Passa ai contenuti principali

ALLA MIA ETÀ MI NASCONDO ANCORA PER FUMARE – Regia di Serena Sinigaglia

Photo Serrani
Al Teatro Carcano di Milano – da giovedì 15 a domenica 25 novembre 2018
ALLA MIA ETÀ MI NASCONDO ANCORA PER FUMARE – Regia di Serena Sinigaglia

Testo corale, tutto al femminile, per otto straordinarie attrici, scritto dall’autrice algerina Rayhana, Alla mia età mi nascondo ancora per fumare narra una storia vera, semplice, diretta, piena di vita e contraddizioni. L’azione si svolge ad Algeri, ai giorni nostri. Siamo in un hammam, nel giorno riservato alle donne. Quel giorno, però, sarà diverso da tutti gli altri.

Nove personaggi, nove donne algerine, sono costrette a barricarsi dentro l’hammam, per sfuggire all’ira di parenti e uomini barbuti che reclamano il diritto di punire una di loro, ritrovata incinta senza il consenso dei genitori. Tra i vapori e le acque delle vasche si crea un’intimità speciale tra le donne, le quali, a turno, rivelano le loro storie, le loro speranze, i loro dolori, le loro rabbie: quello spazio protetto, caldo ed accogliente, un luogo sospeso, lontano dai clamori e dai rumori della città, le incoraggia a “spogliarsi” e confidarsi anche i segreti più delicati.

Ogni personaggio ha il suo punto di vista ed è diverso dall’altro per età, condizione sociale, destino più o meno sfortunato, speranza, disillusione e convinzioni religiose. Una cosa, però, li accomuna tutti: il ruolo della donna all’interno di una società come quella islamica.

Ci immergiamo, così, nel mondo delle donne islamiche, nella loro difficile convivenza con la cultura patriarcale, estremista, bigotta, violenta e repressiva dei propri uomini. Una dimensione tragica, raccontata però con grande ironia e autoironia. “È un viaggio che ci commuove e ci smuove e ci fa riflettere – spiega la regista Serena Sinigaglia – e anche una denuncia, perché nessuno al mondo dovrebbe essere costretto a sposarsi a dieci anni, a rinunciare agli studi, a diventare terrorista per riscattare una vita fatta di abusi e ingiustizie”. Lo spettacolo, prodotto da ATIR Teatro Ringhiera e Theater tri-bühne Stuttgart, torna a Milano per dieci recite al Teatro Carcano dopo gli “esauriti” al Teatro Ringhiera nel 2014 e 2016.

Rayhana è lo pseudonimo di un’autrice algerina. Non un nome d’arte, ma uno scudo protettivo assunto dalla scrittrice per poter continuare a scrivere ciò che scrive e pensare ciò che pensa, nonostante viva in un paese libero come la Francia. E proprio in Francia, mentre si recava a teatro, Rayhana è stata aggredita da un gruppo di integralisti islamici. Il perché, si desume da questo suo lavoro, che tocca temi di grande attualità con la sapienza di chi li conosce ben per averli vissuti sulla propria pelle e una leggerezza che restituisce forza ed incisività alla scena.
----------------------------------------------------


Al Teatro Carcano di Milano da giovedì 15 a domenica 25 novembre 2018

ALLA MIA ETÀ MI NASCONDO ANCORA PER FUMARE di Rayhana

Traduzione Mariella Fenoglio

Con (in o.a.) Matilde Facheris, Carla Manzon, Annagaia Marchioro,

Giorgia Senesi, Irene Serini, Marcela Serli, Chiara Stoppa, Sandra Zoccolan

Costumi Federica Ponissi - Scena Maria Spazzi - Disegno luci Roberta Faiolo

Regia Serena Sinigaglia

Personaggi e interpreti Louisa /Matilde Facheris; Nadia e Myriam/ Annagaia Marchioro;

Aicha/Carla Manzon; Madame Mouni /Giorgia Senesi; Samia /Irene Serini;

Fatima/ Marcela Serli; Zahia/Chiara Stoppa; Latifa/Sandra Zoccolan



Orari: mercoledì, giovedì e sabato ore 20,30 – martedì e venerdì ore 19,30 – domenica ore 16,00

Prezzi: poltronissima € 34,00 - balconata € 25,00 - ridotto over 65 € 22,00/18,00/17,00/14,50

Ridotto under 26 € 15,00/13,50 - Prenotazioni: 02 55181377 – 02 55181362

Prevendite online: www.ticketone.itwww.happyticket.itwww.vivaticket.it

È valido “Invito a Teatro” (tagliando ATIR Teatro Ringhiera)

Commenti

Post popolari in questo blog

Torna a Milano la Baltic Sea Youth Philharmonic

Torna a Milano la Baltic Sea Youth Philharmonic, l'orchestra che unisce le diverse tradizioni musicali dei paesi che circondano il Mar Baltico, nella convinzione che la musica non conosca né confini né limiti, sia di natura geografica che di genere. Il tour, realizzato grazie al sostegno di Saipem, debutterà il 10 settembre a Heiden, in Germania, e toccherà, in dieci giorni, nove differenti città in Svizzera, Italia, Danimarca e Polonia. In Italia la Baltic Sea Youth Philharmonic sarà a Milano il 14 settembre nel suggestivo contesto della Basilica di Santa Maria delle Grazie, ospite dell’Associazione Musicale ArteViva, e a Verona il 15 settembre al Teatro Filarmonico per il festival “Settembre dell’Accademia” dove si esibirà per il secondo anno consecutivo. Il pubblico milanese avrà il piacere di applaudire i giovani artisti della Baltic Sea Youth Philharmonic per la quarta volta. L’orchestra, fondata nel 2008 da Kristjan Järvi (affiancato da un prestigioso consiglio di consulent

Rugantino - dal 10 marzo al Sistina!

  Per la gioia del pubblico rivive una pagina indimenticabile della lunga e gloriosa storia del Teatro Sistina: dopo lo stop forzato dovuto alla pandemia, dal prossimo giovedì 10, e fino al 27 marzo, sarà di nuovo in scena, con la supervisione di Massimo Romeo Piparo, la maschera amara e dissacrante di "Rugantino" dei mitici Garinei & Giovannini. Lo spettacolo, che fonde mirabilmente tradizione e modernità, viene presentato nella sua versione storica originale, con la regia di Pietro Garinei, le splendide musiche del M° Armando Trovajoli, le preziose scene e i bellissimi costumi originali firmati da Giulio Coltellacci: un imperdibile ritorno alle radici e un'occasione per riscoprire un classico del teatro musicale italiano. Sul palco, la splendida Serena Autieri, ancora una volta straordinaria interprete dell'intrigante personaggio di Rosetta, donna bella altera e irraggiungibile, che fa battere il cuore di Rugantino, un ruolo in cui l’attrice napoletana dà prova

Torna in scena "The Boys in the band". Gabrio Gentilini sarà ancora Donald.

Gabrio Gentilini sarà in scena sabato 26 marzo al Teatro Nuovo di San Marino con lo spettacolo “The Boys in the Band”, di cui è co-protagonista dalla prima messa in scena italiana del 2019. Nella piece, proposta al pubblico italiano grazie alla traduzione e all’adattamento di Costantino della Gherardesca, che la produce accanto a Giorgio Bozzo, il regista, Gabrio ricopre il ruolo di Donald, un ragazzo di 28 anni, americano e gay, che con la sua presenza a una festa di compleanno tra amici omosessuali in un appartamento di New York a fine anni '60, creerà varie dinamiche all’interno del gruppo, in un crescendo di colpi di scena, tensione, umorismo feroce e riflessioni profonde. Gabrio ha nel suo curriculum esperienze molto importanti nel teatro di prosa e musicale oltre che ruoli in produzioni cinematografiche e televisive nazionali. “Sono veramente contento di portare questo spettacolo nella mia Romagna. Ne amo il testo, così come la sintonia che si crea con i mie colleghi ogni vol