Passa ai contenuti principali

SAN MICHELE L'ANGELO DELL'APOCALISSE - Teatro comunale di Pomezia



Nella Città di Pomezia presso il Teatro Comunale, dopo il grande successo dell’Anteprima romana del 29 settembre 2017 e delle due date all’interno del Festival Michael di Monte Sant’Angelo in Puglia del maggio scorso, tornerà in scena, l'Opera musicale moderna:

San Michele- L’Angelo dell’Apocalisse.


Tutto pronto per l’avvio della stagione teatrale pometina 2018/2019. Sabato 10 novembre si alza il sipario sugli spettacoli promossi dal Comune di Pomezia che accompagneranno la cittadinanza fino ad aprile 2019. 23 spettacoli, di cui 8 per bambini, ingresso gratuito e 200 posti a sedere.

“Apriamo la stagione teatrale con il musical San Michele- L’Angelo dell’Apocalisse – spiega la vice Sindaco Simona Morcellini -L'Opera, prodotta da Arilu Music di Aristotele Aebli, con la regia di Andrea Palotto, è frutto della collaborazione del compositore Simone Martino con il poeta Lorenzo Cioce per i testi e Padre Gaetano Saracino per la dimensione spirituale.

Uno spettacolo importante, che segna l’avvio di una stagione culturale che vedrà alternarsi compagnie teatrali di professionisti e associazioni del territorio”.

“Continuiamo ad offrire una stagione teatrale completamente gratuita – aggiunge il Sindaco Adriano Zuccalà – Gli spazi culturali di Pomezia vanno alimentati, valorizzati e ampliati: la nostra Amministrazione sta lavorando per garantire alla cittadinanza l’utilizzo di luoghi, come il teatro, fondamentali per la crescita e la buona convivenza della comunità cittadina”.

L’Opera musicale nasce dall'idea del compositore Simone Martino di rappresentare la figura dell'Arcangelo Michele, guerriero difensore della volontà divina.

Lo spettacolo si ispira al Libro dell’Apocalisse e viene narrato con forza e vigore all’interno di una cornice profondamente spirituale con un linguaggio universale, concreto e attuale.

Protagonista è l’eterna lotta tra il bene e il male, rappresentata da San Michele, principe delle milizie celesti, e Lucifero, l'angelo ribelle.

"Ogni personaggio incarna un sentimento profondamente attuale" spiega Simone Martino. "Lucifero vive il dramma della superbia e dell'invidia nei confronti del Bene che viene inviato sulla Terra nella persona del Cristo, espressione totale della parola del Padre. Dio, che nella rappresentazione ha volto e sembianze umane, pone Lucifero di fronte ad una scelta. L'angelo ribelle sceglie e sprofonda creando l'impero del Male".

Numerosi gli spunti di riflessione offerti da questo suggestivo spettacolo musicale.

"L'Opera porta con sé, racconta Lorenzo Cioce, un messaggio di speranza. Con questo lavoro ci piace restituire il giusto significato al termine 'Apocalisse' che è rivelazione, verità rivelata”.

La durata dello spettacolo è di circa 80 minuti e la rappresentazione, eseguita rigorosamente live, sarà arricchita da splendidi e originali costumi di scena creati appositamente da Rita Pagano e Fabrizio Del Prete.

I trucchi dello spettacolo sono a cura di Jenny Tomasello

L'evento ha ottenuto il patrocinio del Santuario di San Michele Arcangelo di Monte Sant’Angelo (Fg) e della Città di Monte Sant’Angelo, Patrimonio mondiale dell’Unesco, dove è stata composta l’Opera.



CAST
San Michele: Luca Marconi
Lucifero: Luca Gaudiano
Dio: Giosuè Tortorelli
Maria: Martina Cenere
San Giovanni: Giovanni De Filippi
San Gabriele: Enrico D'Amore
San Raffaele: Michelengelo Nari
Lamia: Sharon Alessandri
Leviathan: Danilo Ramon Giannini

Con la partecipazione del coro delle voci bianche dell'Accademia Musical MTDA
diretto da Manuela Mazzini.

Inizio spettacolo: ore 21
Ingresso libero fino ad esaurimento posti, 200 posti a sedere
Facebook: https://www.facebook.com/sanmichelelangelodellapocalisseoperamusicale/
Indirizzo: Via della Tecnica 3, Pomezia (Rm)

Commenti

Post popolari in questo blog

Torna a Milano la Baltic Sea Youth Philharmonic

Torna a Milano la Baltic Sea Youth Philharmonic, l'orchestra che unisce le diverse tradizioni musicali dei paesi che circondano il Mar Baltico, nella convinzione che la musica non conosca né confini né limiti, sia di natura geografica che di genere. Il tour, realizzato grazie al sostegno di Saipem, debutterà il 10 settembre a Heiden, in Germania, e toccherà, in dieci giorni, nove differenti città in Svizzera, Italia, Danimarca e Polonia. In Italia la Baltic Sea Youth Philharmonic sarà a Milano il 14 settembre nel suggestivo contesto della Basilica di Santa Maria delle Grazie, ospite dell’Associazione Musicale ArteViva, e a Verona il 15 settembre al Teatro Filarmonico per il festival “Settembre dell’Accademia” dove si esibirà per il secondo anno consecutivo. Il pubblico milanese avrà il piacere di applaudire i giovani artisti della Baltic Sea Youth Philharmonic per la quarta volta. L’orchestra, fondata nel 2008 da Kristjan Järvi (affiancato da un prestigioso consiglio di consulent

Rugantino - dal 10 marzo al Sistina!

  Per la gioia del pubblico rivive una pagina indimenticabile della lunga e gloriosa storia del Teatro Sistina: dopo lo stop forzato dovuto alla pandemia, dal prossimo giovedì 10, e fino al 27 marzo, sarà di nuovo in scena, con la supervisione di Massimo Romeo Piparo, la maschera amara e dissacrante di "Rugantino" dei mitici Garinei & Giovannini. Lo spettacolo, che fonde mirabilmente tradizione e modernità, viene presentato nella sua versione storica originale, con la regia di Pietro Garinei, le splendide musiche del M° Armando Trovajoli, le preziose scene e i bellissimi costumi originali firmati da Giulio Coltellacci: un imperdibile ritorno alle radici e un'occasione per riscoprire un classico del teatro musicale italiano. Sul palco, la splendida Serena Autieri, ancora una volta straordinaria interprete dell'intrigante personaggio di Rosetta, donna bella altera e irraggiungibile, che fa battere il cuore di Rugantino, un ruolo in cui l’attrice napoletana dà prova

Torna in scena "The Boys in the band". Gabrio Gentilini sarà ancora Donald.

Gabrio Gentilini sarà in scena sabato 26 marzo al Teatro Nuovo di San Marino con lo spettacolo “The Boys in the Band”, di cui è co-protagonista dalla prima messa in scena italiana del 2019. Nella piece, proposta al pubblico italiano grazie alla traduzione e all’adattamento di Costantino della Gherardesca, che la produce accanto a Giorgio Bozzo, il regista, Gabrio ricopre il ruolo di Donald, un ragazzo di 28 anni, americano e gay, che con la sua presenza a una festa di compleanno tra amici omosessuali in un appartamento di New York a fine anni '60, creerà varie dinamiche all’interno del gruppo, in un crescendo di colpi di scena, tensione, umorismo feroce e riflessioni profonde. Gabrio ha nel suo curriculum esperienze molto importanti nel teatro di prosa e musicale oltre che ruoli in produzioni cinematografiche e televisive nazionali. “Sono veramente contento di portare questo spettacolo nella mia Romagna. Ne amo il testo, così come la sintonia che si crea con i mie colleghi ogni vol