Passa ai contenuti principali

Seconda edizione del Concorso teatrale #inplatea" 4 e 5 dicembre 2018


La PlateaRivista di cultura teatrale
in collaborazione con
ASSOCIAZIONE CULTURALE TEATRO TRASTEVERE

Presenta

La seconda edizione del Concorso teatrale #inplatea - al Teatro Trastevere
4 – 5 dicembre 2018
La Platea, rivista di cultura teatrale da anni impegnata nella diffusione della cultura teatrale apre il bando per partecipare alla seconda edizione del concorso teatrale #inplatea. Il concorso è volto alla ricerca drammaturgica e alla valorizzazione culturale di registi ed attori under 40.
Sono ammessi a concorrere singoli artisti e compagnie, italiani o stranieri, che esercitano nel mondo dello spettacolo e che abbiano prodotto un nuovo lavoro nel corso dell’ultimo anno solare.
Gli artisti che intendono partecipare al
Concorso #inplatea dovranno far pervenire entro e non oltre il 10 novembre 2018 le opere alla mail redazione@laplatea.it corredate da almeno tre foto di scena e dalla ricevuta di pagamento della quota di ammissione.
L’opera vincitrice andrà in scena al teatro Trastevere in due repliche,
nelle date 4 – 5 dicembre 2018.


REQUISITI DI AMMISSIONE AL CONCORSO
  • La selezione è destinata ai singoli artisti e alle compagnie emergenti e indipendenti, formate prevalentemente da under 40, che abbiano prodotto o stiano per produrre un nuovo lavoro;
  • Sono ammesse tutte le forme di espressione artistica e/o tratte da testi editi o inediti purché siano risolte tutte le questioni legate al diritto d’autore;
ISCRIZIONE DELLE OPERE
  • Le opere che intendono partecipare Concorso #inplatea dovranno pervenire entro e non oltre il 10 novembre 2018 il copione che si intende rappresentare alla mail redazione@laplatea.it corredato di tre foto di scena e breve sinossi dello spettacolo della lunghezza massima di 2.000 caratteri spazi inclusi. Inoltre dovranno essere inviate:
  • Generalità complete del legale rappresentante della compagnia, con recapito telefonico ed orario di reperibilità;
  • Titolo dell’opera che si intende rappresentare, con il nome dell’autore e del traduttore, se straniero;
  • Durata dello spettacolo che si intende mettere in scena. La durata degli spettacoli proposti non dovrà superare i 120 minuti e non essere inferiore ai 45 minuti;
  • Eventuali note di regia dello spettacolo proposto;
  • Elenco completo del cast artistico, compresi i tecnici;
  • Copia del pagamento della quota di iscrizione al concorso di € 10,00 (euro dieci,00) per le spese di organizzazione da versare sulla postepay n. 4023 6009 2371 5579;
  • Dichiarazione di accettazione incondizionata del presente regolamento;

SELEZIONE DELL’OPERA VINCITRICE
  1. La selezione delle opera vincitrice del Concorso avverrà sulla base della qualità artistica che il comitato di critici teatrali de La Platea attribuirà alle opere visionate.
  2. La giuria sarà composta da dodici (12) giurati, critici della rivista La Platea più un esperto musicale (per un totale di tredici giurati) che selezioneranno, fra tutte, un massimo di dieci (10) opere che accederanno alla fase finale.
  3. Nella fase finale ogni critico darà un voto, in trentesimi ad ogni spettacolo proposto. Al voto dei giurati si aggiunge quello della platea, ovvero dei lettori della rivista La Platea, che sul sito www.laplatea.it potranno dire quale spettacolo vorrebbero far vincere. Sarà possibile votare dal 2 al 20 novembre 2018. Il totale dei voti decreterà l’opera vincitrice.
  4. Sul sito www.laplatea.it verranno pubblicate solo le foto di scena e la sinossi dello spettacolo inviato e non l’intero copione dell’opera.
  5. Al termine della procedura di selezione il comitato comunicherà al/ai vincitore/i l’esito del concorso.
  6. La Platea e il teatro Trastevere pubblicheranno entro il 26 novembre 2018 lo spettacolo vincitore e che andrà in scena.
  7. Una volta in scena lo spettacolo verrà nuovamente giudicato, sia dai critici della rivista che dalla platea presente in sala.
  8. Il verdetto della Giuria è insindacabile.



Commenti

Post popolari in questo blog

Torna a Milano la Baltic Sea Youth Philharmonic

Torna a Milano la Baltic Sea Youth Philharmonic, l'orchestra che unisce le diverse tradizioni musicali dei paesi che circondano il Mar Baltico, nella convinzione che la musica non conosca né confini né limiti, sia di natura geografica che di genere. Il tour, realizzato grazie al sostegno di Saipem, debutterà il 10 settembre a Heiden, in Germania, e toccherà, in dieci giorni, nove differenti città in Svizzera, Italia, Danimarca e Polonia. In Italia la Baltic Sea Youth Philharmonic sarà a Milano il 14 settembre nel suggestivo contesto della Basilica di Santa Maria delle Grazie, ospite dell’Associazione Musicale ArteViva, e a Verona il 15 settembre al Teatro Filarmonico per il festival “Settembre dell’Accademia” dove si esibirà per il secondo anno consecutivo. Il pubblico milanese avrà il piacere di applaudire i giovani artisti della Baltic Sea Youth Philharmonic per la quarta volta. L’orchestra, fondata nel 2008 da Kristjan Järvi (affiancato da un prestigioso consiglio di consulent

Rugantino - dal 10 marzo al Sistina!

  Per la gioia del pubblico rivive una pagina indimenticabile della lunga e gloriosa storia del Teatro Sistina: dopo lo stop forzato dovuto alla pandemia, dal prossimo giovedì 10, e fino al 27 marzo, sarà di nuovo in scena, con la supervisione di Massimo Romeo Piparo, la maschera amara e dissacrante di "Rugantino" dei mitici Garinei & Giovannini. Lo spettacolo, che fonde mirabilmente tradizione e modernità, viene presentato nella sua versione storica originale, con la regia di Pietro Garinei, le splendide musiche del M° Armando Trovajoli, le preziose scene e i bellissimi costumi originali firmati da Giulio Coltellacci: un imperdibile ritorno alle radici e un'occasione per riscoprire un classico del teatro musicale italiano. Sul palco, la splendida Serena Autieri, ancora una volta straordinaria interprete dell'intrigante personaggio di Rosetta, donna bella altera e irraggiungibile, che fa battere il cuore di Rugantino, un ruolo in cui l’attrice napoletana dà prova

Torna in scena "The Boys in the band". Gabrio Gentilini sarà ancora Donald.

Gabrio Gentilini sarà in scena sabato 26 marzo al Teatro Nuovo di San Marino con lo spettacolo “The Boys in the Band”, di cui è co-protagonista dalla prima messa in scena italiana del 2019. Nella piece, proposta al pubblico italiano grazie alla traduzione e all’adattamento di Costantino della Gherardesca, che la produce accanto a Giorgio Bozzo, il regista, Gabrio ricopre il ruolo di Donald, un ragazzo di 28 anni, americano e gay, che con la sua presenza a una festa di compleanno tra amici omosessuali in un appartamento di New York a fine anni '60, creerà varie dinamiche all’interno del gruppo, in un crescendo di colpi di scena, tensione, umorismo feroce e riflessioni profonde. Gabrio ha nel suo curriculum esperienze molto importanti nel teatro di prosa e musicale oltre che ruoli in produzioni cinematografiche e televisive nazionali. “Sono veramente contento di portare questo spettacolo nella mia Romagna. Ne amo il testo, così come la sintonia che si crea con i mie colleghi ogni vol