo premio di € 2.000,00).

Ai vincitori verrà consegnata, oltre al premio in denaro, una targa attestante il riconoscimento, mentre tutti i partecipanti riceveranno un attestato di partecipazione. La Giuria si riserva di attribuire delle menzioni speciali qualora dovesse individuare opere particolarmente significative sul piano qualitativo e della ricerca. L’opera vincitrice rimarrà di proprietà della Fondazione Franz Ludwig Catel.

A presentare la manifestazione, come detto, sarà il Professor Vittorio Sgarbi. Per l’occasione verrà stampato un catalogo con testo critico proprio da Sgarbi e interventi della Dottoressa Elisabeth Wolken, Presidente della Fondazione, e del Dottor Lorenzo Zichichi.

I giovani artisti partecipanti avranno la possibilità di esporre la propria opera in un luogo prestigioso e pubblicarla su un catalogo beneficiando di tutta la pubblicità che ne consegue. Il pubblico avrà occasione di ammirare le opere dei giovani talenti che studiano nella nostra Nazione.

Il tema scelto dal Curatore quest'anno ha come oggetto una tematica complessa e delicata. Da migliaia di anni l'omosessualità viene descritta e dipinta dagli artisti e, intento della manifestazione di quest’anno, è quello di vedere come tale tematica viene interpretata su tela dagli artisti del XXI secolo.

La Commissione Giudicatrice per quest’edizione del Premio Catel è composta da:

Dott.ssa Elisabeth Wolken Presidente Fondazione Franz Ludwig Catel


Prof. Ernesto Lamagna


Prof. Alfio Mongelli


Arch. Leonardo Busiri Vici


Prof. Vittorio Sgarbi



Scheda Tecnica

Titolo: “Premio Catel 2018. Arte e Omosessualità”
A cura di: Vittorio Sgarbi
Luogo: Museo Umberto Mastroianni, Musei di San Salvatore in Lauro, Roma
(piazza San Salvatore in Lauro, 15)
Organizzazione: Il Cigno GG Edizioni
In collaborazione con: Centro Studi dell’Opera di Umberto Mastroianni
Date: 21 novembre – 4 dicembre 2018
Inaugurazione: 20 novembre 2018, ore 17.30
Catalogo: Il Cigno GG Edizioni
Info: Il Cigno GG Edizioni - 06 6865493 redazione@ilcigno.org

Commenti

Post popolari in questo blog

Torna a Milano la Baltic Sea Youth Philharmonic

Torna a Milano la Baltic Sea Youth Philharmonic, l'orchestra che unisce le diverse tradizioni musicali dei paesi che circondano il Mar Baltico, nella convinzione che la musica non conosca né confini né limiti, sia di natura geografica che di genere. Il tour, realizzato grazie al sostegno di Saipem, debutterà il 10 settembre a Heiden, in Germania, e toccherà, in dieci giorni, nove differenti città in Svizzera, Italia, Danimarca e Polonia. In Italia la Baltic Sea Youth Philharmonic sarà a Milano il 14 settembre nel suggestivo contesto della Basilica di Santa Maria delle Grazie, ospite dell’Associazione Musicale ArteViva, e a Verona il 15 settembre al Teatro Filarmonico per il festival “Settembre dell’Accademia” dove si esibirà per il secondo anno consecutivo. Il pubblico milanese avrà il piacere di applaudire i giovani artisti della Baltic Sea Youth Philharmonic per la quarta volta. L’orchestra, fondata nel 2008 da Kristjan Järvi (affiancato da un prestigioso consiglio di consulent

Rugantino - dal 10 marzo al Sistina!

  Per la gioia del pubblico rivive una pagina indimenticabile della lunga e gloriosa storia del Teatro Sistina: dopo lo stop forzato dovuto alla pandemia, dal prossimo giovedì 10, e fino al 27 marzo, sarà di nuovo in scena, con la supervisione di Massimo Romeo Piparo, la maschera amara e dissacrante di "Rugantino" dei mitici Garinei & Giovannini. Lo spettacolo, che fonde mirabilmente tradizione e modernità, viene presentato nella sua versione storica originale, con la regia di Pietro Garinei, le splendide musiche del M° Armando Trovajoli, le preziose scene e i bellissimi costumi originali firmati da Giulio Coltellacci: un imperdibile ritorno alle radici e un'occasione per riscoprire un classico del teatro musicale italiano. Sul palco, la splendida Serena Autieri, ancora una volta straordinaria interprete dell'intrigante personaggio di Rosetta, donna bella altera e irraggiungibile, che fa battere il cuore di Rugantino, un ruolo in cui l’attrice napoletana dà prova

Torna in scena "The Boys in the band". Gabrio Gentilini sarà ancora Donald.

Gabrio Gentilini sarà in scena sabato 26 marzo al Teatro Nuovo di San Marino con lo spettacolo “The Boys in the Band”, di cui è co-protagonista dalla prima messa in scena italiana del 2019. Nella piece, proposta al pubblico italiano grazie alla traduzione e all’adattamento di Costantino della Gherardesca, che la produce accanto a Giorgio Bozzo, il regista, Gabrio ricopre il ruolo di Donald, un ragazzo di 28 anni, americano e gay, che con la sua presenza a una festa di compleanno tra amici omosessuali in un appartamento di New York a fine anni '60, creerà varie dinamiche all’interno del gruppo, in un crescendo di colpi di scena, tensione, umorismo feroce e riflessioni profonde. Gabrio ha nel suo curriculum esperienze molto importanti nel teatro di prosa e musicale oltre che ruoli in produzioni cinematografiche e televisive nazionali. “Sono veramente contento di portare questo spettacolo nella mia Romagna. Ne amo il testo, così come la sintonia che si crea con i mie colleghi ogni vol