Passa ai contenuti principali

Questo è l’anno della svolta, me lo sento




Avviso ai Soci
Associazione Culturale Teatro Trastevere
presenta

“Questo è l’anno della svolta, me lo sento”

di Veronica Liberale

Regia Pietro De Silva

Dal 23 al 28 ottobre 2018
Teatro Trastevere, Via Jacopa de’ Settesoli 3,
Dal martedì alla domenica ore 21.00.


Con
Fulvio Filoni
Veronica Liberale
Alessandro Moser
Costanza Noci
Antonello Pascale
Giada Prandi

Aiuto regia : Andrea de Luca
Produzione: Sorrisi d’autore

“Questo è l’anno dello svolta me lo sento”: l’ossessione costante dell’attore in cerca di gloria.
Un gruppo di attori, disoccupati , frustrati ed egoisti vengono assunti da un misterioso e latitante impresario per lavorare all’interno di un parco divertimenti per bambini. I sei protagonisti, che hanno sempre sognato chi la gloria sulle tavole del palcoscenico e chi il successo al cinema o la fama in televisione, si ritrovano così a dover interpretare i personaggi dell’immaginario in un posto sporco e fatiscente, alla mercé di orde di bambini scalmanati e irriverenti. La notizia della chiusura del parco li coglie comunque impreparati e di fronte alla disperazione decidono di occupare il posto, proclamandosi “paladini delle favole”, con la speranza di diventare famosi.
Con il sopraggiungere della notte ognuno si ritroverà di fronte alle proprie paure, ansie e desideri irrealizzati, in un’inevitabile e suggestiva resa dei conti, che li porterà ad una immedesimazione con il personaggio interpretato, obbligandoli ad una rocambolesca, tenera e divertentissima catarsi. Si rincontreranno anni dopo più vecchi e delusi che mai , costretti a mettere da parte i loro sogni.

Una commedia leggera e al tempo stesso amara sull’ eterno conflitto tra l’uomo e la maschera che è costretto ad indossare, una divertente pièces sul mondo sommerso degli attori, dai toni grotteschi, onirici e vagamente felliniani.


PIETRO DE SILVA, la regia
Pietro De Silva è un regista, un commediografo e un attore italiano fra i più prolifici. Il suo straordinario talento lo ha portato a lavorare con i migliori professionisti del nostro paese. La sua carriera, che si è sempre divisa tra piccolo e grande schermo inizia nel 1983 con la partecipazione al film Sing sing. Seguono ruoli più o
meno importanti, fino alla svolta: Roberto Benigni lo sceglie nel capolavoro La vita è bella, nel quale De Silva interpreta un detenuto nel campo di concentramento. Dopo qualche anno è Sergio Castellitto a volerlo nel drammatico Non ti muovere, tratto dall'omonimo romanzo di Margaret Mazzantini. Nel frattempo gira fiction tv di successo come Don Matteo, Boris, Il capo dei capi, Il giovane Montalbano. Nel 2011 appare nella commedia Nessuno mi può giudicare, al fianco della
protagonista Paola Cortellesi, mentre l'anno successivo è nel cast del drammatico Henry, diretto da Alessandro Piva e di Una domenica notte di Giuseppe Marco Albano. Nel 2015 partecipa al film di Gianluca Maria Tavarelli Una storia sbagliata e a quello di Emanuela Piovano L'età d'oro. Nel 2016 gira A effetto Domino di Fabio Massa.

Con “Questo è l'anno della svolta, me lo sento” appuntamento al Teatro Trastevere, Via Jacopa de’ Settesoli 3, dal 23 al 28 ottobre 2018. Dal martedì alla domenica ore 21.00.
-----------------------------
Teatro Trastevere
ingresso riservato ai soci
via Jacopa de'Settesoli 3, 00153 Roma
contatti: 065814004 info@teatrotrastevere.it
www.teatrotrastevere.it #ilpostodelleidee
https://www.facebook.com/teatrotrastevere/#
https://twitter.com/teatrotrast

Commenti

Post popolari in questo blog

Torna a Milano la Baltic Sea Youth Philharmonic

Torna a Milano la Baltic Sea Youth Philharmonic, l'orchestra che unisce le diverse tradizioni musicali dei paesi che circondano il Mar Baltico, nella convinzione che la musica non conosca né confini né limiti, sia di natura geografica che di genere. Il tour, realizzato grazie al sostegno di Saipem, debutterà il 10 settembre a Heiden, in Germania, e toccherà, in dieci giorni, nove differenti città in Svizzera, Italia, Danimarca e Polonia. In Italia la Baltic Sea Youth Philharmonic sarà a Milano il 14 settembre nel suggestivo contesto della Basilica di Santa Maria delle Grazie, ospite dell’Associazione Musicale ArteViva, e a Verona il 15 settembre al Teatro Filarmonico per il festival “Settembre dell’Accademia” dove si esibirà per il secondo anno consecutivo. Il pubblico milanese avrà il piacere di applaudire i giovani artisti della Baltic Sea Youth Philharmonic per la quarta volta. L’orchestra, fondata nel 2008 da Kristjan Järvi (affiancato da un prestigioso consiglio di consulent

Rugantino - dal 10 marzo al Sistina!

  Per la gioia del pubblico rivive una pagina indimenticabile della lunga e gloriosa storia del Teatro Sistina: dopo lo stop forzato dovuto alla pandemia, dal prossimo giovedì 10, e fino al 27 marzo, sarà di nuovo in scena, con la supervisione di Massimo Romeo Piparo, la maschera amara e dissacrante di "Rugantino" dei mitici Garinei & Giovannini. Lo spettacolo, che fonde mirabilmente tradizione e modernità, viene presentato nella sua versione storica originale, con la regia di Pietro Garinei, le splendide musiche del M° Armando Trovajoli, le preziose scene e i bellissimi costumi originali firmati da Giulio Coltellacci: un imperdibile ritorno alle radici e un'occasione per riscoprire un classico del teatro musicale italiano. Sul palco, la splendida Serena Autieri, ancora una volta straordinaria interprete dell'intrigante personaggio di Rosetta, donna bella altera e irraggiungibile, che fa battere il cuore di Rugantino, un ruolo in cui l’attrice napoletana dà prova

Torna in scena "The Boys in the band". Gabrio Gentilini sarà ancora Donald.

Gabrio Gentilini sarà in scena sabato 26 marzo al Teatro Nuovo di San Marino con lo spettacolo “The Boys in the Band”, di cui è co-protagonista dalla prima messa in scena italiana del 2019. Nella piece, proposta al pubblico italiano grazie alla traduzione e all’adattamento di Costantino della Gherardesca, che la produce accanto a Giorgio Bozzo, il regista, Gabrio ricopre il ruolo di Donald, un ragazzo di 28 anni, americano e gay, che con la sua presenza a una festa di compleanno tra amici omosessuali in un appartamento di New York a fine anni '60, creerà varie dinamiche all’interno del gruppo, in un crescendo di colpi di scena, tensione, umorismo feroce e riflessioni profonde. Gabrio ha nel suo curriculum esperienze molto importanti nel teatro di prosa e musicale oltre che ruoli in produzioni cinematografiche e televisive nazionali. “Sono veramente contento di portare questo spettacolo nella mia Romagna. Ne amo il testo, così come la sintonia che si crea con i mie colleghi ogni vol